Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Shock economy, di Tonio Dell'Olio

Shock economy, di Tonio Dell'Olio

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 17:50
È un fenomeno analizzato da Naomi Klein in una pubblicazione del 2007 in cui si spiega come un sistema economico riesce a trarre vantaggio da eventi tragici, calamità naturali, guerre, crisi...

È un fenomeno analizzato da Naomi Klein in una pubblicazione del 2007 in cui si spiega come un sistema economico riesce a trarre vantaggio da eventi tragici, calamità naturali, guerre, crisi (economiche, ecologiche...). Sono quelli che ridono al telefono a pochi minuti dal terremoto de L’Aquila per intenderci. L’industria della paura rende e rende bene. Sciacalli. A tal punto che, quando non c’è alcun evento naturale, a qualcuno viene in mente di crearlo artificiosamente. Si spiegano così ad esempio le guerre preannunciate con ragioni più o meno fondate, le cicliche emergenze umanitarie, le forme di assistenza prolungate nel tempo. Anche i profughi in Italia non vengono visti tanto come persone in carne e ossa che fuggono da situazioni drammatiche e cercano aiuto, quanto piuttosto come mucche da mungere. C’è un giro di affari indescrivibile sulle spalle della gestione dei profughi che ciclicamente arrivano in Italia da Eritrea, Somalia, Siria, Egitto... Si tratta di gente che in Italia non ci vuole stare e preferirebbe raggiungere la Germania o la Svezia dove viene riservato loro un ben diverso (migliore) trattamento oppure vorrebbe quanto prima ritornare a casa non appena la guerra è finita. E invece ci sono alberghi e altri luoghi convenzionati che ricevono lucrose diarie e non hanno alcun interesse a trasferire o a lasciar partire gli stranieri. “Fabbriche della disperazione” dice Antonello Mangano che studia il fenomeno. Agli ospiti si offre un pocket money che dovranno spendere nei CARA (Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo) o nei dintorni, ci sono aziende e organizzazioni cui si appaltano servizi, avvocati e faccendieri per gestire le pratiche... Iter lunghissimi che non servono agli stranieri quanto a nutrire gli italiani.

 

fonte: http://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/39020.html,  10 settembre 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.