Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Siete mai stati a Gaza? Di Gideon Levi

Siete mai stati a Gaza? Di Gideon Levi

creato da D. — ultima modifica 22/09/2015 11:28
Di cosa stiamo parlando? Di un popolo senza diritti che nel 1948 è stato privato delle sue terre, in parte anche per colpa sua. Nel 1967 è stato privato di altri territori. Da allora ha sempre vissuto in condizioni che solo pochi popoli hanno dovuto affrontare...

Possiamo condurre una discussione anche breve che non sia avvelenata dall’odio? Possiamo smettere per un attimo di deumanizzare e demonizzare i palestinesi e parlare spassionatamente di giustizia, lasciando da parte il razzismo? È importante fare almeno un tentativo.

Se non fosse per l’odio, potremmo capire i palestinesi. Senza di esso, perfino alcune delle richieste di Hamas potrebbero sembrare ragionevoli e giustificate. Una riflessione così razionale condurrebbe qualunque persona decente a conclusioni chiare. Un dialogo così rivoluzionario potrebbe persino avvicinare la pace, se si può ancora avere l’audacia di usare una parola simile.

Di cosa stiamo parlando? Di un popolo senza diritti che nel 1948 è stato privato delle sue terre, in parte anche per colpa sua. Nel 1967 è stato privato di altri territori. Da allora ha sempre vissuto in condizioni che solo pochi popoli hanno dovuto affrontare. La Cisgiordania è occupata e la Striscia di Gaza è assediata. Questo popolo cerca di resistere, con le sue poche forze e con metodi a volte sanguinari, come ogni nazione oppressa nella storia ha fatto, incluso Israele. Ha il diritto di resistere, bisogna ammettere.

Parliamo di Gaza. La Striscia di Gaza non è un covo di assassini. Non è un luogo di continue violenze e omicidi. La maggior parte dei suoi bambini non sono nati per uccidere, né la maggior parte delle sue madri alleva dei martiri: quello che vogliono per i loro figli è esattamente quello che le madri israeliane vogliono per i loro figli. I suoi leader non sono molto differenti da quelli di Israele nella loro corruzione, nel loro debole per gli hotel di lusso o nella loro disponibilità ad assegnare la maggior parte dei fondi alle forze armate.

Gaza è un’enclave disgraziata, un luogo di disastro permanente dal 1948 al 2014, e la maggior parte dei suoi abitanti sono stati profughi almeno tre o quattro volte. La maggior parte della gente che denigra la Striscia di Gaza non ci è mai stata, certamente non come civili. Per otto anni mi è stato impedito di andarci, ma nei venti anni precedenti ci sono stato spesso. Mi piaceva la Striscia, per quanto a qualcuno possa piacere una regione oppressa. Mi piaceva la sua gente, se mi è permesso generalizzare. C’era uno spirito di determinazione quasi inimmaginabile e un’ammirevole rassegnazione alle sofferenze.

Negli ultimi anni Gaza è diventata una gabbia, una prigione a cielo aperto circondata da una barriera. Prima era anche divisa in due. Che siano o meno responsabili della propria situazione, i suoi abitanti sono dei disgraziati. Un sacco di gente e un sacco di disgrazie.

Avendo perso la fiducia nell’Autorità nazionale palestinese, gli abitanti di Gaza hanno scelto Hamas in un’elezione democratica. Hanno il diritto di sbagliare. In seguito, quando l’Organizzazione per la liberazione della Palestina ha rifiutato di cedere pacificamente il potere, Hamas se l’è preso con la forza.

Hamas è un movimento nazionalista e religioso. Chiunque sostenga la necessità di un dialogo pacifico si sarà accorto che Hamas è cambiato. Chiunque riesca a ignorare tutte le etichette che sono state applicate potrà anche distinguere le sue aspirazioni ragionevoli, come avere un porto e un aeroporto.

Dovremmo anche ascoltare studiosi immuni all’odio come il professor Menachem Klein, esperto di Medio Oriente all’università Bar-Ilan, la cui interpretazione di Hamas va contro l’opinione diffusa in Israele. In una recente intervista al quotidiano economico Calcalist, Klein ha dichiarato che Hamas non è stata fondata come un’organizzazione terroristica ma come un movimento sociale, e dovrebbe essere considerata tale ancora oggi. Da tempo ha “tradito” i suoi principi ed è impegnata in un acceso dibattito politico, ma nel dialogo dell’odio nessuno è in grado di ascoltarlo.

Dalla prospettiva del dialogo dell’odio, Gaza e Hamas, palestinesi e arabi, sono tutti la stessa cosa. Vivono tutti in riva allo stesso mare, e hanno tutti l’obiettivo di rigettarci gli ebrei. Una discussione meno primitiva e manipolata porterebbe a conclusioni differenti. Per esempio, che avere un porto supervisionato a livello internazionale è un obiettivo legittimo e ragionevole. Che mettere fine all’embargo contro la Striscia servirebbe anche gli interessi di Israele. Che non c’è nessun altro modo di fermare la resistenza armata. Che portare Hamas al tavolo delle trattative potrebbe provocare evoluzioni sorprendenti. Che la Striscia di Gaza è popolata da esseri umani, che vogliono vivere come essere umani.

Ma in ebraico “Gaza”, pronunciato ‘Aza, è l’abbreviazione di Azazel, un nome associato all’inferno. Della moltitudine di insulti che mi è stata rivolta da ogni parte in questi giorni, “Vai all’inferno/a Gaza” è uno dei più gentili. A volte mi viene da rispondere: “Vorrei poter andare a Gaza per svolgere il mio compito di giornalista”. E a volte aggiungerei: “Vorrei che poteste andare tutti a Gaza. Se solo sapeste cos’è Gaza e cosa c’è davvero”.

(Traduzione di Gabriele Crescente)

fonte: www.internazionale.it, 14.08.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.