Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Sanità: le nostre 3 priorità, di Tonino Aceti

Sanità: le nostre 3 priorità, di Tonino Aceti

creato da Denj — ultima modifica 21/07/2016 17:15
I cittadini sono fortemente preoccupati per il presente e per il futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e per la reale garanzia del Diritto alla Salute previsto dalla nostra Carta Costituzionale...

I cittadini sono fortemente preoccupati per il presente e per il futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e per la reale garanzia del Diritto alla Salute previsto dalla nostra Carta Costituzionale.
In questi ultimi anni, infatti, abbiamo assistito a politiche economiche basate prevalentemente sul contenimento e il definanziamento della spesa pubblica, e in questo senso la Sanità è il settore che ha dato di più, in realtà troppo.

Tagli lineari alle risorse del Fondo Sanitario Nazionale, riduzione dell’offerta dei servizi socio-sanitari, aumento dei ticket e super aliquote, rappresentano le principali misure, poco originali e per nulla condivisibili, adottate negli ultimi anni dai diversi Governi che si sono succeduti. 
Gli effetti di questa strategia sono davanti agli occhi di tutti noi. 
Si attesta ad oltre 35.000 milioni di euro il taglio al Fondo Sanitario Nazionale per gli anni 2012 – 2015, e nella prima volta nella storia nel 2013 potremo contare su minori risorse in valori assoluti rispetto al 2012, non riuscendo a coprire neanche l’inflazione. Una scelta a dir poco “antieconomica” visto che il comparto sanità è un settore in “attivo”, in grado di produrre oltre l’11% del nostro PIL, e di assorbirne solo il 7,1%.
Alla chiusura di ospedali e alla riduzione lineare dei posti letto, non è seguita, tranne rare eccezioni, la contestuale riconversione delle strutture e il potenziamento dell’assistenza sanitaria territoriale, lasciando il cittadino in un vero e proprio “vuoto assistenziale”. Ne sono state messe in atto azioni concrete volte alla riduzione “selettiva” degli sprechi e delle inefficienze, nonché al contrasto del fenomeno della corruzione in sanità. 
L’italia continua ad essere tra i Paesi europei che investono meno risorse del proprio PIl in prevenzione, nonostante sia la ricetta per la sostenibilità del SSN condivisa da tutti.
L’equità e l’uniformita di accesso alle cure su tutto il territorio nazionale è ormai per i cittadini una vera e propria “utopia”, oltre al fatto che i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) sono stati praticamente ridefiniti a ribasso attraverso la riduzione ormai insostenibile delle risorse economiche a disposizione. Lo stesso Ministero della Salute segnala ormai da qualche anno che i LEA non sono garantiti in molte Regioni italiane.
E’ stata completamente lasciata al palo la strategia della programmazione sanitaria, particolarmente importante per la gestione e la presa in carico delle persone con patologie croniche e rare. 
Due dati su tutti:

  • risale al 2006 l’ultimo Piano Sanitario Nazionale 2006-2008;
  • risale al 2009 l’ultimo Patto per la Salute 2010-2012: accordo finanziario e programmatico tra il Governo e le Regioni, finalizzato a migliorare la qualità dei servizi, a promuovere l’appropriatezza delle prestazioni e a garantire l’unitarietà del sistema.

La realtà vissuta ogni giorno dai cittadini è quella di una vera e propria erosione del nostro SSN, con un ruolo del servizio pubblico sempre più marginale, a tutto vantaggio di quello privato, al contrario sempre più concorrenziale a causa dell’aumento vertiginoso dei ticket sanitari. Per curarsi i cittadini sono chiamati a mettere mano sempre più alle proprie tasche, soprattutto in quelle Regioni con servizi sanitari quali-quantitativi inferiori. 
Ora è indispensabile invertire la rotta. Dopo i molteplici sacrifici richiesti ai cittadini in questi ultimi anni è necessario iniziare a restituire loro quella parte del Diritto alla Salute che gli è stato sottratto, partendo innanzitutto dagli impegni, ancora una volta disattesi, previsti all’interno del recente Decreto-Legge 158/2012 (Decreto Balduzzi).
Proprio per questo nei prossimi 100 giorni del nuovo Governo chiediamo al nuovo Ministro della Salute e al Parlamento tutto di:

  • dare subito attuazione su tutto il territorio nazionale all’articolo 1 del Decreto Balduzzi relativo al “riordino dell’assistenza territoriale”, con particolare riguardo alla nuova organizzazione dei servizi territoriali di assistenza primaria: Aggregazioni Funzionali Territoriali e Unità Complesse di Cure Primarie. I cittadini hanno bisogno di assistenza sul territorio h24, 7 giorni su 7, a partire dai medici di famiglia, e non vedersi invece costretti a ricorrere all’ospedale (unico punto di riferimento stabile). Il Decreto prevede la scadenza del 10 maggio 2013 per l’attuazione dei principi richiamati nell’articolo, ma ad oggi tutto e’ ancora completamente fermo;
  • dare subito attuazione all’articolo 5 del Decreto Balduzzi il quale “al fine di assicurare il bisogno di salute, l’equità nell’accesso all’assistenza, la qualità delle cure…..”, prevede già entro il 31 dicembre 2012 l’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), con particolare riferimento alla revisione dell’elenco delle malattie croniche esenti dal pagamento del ticket e alla revisione dell’elenco delle malattie rare esenti dal pagamento del ticket. Inoltre lo stesso articolo prevede entro il 31 maggio 2013 l’aggiornamento del Nomenclatore Tariffario delle Protesi di cui al Decreto del Ministro della Sanità del 27 agosto 1999 n. 332. Questi impegni ad oggi sono ancora tutti disattesi e i cittadini non possono attendere oltre;
  • avviare subito un tavolo di confronto con le Organizzazioni civiche di tutela del diritto alla salute per definire una proposta alternativa all’entrata in vigore nel 2014 degli ulteriori ticket sanitari. Un nuovo aumento della compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini provocherebbe un effetto negativo sulla salute e sui redditi dei cittadini, nonché sulle casse del SSN.

 

Tonino Aceti, Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici (CnAMC)

 

fonte: www.cittadinanzattiva.it, 02.05.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.