Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Società civile e volontariato provati dalla pandemia, di Rocco D’Ambrosio

Società civile e volontariato provati dalla pandemia, di Rocco D’Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/11/2021 20:13
La forza del nostro Paese è nella solidarietà, non solo come orizzonte etico generale, ma come attenzione quotidiana nel promuovere gli attori dell’attivismo civico (volontari e non), motivarli e formarli continuamente, sostenerli con apposite e sufficienti risorse…

L’emergenza da Covid-19 rappresenta una crisi epocale: “La peggiore recessione globale dalla Seconda guerra mondiale”, secondo la World Bank. Una crisi innanzitutto sanitaria, ma con contraccolpi impressionanti, sull’economia, l’occupazione e la società tutta; tanto da farci dire con Harari che le decisioni, che si prendono oggi (si pensi al Pnrr) nel pubblico come nel privato, “potrebbero cambiare le nostre vite per gli anni avvenire”.

La situazione della società civile, precedente alla pandemia, presentava dei nodi problematici che hanno influito sul periodo pandemico. In particolare il rapporto con le istituzioni pubbliche, che in alcune fasi (specie durante i governi di centro destra) ha raggiunto livelli conflittuali molto alti. In generale condivido quanto affermato da Moro e Vannini: “Attualmente il potere dei partiti è più legato al controllo delle risorse dello Stato e alla gestione delle istituzioni pubbliche, dal livello nazionale a quello locale, piuttosto che alla loro presenza attiva nelle dinamiche della società civile e ad un forte legame di fiducia con i cittadini”. Da questa sintetica analisi si deduce come il nodo della conflittualità sia essenzialmente da ricercare in questi tre fattori: erogazione delle risorse alla società civile; competizione di alcuni politici con i soggetti della società civile; mancanza di politiche pubbliche chiare nella gestione di risorse finanziarie e associative.

I dati sull’intero fenomeno, per il periodo pandemico, scarseggiano; l’Istat ha monitorato solo alcuni comportamenti civici generali. Essi, ovviamente, sono da distinguere dalle attività e dalla presenza in termini di servizi e sostegno “sussidiario” che spesso forniscono le organizzazioni civiche. Una tendenza, presente quasi sempre nel nostro Paese, è un impegno che sorge e si rafforza, a livello civico, proprio a causa della sfiducia che si ripone nelle istituzioni o nelle amministrazioni pubbliche. In altri termini – come sappiamo bene – un conto sono i sentimenti e i comportamenti più o meno civici di tipo individuale, altro sono i fenomeni organizzati di partecipazione alla vita collettiva e alle problematiche pubbliche.

Infatti la mobilitazione di forze, risorse, tempo dedicate al supporto diretto, al sostegno sociale e psicologico, alla organizzazione di reti di informazione di vicinato, di iniziative di advocacy e di rappresentanza di diritti violati o non considerati, di aiuto alle famiglie e ai singoli è stato intensissimo, sia nel mondo religioso che laico. Tuttavia a questo enorme sforzo delle organizzazioni di volontariato non sempre è corrisposto un particolare intervento delle istituzioni pubbliche. La Caritas Italiana ha lamentato spesso “la criticità dell’assenza di indicazioni istituzionali, tant’è che le strutture si sono organizzate in una sorta di “fai da te” che ha prodotto una protezione efficace degli ospiti ma ha sensibilmente ridotto la capacità d’accoglienza. La richiesta di un confronto e delle indicazioni nazionali ha fatto si che si attivasse un Tavolo istituzionale presso il ministero della Salute e fossero emanate delle prime “Indicazioni ad interim certamente da aggiornare ed integrare”.

Si comprende bene come i cittadini tutti, in specie le persone più fragili, affrontano certamente momenti di incertezza e difficoltà. Diverse organizzazioni del Terzo Settore sono direttamente impegnate sul fronte del Covid-19; molti altri sono impegnati a sostenere le loro comunità; tutte queste associazioni, gruppi di volontariato, cooperative e imprese sociali sono comunque a vario titolo colpite dai provvedimenti. Inoltre si sta avvertendo una sorta di ritorno dello Stato centrale e delle Autonomie locali, dopo un periodo di arretramento. Tuttavia lo Stato sta reagendo con ritardo e in modo spesso incerto (si pensi al travagliato percorso del Codice del Terzo Settore, al suo iter di attuazione non ancora concluso oppure alla mancata conferma di sostegni finanziari al settore), e la grande e diffusa azione di difesa e solidarietà sociale che è comunque in atto risulta sostenuta, al di là dell’ambito strettamente sanitario, soprattutto da una miriade di organizzazioni (spesso informali e di piccole dimensioni, cosi da sfuggire ai censimenti ufficiali) che stanno offrendo alle comunità la possibilità di continuare a godere – pur coi limiti imposti dal distanziamento – dei servizi sociali essenziali.

La crisi pandemica, inoltre, ha sollecitato e, per alcuni aspetti, messo in crisi il nostro sistema sanitario e di servizi alle persone. Nella ripresa in atto è indispensabile riflettere sul modello di welfare più opportuno, efficace ed efficiente per il nostro Paese, iniziando dal ripensare il rapporto Stato centrale – autonomie locali, regionali e comunali, spesso causa di diversi disservizi.

https://formiche.net/2021/11/societa-civile-volontariato-pandemia-terzo-settore/

Azioni sul documento
  • Stampa
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.