Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Sindrome delle mani libere che si proietta sui presidenti, di Massimo Franco

Sindrome delle mani libere che si proietta sui presidenti, di Massimo Franco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 19/02/2022 09:05
Può darsi che gli scontri degli ultimi giorni, con la bocciatura di alcune misure decise in precedenza dal governo, siano soltanto incidenti di percorso. Purtroppo lasciano immaginare una guerra di posizione dai risvolti squisitamente elettorali…

L’unità ritrovata ieri nel governo è positiva ma non può cancellare la sensazione di una tregua precaria. C’è da chiedersi dove sia finita la retorica sull’insostituibilità di Mario Draghi a Palazzo Chigi: quella utilizzata per sconsigliare e bloccare il suo passaggio al Quirinale. E come mai si sia già spenta l’eco degli applausi ripetuti a Sergio Mattarella quando il 29 gennaio è stato rieletto dal Parlamento. A meno di un mese di distanza il governo dei «due Presidenti», passaporto per la stabilità e polizza di assicurazione nei confronti dell’Europa e dei mercati finanziari, viene declinato dalla maggioranza con una disinvoltura sospetta. 

Si sapeva che un anno elettorale acuisce i contrasti tra partiti diversi e potenzialmente antagonisti. Ma che si registrino così presto e quando alla fine della legislatura mancano circa dodici mesi, tranne sorprese sciagurate, va al di là delle previsioni più scoraggianti. È come se la doppia garanzia offerta dal capo dello Stato e dal premier fosse stata unilateralmente disdetta dalle forze politiche. Di colpo sembra che ne basti una, quella di Mattarella, mentre l’altra diventa materia opinabile: uno strabismo istituzionale rischioso. 

Può darsi che gli scontri degli ultimi giorni, con la bocciatura di alcune misure decise in precedenza dal governo, siano soltanto incidenti di percorso. Purtroppo lasciano immaginare una guerra di posizione dai risvolti squisitamente elettorali, che non esita a scaricarsi su Palazzo Chigi per coprire contraddizioni politiche vistose. È come se un po’ tutti i partiti si fossero tacitamente dati di gomito per mettere tra parentesi un anno di faticosa concordia. 

Dopo la caotica battaglia del Quirinale, che li ha visti incapaci di trovare una soluzione condivisa diversa dalla riconferma di Mattarella, ora sono tentati di accerchiare Draghi: come se fosse diventato il problema e non la garanzia; e come se il Piano per la ripresa e lo scudo anche internazionale che il premier offre non fossero più così importanti. Conterebbe di più il pulviscolo di interessi elettorali inseguiti per assicurarsi consensi che invece rimangono volatili: a destra e a sinistra. Somiglia a una strana «sindrome delle mani libere», che a uno sguardo meno superficiale oltre a colpire il capo del governo diventa uno sgarbo al presidente della Repubblica. 

Se Mattarella ha accettato la ricandidatura, è stato soprattutto per consentire che le riforme avviate a febbraio del 2021 non subissero una pericolosa battuta d’arresto; e che Draghi potesse continuare a attuarle nonostante l’eterogeneità della sua coalizione. La diversità e l’assenza di una coloritura politica doveva e dovrebbe essere un elemento di forza, non di debolezza. Di più: nell’ottica del Quirinale la trasversalità è stata e rimane un’opportunità di rilegittimazione per partiti che da tempo non riescono a mobilitare nemmeno il proprio elettorato.

Quanto stiamo vedendo, invece, promette di andare in direzione opposta. Si imputa a Draghi un metodo che crea malumori per il piglio decisionista. Eppure nei mesi scorsi è stato accettato, seppure con vistose resistenze. Anzi, negli ultimi mesi era affiorata perfino qualche critica di eccessiva timidezza per il rinvio di alcune decisioni, attribuita alle ambizioni sul Quirinale. In realtà si avverte un mutamento di clima nel modo in cui i partiti rivendicano un maggiore coinvolgimento

Probabilmente si stanno convincendo di poter declassare l’importanza della «parentesi Draghi», e dunque l’impegno a mettere in secondo piano i propri interessi. Sbrigata la pratica del Quirinale, tendono a ritenere chiusa una fase; e non più cogente il sostegno assicurato nei mesi scorsi. Le urne imporrebbero una libertà di manovra e di protagonismo rispetto alla quale il premier e il governo vengono vissuti come un inciampo. Ma è un calcolo azzardato, che rivelerebbe tutta la sua miopia se portasse le tensioni con Palazzo Chigi oltre il limite.

https://www.corriere.it/politica/22_febbraio_19/sindrome-mani-libere-che-si-proietta-presidenti-950c7ac8-910f-11ec-9e8a-badec6e7adb8.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.