Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / SAMARITANI dell’ora giusta, dell’ora dopo e dell’ora prima: spunti di riflessione di Rosa Serrone

SAMARITANI dell’ora giusta, dell’ora dopo e dell’ora prima: spunti di riflessione di Rosa Serrone

creato da Eleonora Bellini ultima modifica 08/02/2018 22:18
Mission del Coordinamento CARITAS di Giovinazzo: Servizi attivati sono scuola di educazione alla Carità e servizio civile nazionale

Servizi attivi a Giovinazzo nel 2017:

1) Ascolto. I poveri italiani sono senza casa o con fitti a nero (350 per un piano terra), senza lavoro o sottopagati, famiglie separate, famiglie con minori, anziani soli e abbandonati con pensioni minime, ludopatici…

I poveri stranieri sono stagionali, passanti senza fissa dimora, in attesa di rinnovo di permesso di soggiorno e con lavori saltuari e a nero.

Interventi: aiuti economici: pagamento di fitto, bollette in quota parte, buoni mensa, biglietti di viaggio, bollo e tasse per pratiche di soggiorno. Collaborazione con Istituzioni: Comune, Rete Caritas, Associazioni. AIUTI ECONOMICI: 60% a Italiani = 9493euro in 78 interventi (123 euro pro capite); 40% a stranieri: euro 6600 in 118 interventi (56 euro pro capite).

2) Servizio Minori. Doposcuola e animazione dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 18.30 (10 bambini di cui 8 stranieri, turnano 10 operatori adulti e 16 giovani per circa 2.500 ore di servizio gratuito) Laboratorio musicale estivo. Progetto inclusione (3 bambine rumene e 1 georgiano sono inseriti nell’Agesci a carico economico condiviso Caritas-Agesci) Spese per Progetto Minori: 2040 euro per acquisto cancelleria, quaderni, pane, biscotti, frutta per merenda, biglietti per teatro…

3) Servizio guardaroba. Il giovedì pomeriggio, turnano ogni settimana le parrocchie con 2 operatori, una media di 15 utenti con 200 pezzi distribuiti ogni settimana per circa 7000 pezzi di vestiario, scarpe, carrozzine, letti…nel 2017. Utenti sono 4/5 stranieri: albanesi stanziali, georgiane, rumeni, rom, nordafricani stagionali.

4) Distribuzione di alimenti. Prodotti FEAD e buoni-spesa dal supermercato, in gran parte a stranieri, passanti e famiglie con minori. 1185 euro in buoni spesa per supermercati in 78 interventi.

Aiuti alimentari: distribuiti in 122 interventi 2740 pezzi di prodotti FEAD (in gran parte pasta, ma anche olio di semi, riso, biscotti, latte, pelati, legumi, formaggi…)

53 farmaci provenienti dal Banco farmaceutico a 12 persone (in maggioranza stranieri).

Entrate da Diocesi 22.000 euro, 1504 euro da associazioni o privati.

Nelle 5 Parrocchie di Giovinazzo sono presenti 20 operatori che seguono 100 famiglie, distribuendo alimenti una o due volte al mese, ascoltando i problemi, accompagnando nella ricerca di soluzioni, contribuendo in parte o in toto al pagamento di fitto e bollette. Interventi economici in 4 parrocchie: 115 per 7.458 euro. Le entrate provengono da donazioni di privati, associazioni, parroco; da attività mirate, da sottoscrizioni familiari volontarie di 5 euro mensili. Non sono quantificati gli interventi caritativi personali dei sacerdoti.

Prospettive: ricerca di ulteriori risorse umane, la carità è di tutti e non si delega, i poveri saranno tra noi sempre… rimuovere le cause della povertà significa interrogarsi come comunità, cambiare stili di vita, educare, accompagnare, sostenere, responsabilizzare…

[responsabile Caritas Giovinazzo, Bari]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.