Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salvini, un capitano del popolo a metà tempo (ha anche un governo a cui pensare), di Luigi Mastrodonato

Salvini, un capitano del popolo a metà tempo (ha anche un governo a cui pensare), di Luigi Mastrodonato

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 08/04/2021 10:20
Il leader della Lega non era presente a Montecitorio insieme ai ristoratori che hanno protestato contro il lockdown. Si capisce: fa parte di quello stesso esecutivo sotto accusa, da cui prende le distanze quando può e gli torna utile…

Si è visto un po’ di tutto in Piazza Montecitorio a Roma durante la manifestazione di commercianti e ristoratori per chiedere le riaperture. C’erano i fascisti del terzo millennio di Casapound, c’erano personalità legate a Confindustria, c’erano vecchie glorie del Movimento cinque stelle à la Paragone, c’era l’universo no vax e infine c’era anche il Jake Angeli de noantri, uno sciamano versione tricolore che ha dichiarato che fare il pagliaccio fosse l’unico modo per avere una certa risonanza.

Ad arringare la folla è comparso colui che è diventato un simbolo del movimento #ioapro, il parlamentare Vittorio Sgarbi, mentre dell’altro trascinatore, Matteo Salvini, non c’era traccia. Il leader della Lega lo abbiamo visto nei mesi scorsi sempre al fianco dei ristoratori, con tanto di maglietta brandizzata con l’hashtag della protesta e il dito perennemente puntato contro un governo capace solo di chiudere tutto e insensibile ai bisogni della popolazione. Da febbraio però la musica è cambiata, non nel senso che commercianti e ristoratori hanno avuto quello che chiedevano, anzi la situazione è perfino peggiorata per loro visto il ban almeno fino a maggio delle zone gialle. Però ora all’esecutivo c’è lui, quel Matteo Salvini amico dei #ioapro, oggi impegnato quotidianamente a mantenersi in equilibrio tra la strumentalizzazione del malcontento della società civile e l’amplificazione di questo malcontento in quanto politico di maggioranza.

È una posizione difficile la sua, un nodo che ha deciso di sciogliere parlando all’occorrenza da uomo di governo, all’occorrenza da uomo di opposizione. Allora nei giorni scorsi il capitano ha aizzato la sua fanbase scrivendo che è arrivato il momento di riaprire, ma a differenza del passato aggiungendo una nuova parte all’appello, quella del “se i dati lo permettono”, un passo indietro rispetto alle invettive senza se e senza ma di un tempo. 

Ma comunque un modo per cavalcare la rabbia di commercianti e ristoratori, un assist alle loro proteste, una spinta affinché facessero sentire la loro voce visto che nel Palazzo c’è qualcuno che li ascolta, lui appunto. Una volta andata in scena la protesta però, tra cosplay di QAnon, scontri con le forze dell’ordine e parafascisti, ecco che di Salvini non si hanno più avute notizie. Nessun intervento alla protesta, nessun post e commento al riguardo, tutto quello che si è sentito è una dichiarazione del suo portavoce sul fatto che “noi non c’entriamo nulla. Non abbiamo avuto nessun ruolo nell’organizzazione di queste proteste”.

Qualcuno tra i manifestanti deve aver iniziato a capire il trucco leghista, quel camaleontico trasformismo con cui tenere in un colpo solo in pugno poltrona e consenso, tanto che dalla piazza si sono sollevati dei cori contro Salvini. Diverso il caso di Sgarbi, che ha deciso di andare fino in fondo nel cavalcare la rabbia popolare senza arretrare di un millimetro, questo in barba alle centinaia di morti, ai contagi che non scendono e alle terapie intensive sopra la soglia critica che continuano a macchiare i bollettini quotidiani sul Covid-19.

Un diverso approccio quello sgarbiano-salviniano, ugualmente pericoloso ma caratterizzato da un differente grado di ipocrisia, volto comunque a raggiungere lo stesso fine: strumentalizzare la rabbia e la disperazione, anche comprensibile, di migliaia di lavoratori, offrendo loro soluzioni a base di aperture incondizionate che non sono però percorribili e che appartengono quindi al campo della propaganda. Un approccio perfettamente rappresentato proprio dalla figura del leader leghista, a parole leader del movimento #ioapro, nei fatti sostenitore delle chiusure volute dal suo stesso governo.

https://www.wired.it/attualita/politica/2021/04/07/salvini-proteste-ristorarori-montecitorio/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.