Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Santa della politica, di Roberto Cutaia

Santa della politica, di Roberto Cutaia

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/04/2021 09:01
La figura sempre attuale di Caterina da Siena…

Senza sorta di dubbio, il manto domenicano di santa Caterina da Siena (Siena 1347 - Roma 1380) — festa liturgica (29 aprile) , dottore della Chiesa, compatrona d’Italia e d’Europa — possiede e detiene in toto per opere, virtù e intelligenza, le caratteristiche della “politica” santa. «Chi non sa governare se stesso, non può governare gli altri; siccome la carità perfetta di Dio genera la perfetta carità del prossimo, così con quella perfezione che l’uomo regge sé, regge i sudditi suoi», scrive la santa in una delle circa quattrocento Lettere indirizzate a gente comune, ad autorità religiose e civili.

La sua attività epistolare fu incommensurabile. Imparò a leggere e a scrivere intorno ai vent’anni, il più delle volte dettava ai suoi discepoli le sue lettere: il Dialogo della Divina Provvidenza, del 1378, il suo testamento spirituale, fu scritto da tre suoi discepoli: Neri Pagliaresi, Stefano Maconi e Barduccio Canigiani. Da decenni la politica “politicante”, come gramigna, tende a soffocare la libertà donata da Dio, legiferando con la pretesa di leggi umane, troppo umane, come se Dio non ci fosse. «Fanno, anzi, finta di non vedere. E sai perché? Perché in loro è viva la radice dell’amor proprio, dal quale viene loro il perverso amore servile. Essi infatti non hanno il coraggio di rimproverare per timore di perder il loro stato e i beni temporali; perciò si comportano come gli accecati che non sanno in qual modo si conservi lo Stato […] Credendo così di poter conservare lo Stato con l’ingiustizia, non riprendono i difetti dei sudditi» (Dialogo, 119). 

E fu grazie alla sua infaticabile e immensa missione di donna di pace, capace di esortare e indicare la strada della riconciliazione e in specie l’ordine della persona e delle società e che la portò a recarsi in diverse città italiane e con il medesimo spirito di amore per Gesù Cristo, per la santa Chiesa e il Vicario di Cristo, che persuase e riportò nel 1376 Papa Gregorio XI dalla Francia (Avignone) alla sede ufficiale del papato a Roma.

Una delle note distintive della politica di santa Caterina era la capacità di interferire in contesti litigiosi e di sofferenza, con autorevolezza e garbo nelle questioni religiose e civili, per creare unità senza disgregare come purtroppo sembra essere lo sport preferito ai nostri giorni. Ecco pertanto l’attuale necessità dei politici a ritornare a farsi “caterinati”, cioè figli spirituali della mistica senese, come lo furono già allora, il suo stesso confessore fra Raimondo da Capua, e poi sacerdoti, religiosi, teologi, governanti, vescovi e cardinali. 

«La sua esistenza faccia comprendere a voi, cari giovani, il significato della vita vissuta per Dio; la sua fede incrollabile aiuti voi, cari ammalati, a confidare nel Signore nei momenti di sconforto; e la sua forza con i potenti indichi a voi, cari sposi novelli, i valori che veramente contano nella vita familiare» (Papa Francesco, messa a Santa Marta, 29 aprile 2019). 

«Popolana per nascita, senza maestro umano», scrive il suo primo biografo, il beato Raimondo da Capua (1330-1399). Ebbe il dono della «sapienza infusa, cioè la lucida, profonda ed inebriante assimilazione delle verità divine e dei misteri della fede, contenuti nei Libri Sacri dell’Antico e del Nuovo Testamento […] dovuta ad un carisma di sapienza dello Spirito Santo, un carisma mistico» (omelia di san Paolo VI , proclamazione di santa Caterina da Siena Dottore della Chiesa, 3 ottobre 1970).

Visse i primi anni dell’infanzia nel periodo funestato dalla diffusione in Europa della peste nera, nel 1348. Nella sola Siena, il cronista narra di una riduzione degli abitanti da ottantamila a quindicimila. All’età di 16 anni, indotta da una visione di san Domenico, entrò nel terzo ordine domenicano, costituito da donne laiche dette “sorelle della penitenza” o “mantellate”. I primi vent’anni — ventiquattresima figlia di Jacopo di Benincasa e di Lapa di Puccio dei Piangenti — li trascorse nella preghiera, alla penitenza e alle opere di carità, in particolare a servizio degli ammalati.

L’ossimoro mistica e politica, in santa Caterina, canonizzata nel 1461 da Papa Pio II , smentisce il pregiudizio che il mistico viva fuori dal mondo. «La sua concezione e pratica della “politica” si colloca tra le principali in assoluto, quali considero essere — senza alcun timore di eccedere o sproporzionare — quelle di Platone, Agostino, Tommaso e Rosmini» (Pier Paolo Ottonello, Caterina da Siena. Sangue nostro, Siena, Edizioni Cantagalli, 2014, pagina 39). 

Non fondò partiti, non si prestò a ruoli pubblici e non si schierò se non dalla parte di Dio e della Chiesa. «Ponete gli officiali, e quelli che hanno a reggere le città, non a sètte né per animo, né per lusinghe, né per rivendere, ma solo con virtù e modo di ragione: e scegliete uomini maturi e buoni, e non fanciulli; e che temano Dio, amatori del bene comune, e non del bene particolare suo […]. Ma le ingiustizie e il vivere in sétte, e il ponere a reggere e governare uomini che non sanno reggere loro medesimi né le famiglie loro, ingiusti e iracondi, passionati d’ira e amatori di loro medesimi; questi sono i modi che fanno perdere lo stato spirituale della Grazia, e lo stato temporale» (Epistole, 268). Quella di santa Caterina sembra la descrizione non di 640 anni fa, ma l’analisi di vizi attuali e odierni di inizio terzo millennio.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2021-04/quo-096/santa-della-politica.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.