Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Sinodo, la relazione votata a maggioranza “Accogliere gli omosessuali con rispetto”, di Andrea Tornielli

Sinodo, la relazione votata a maggioranza “Accogliere gli omosessuali con rispetto”, di Andrea Tornielli

creato da webmaster ultima modifica 15/09/2015 09:43
Sì al documento che contiene aperture sui gay e sulla comunione ai cattolici dopo la fine del matrimonio. ma sui temi più controversi fallito “quorum” dei due terzi. -
Sinodo, la relazione votata a maggioranza “Accogliere gli omosessuali con rispetto”, di Andrea Tornielli

Vescovi al Sinodo sulla famiglia - LAPRESSE

 

I padri sinodali hanno votato e approvato questo pomeriggio il testo della «relatio Synodi» il documento finale del Sinodo straordinario sulla famiglia convocato da Francesco. Un’assemblea che per volere del Papa ha lavorato con grande libertà, confrontandosi veramente sui problemi, senza percorsi precostituiti o precotti.

 

LA CONTA

Il testo è stato votato in ogni suo paragrafo: i vescovi e gli altri membri del Sinodo si sono espressi su ciascuno dei 62 numeri, con un voto elettronico che prevedeva soltanto l’opzione «placet» o «non placet». Per l’approvazione dei testi era necessaria la maggioranza dei due terzi dell’assemblea. Il paragrafo sulla questione più dibattuta, la possibilità di cambiare la disciplina sull’ammissione ai sacramenti dei divorziati risposati, che presentava le due posizioni emerse, non ha ottenuto i due terzi dei voti, attestandosi a 104 favorevoli e 74 contrari. La stessa sorte è toccata al testo sui gay, che ha ottenuto 118 placet e 62 non placet.

 

LA DECISIONE DI FRANCESCO

Il Papa ha deciso di pubblicare tutto il testo completo, e di riferire ai giornalisti anche i singoli voti di tutti i paragrafi, così da comprendere la dimensione del consenso dei singoli punti, evidenziando il dibattito. Ha ottenuto i due terzi dei voti (155 contro 19) il punto nel quale si legge: «Anche le situazioni dei divorziati risposati esigono un attento discernimento e un accompagnamento di grande rispetto, evitando ogni linguaggio e atteggiamento che li faccia sentire discriminati e promovendo la loro partecipazione alla vita delle comunità. Prendersi cura di loro non è per la comunità cristiana un indebolimento della sua fede e della sua testimonianza circa l’indissolubilità matrimoniale, anzi essa esprime proprio in questa cura la sua carità».

 

I SACRAMENTI AI DIVORZIATI SEPARATI

Ecco il paragrafo sulla questione più dibattuta sui sacramenti ai divorziati risposati, che ha ottenuto 104 sì e 74 no: «Si è riflettuto sulla possibilità che i divorziati risposati accedano ai sacramenti della penitenza e dell’eucaristia. Diversi padri sinodali hanno insistito a favore della disciplina attuale, in forza del rapporto costitutivo fra la partecipazione all’eucaristia e la comunione con la Chiesa e il suo insegnamento sul matrimonio indissolubile. Altri si sono espressi per un’accoglienza non generalizzata alla mensa eucaristica, in alcune situazioni particolari e a condizioni ben precise, soprattutto quando si tratta si casi irreversibili e legati ad obblighi morali verso i figli che verrebbero a subire sofferenze ingiuste. L’eventuale accesso ai sacramenti dovrebbe essere preceduto da un cammino penitenziale sotto la responsabilità del vescovo diocesano. Va ancora approfondita la questione, tenendo ben presente la distinzione tra situazione oggettiva di peccato e circostanze attenuati, dato che “l’imputabilità e la responsabilità di un’azione possono essere sminuite o annullate” da diversi “fattori psichici oppure sociali” (Catechismo della Chiesa cattolica, 1735)».

 

L’APERTURA AGLI OMOSESSUALI

Infine, ecco il nuovo testo relativo alle persone omosessuali, che ha ottenuto la maggioranza assoluta ma non i due terzi: «Alcune famiglie vivono l’esperienza di avere al loro interno persone con orientamento omosessuale. Al riguardo ci si è interrogati su quale attenzione pastorale sia opportuna di fronte a questa situazione riferendosi a quanto insegna la Chiesa: “Non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”. Nondimeno, gli uomini e le donne con tendenze omosessuali devono essere accolti con rispetto e delicatezza. “A loro riguardo di eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione” (Congregazione per la dottrina della fede)». È da notare, per capire quanto sia sensibile questo argomento, che non ha ottenuto i due terzi neanche un testo che di fatto ripropone il Catechismo della Chiesa cattolica e un testo del Sant’Uffizio.

 

LA DECISIONE FINALE NEL 2015

Ci sono dunque punti controversi, che non avendo raggiunto la maggioranza qualificata non possono essere considerati testi proposti dal Sinodo. Ma siccome si tratta di un testo ancora di lavoro, sul quale si dovranno confrontare le Chiese locali nel prossimo anno, Francesco ha voluto pubblicare tutto. Ed è comunque significativo che ci fosse una maggioranza assoluta disposta ad approfondire e discutere.

Fonte: La Stampa, del18 ottobre 2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.