Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Se la solitudine è storia (e politica), di Marco Demarco

Se la solitudine è storia (e politica), di Marco Demarco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 11/03/2021 18:19
Da Aristotele ai social network: lo storico Aurelio Musi in un nuovo saggio ne ripercorre l’evoluzione…

Siamo soli nella pandemia e nell’infodemia, nell’eccesso di virus e di news. Soli nello stallo delle città, non più in grado di proteggere; e nella crisi della natura, non più consolatrice come ai tempi di Cicerone o Petrarca. Soli di fronte alla potenza degli algoritmi e nel disincanto prodotto dalle ideologie. Soli nel deragliamento dei partiti: e chi, ora, lo è più dei «democrat» che hanno perso, oltre la rotta, anche il segretario? 

Se queste sono le premesse, sarà difficile non includere nel già lungo elenco di paure pubbliche, benzina per i motori dei populismi, anche quella originata dalla solitudine. Politicizzare la solitudine: il tema è questo, non altro; sebbene vada messo nel conto tutto il carico di ambiguità che sempre comporta una crescente iscrizione della vita nell’ambito dello Stato.

Si è cominciato a parlarne concretamente solo tre anni fa, quando l’allora primo ministro del Regno Unito, Theresa May, per la prima volta al mondo, istituì un ministero ad hoc. Un ministero alla Solitudine (e non più solo alla società civile). Di recente, ha fatto la stessa cosa il Giappone; mentre dalle nostre parti si sa solo di qualche assessorato istituito in via sperimentale. Ma il passo successivo — quello verso un ministero specifico — implica un vasto programma. Per compierlo converrà non farsi prendere dal panico, visto quello che ci dicono i dati. 

Secondo l’Istat, già prima dei lockdown e dei distanziamenti da dpcm, gli italiani che vivevano soli erano otto milioni e mezzo, di cui il 40% vedovi e il 39% celibi o nubili; il 31,6% di famiglie erano composte da una sola persona; erano tre milioni quelli che dichiaravano di non avere amici, confidenti o punti di riferimento in caso di bisogno; e in molte città, come a Genova, poco meno di quattro appartamenti su dieci erano abitati da una sola persona. Senza contare poi, le notizie sugli hikikomorinostrani, i giovanissimi chiusi in casa per comunicare solo attraverso i social e tutte le altre forme della solitudine contemporanea, a partire dai «neet» e dai «ni-ni» fino agli «incel»: nell’ordine i «not in education, employment or trading», quelli che non studiano, non lavorano e non imparano un mestiere; i giovani che oltre a non fare tutto questo («ni estudia ni trabaja», dicono in Sudamerica) sono il serbatoio di reclutamento per le organizzazioni criminali; e quelli che («involuntary celibate») non riescono a trovare un partner e scaricano sugli altri, con violenza, la loro frustrazione.

Il quadro è questo. 

E si sa che la solitudine chiama solitudine, mentre a soffrire di più durante le quarantene, paradossalmente, sono stati proprio gli iperconnessi. Come non panicheggiare, allora? Un rimedio c’è. Lo suggerisce un libro appena uscito, «Storia della solitudine. Da Aristotele ai social network», scritto da Aurelio Musi, già preside di Scienze politiche a Salerno e membro della Real Academia de la Historia. Storicizzare. Ecco la soluzione. Studiare il fenomeno nel tempo, coglierne le mutazioni come fanno i virologi col coronavirus, e sentirsi più sollevati constatando che anche gli antichi ne soffrivano, eccome; che in una condizione di solitudine, prima di noi, prima del «welfare state» e della biopolitica, hanno vissuto i marginali, i bambini, le donne, gli esuli, i viandanti, i folli. E prima ancora furono soli Prometeo, Cadmo, Orfeo e Narciso, per volere degli dèi. Mentre dopo, per volere del Capitale, secondo Marx, lo furono gli operai «servi» delle macchine.

Storicizzare vuol dire anche distinguere, e anche questo può aiutare a scomporre il problema e a rendere meno gravoso il peso della solitudine, se è vero che le solitudini non sono tutte uguali. C’è quella depressiva e quella evolutiva. Quella carismatica, ma immaginaria, di don Chisciotte e quella drammaticamente reale, fino all’impazzimento, di Masaniello che ormai in delirio — a quanti fischiano le orecchie? — convocò l’architetto Cosimo Fanzago per ordinargli statue di marmo che lo ritraessero a futura memoria: tante quante erano le piazze di Napoli. C’è la «beata solitudine» elitaria e la «maledetta solitudine» della malinconia. O quella che cambia forma nella stessa persona, come in Jean-Jacques Rousseau, prima serena e poi «cupa e deserta». La solitudine che fa compagnia a Pascal, il quale compatisce chi non sa vivere nel chiuso di una stanza, e quella che offende Diderot, secondo cui solo il selvaggio vive in solitudine.

La solitudine è un prisma, dice Musi. Può presentarsi come «piacevole intervallo tra le cose del mondo e la morte» (Johann George Ritter von Zimmermann), ma anche come «febbrile desiderio di futuro» (Edgar Allan Poe). Come forza autodistruttrice: «Nella solitudine io rodo e divoro me stesso», scrive Leopardi. O come orizzonte di vita (Rilke, Dickinson). Tra tutte le riflessioni sul tema, però, l’autore preferisce quella di Hannah Arendt che identifica la solitudine con il senso di estraniazione, di sradicamento e di superfluità. Tutti aspetti amplificati in una quotidianità di incontri negati e zone rosse. Pertanto, chi — specialmente a sinistra — volesse passare ai fatti, sappia che è già tardi. Era il 20 maggio 1945. Sull’Unità, Cesare Pavese scriveva: «Noi non andremo verso il popolo. Andremo se mai verso l’uomo. Perché questo è l’ostacolo, la crosta da rompere: la solitudine dell’uomo».

https://www.corriere.it/editoriali/21_marzo_10/se-solitudine-storia-politica-7cae02ee-81ca-11eb-870f-597090faeea5.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.