Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Sempre più digitale e circolare così sarà l’economia del futuro, di Carlo Ferro

Sempre più digitale e circolare così sarà l’economia del futuro, di Carlo Ferro

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/10/2019 08:02
Dalla convergenza tra economia digitale ed economia circolare nasceranno in Italia nuove stelle. E la presenza del presidente Sergio Mattarella al forum di Stanford segna l’importanza di vincere questa sfida per il sistema-Paese e per i giovani…

Due megatrend caratterizzano l’evoluzione dell’economia globale: l’economia digitale, caratterizzata dalla capacità di elaborazione a basso costo di un enorme set di dati e supportata dalla quasi illimitata capacità di memoria sul cloud ; e l’economia circolare orientata alla sostenibilità sociale e ecologica delle filiere produttive. Passeggiando nel campus dell’Università di Stanford il giorno prima dello Us-Italy Innovation Forum pensavo a questi due trend come due stelle comete che si muovono velocemente, modificano il sistema e tendono a convergere. La fisica dello spazio ci insegna che la collisione fra due stelle genera nuove stelle o può creare buchi neri. Ecco, il tema dell’innovazione per l’economia italiana è quello di assicurarsi di poter brillare come leader nel nuovo ordine dell’economia “smart e sostenibile” piuttosto che scomparire nel buco nero “post industriale”.

Il Forum - organizzato da ministero degli Affari esteri, Ice-Agenzia, Confindustria e Università di Stanford - ha offerto una prospettiva di lungo respiro, dall’osservatorio privilegiato della Silicon Valley.

Si è discusso di come l’intelligenza artificiale trasformi la robotica: dalla corretta esecuzione di task programmati all’esecuzione del task corretto, grazie all’adattamento continuo delle specifiche da parte di learning machine. Si è collegata la robotica alla medicina con le applicazioni di micro-macchine impiantabili nel corpo umano. E si è vista l’altra prospettiva, quella della medicina rigenerativa. 

Si è guardato allo spazio oltre le barriere di costo abbattute dall’effetto combinato del riuso dei rocket e della miniaturizzazione dei satelliti. Il fascino del turismo spaziale, ma anche la prosa dei cube-sat, micro cubi a moduli da 10 cm per lato con grandi capacità di trasmissione e elaborazione. È all’orizzonte una nuova costellazione artificiale come infrastruttura di comunicazioni e servizi

Si è parlato anche di etica dell’innovazione e della necessità di controllare le esternalità negative delle tecnologie sulla società, in parallelo allo sviluppo della tecnologia stessa, piuttosto che rimediare successivamente a danni collaterali. Ha fatto piacere che proprio partecipanti americani abbiano ricordato l’umanesimo rinascimentale come guida a un approccio human-centered allo sviluppo delle società.

Certo la partecipazione dell’ecosistema ricerca-impresa italiano e la qualità dei contributi di accademici italiani che operano nella Silicon Valley non lasciano dubbi sulla cultura scientifica, le competenze, il talento e l’imprenditorialità nazionali. Tuttavia è anche evidente il gap fra due sistemi, quello californiano e quello italiano, profondamente diversi nella capacità di attrarre innovazione, di finanziare le idee, di generare tecnologia e di tradurla in benessere socio-economico diffuso.

Le startup sono al centro dell’innovazione industriale perché ogni impresa corre oggi sulle proprie gambe se è riuscita ieri a gattonare. Le startup per tradurre tecnologia in un business model (incubare), per reggersi in piedi (consolidare) e iniziare a crescere (scalare) devono trovare l’ecosistema di riferimento appropriato. Ci si chiede: cosa manca in Italia? Mi è capitato di confrontarmi coi modelli di alcuni grandi incubatori della Silicon Valley e risponderei:

1 non mancano i capitali, ma un venture capital che sappia rischiare capitali, con regole di mercato, valutando progetti tecnologici oltre il conservatorismo dei family office e i parametri di credito delle banche commerciali;

2 non è diffusa, salvo poche eccezioni, la capacità finanziaria delle università, per lo più soggette alle regole della pubblica amministrazione, di investire nell’industrializzazione dei risultati della ricerca;

3 manca la scala, sia nella taglia degli incubatori sia nella ricerca, frammentata in identità accademiche o regionali o nella miope difesa di piccole rendite di posizione;

4 restano infine, la cultura e le norme che lasciano le stigmate del “fallimento” sull’imprenditore che ha tentato senza successo una nuova avventura.

Ci sono tuttavia in Italia altrettanti fattori abilitanti il successo: la qualità dei ricercatori e scienziati italiani, in patria o all’estero; l’ecosistema di grandi e medie imprese che fertilizza le filiere nella seconda economia manifatturiera d’Europa; l’imprenditorialità di un Paese di 4 milioni di Pmi; una struttura di costo dove un ingegnere o un programmatore software costa fra un terzo e un quarto dell’equivalente americano e dove, da qualche anno, norme fiscali incentivano gli investimenti in startup.

Per queste ragioni mi piace pensare che dalla convergenza tra economia digitale ed economia circolare nasceranno in Italia nuove stelle. E la presenza del presidente Sergio Mattarella al forum di Stanford segna l’importanza di vincere questa sfida per il sistema-Paese e per i giovani.

https://www.ilsole24ore.com/art/sempre-piu-digitale-e-circolare-cosi-sara-l-economia-futuro-ACcc2qt

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.