Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salvini ringrazia la Madonna: non è folklore ma un attacco a Papa Francesco, di Antonio Cipriani

Salvini ringrazia la Madonna: non è folklore ma un attacco a Papa Francesco, di Antonio Cipriani

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 07/08/2019 09:41
I riferimenti della Beata Vergine per festeggiare una legge disumana che nega i valori cristiani sono stati una scelta 'bannoniana' e una risposta livorosa al presidente della Cei Bassetti…

"Ringrazio Voi, gli Italiani e la Beata Vergine Maria". 

Visto che si tratta di una legge duramente criticata dalla Chiesa, dettata dall’egoismo e permeata di disvalori (non valori) cristiani ai più è sembrata una sortita fuori luogo.

Ma subito dopo sui social del capo leghista è apparsa un’altra immagina mariana con la scritta: “5 agosto è il giorno in cui è nata Maria Santissima, auguri mamma proteggimi”. 

Con successiva spiegazione: "Chi è stato a Medjugorje lo sa, oggi è 5 agosto, il compleanno della Vergine Maria e mi fa piacere che oggi faccia un bel regalo all'Italia". 

La natività di Maria si celebra l'8 settembre, a dire il vero. Come è vero che il Vaticano non ha una grande considerazione di Medjugorje essendo Papa Francesco a dir poco dubbioso sul miracolo, tanto da aver detto di non credere a una Madonna postina.

Ma stavolta la sceneggiata pseudo-religiosa di Salvini non è stata solo un’espressione di un folklore social.

Ma è stata la scientifica provocazione contro la Chiesa di Papa Francesco e contro l’attuale presidenza della Conferenza episcopale italiana, in particolare al presidente monsignor Bassetti.

In altri termini una bravata social che da un lato dimostra la tendenza arroganza e da bimbominkia di un ragazzotto diventato adulto a forza di cambiare posizioni come una banderuola (da No tav a sì tav, da indipendentista padano a nazionalista italiano, da contestatore delle leggi a tolleranza zero verso la disobbedienza civile, da sostenitore dell’indipendenza della Catalogna a sostenitore di Vox, estrema destra spagnola ultra-nazionalista e nemica giurata degli indipendentisti catalani) ma dall’altro parte integrante di quel disegnobannoniano’ attraverso il quale la chiesa più oscurantista si dovrebbe ribellare a Papa Francesco, trattato quasi fosse un eretico.

La Chiesa ha che come punto di riferimento il cardinale Burke in America, un manipolo di porporati reazionari e circoli della destra ultra-tradizionalista che dicono il cattolicesimo come esclusione dell’altro.

L’offensiva sovranista passa anche per la negazione del Vangelo e la sua sostituzione con una falsa lettura del Vangelo, come se la parola di Cristo legittimasse il razzismo, l’egoismo e l’emarginazione degli ultimi e dei poveri.

Non a caso proprio nei giorni scorsi il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, era intervenuto due volte per contestare la deriva falso-cristiana che aveva detto: “I cattolici non devono mettersi in fila dietro i pifferai magici di turno e i simboli religiosi valgono solo nel contesto di una fede vissuta, altrimenti sono una sterile ostentazione”.

La frase intera era stata: “da un lato, si è accelerato, in nome della 'qualità della vita' e dei 'diritti individuali', il distacco dell'uomo da una visione cristiana dell'etica. Dall'altro lato, si è andata affermando, in nome del 'nemico esterno', islamico o migrante, una cultura identitaria escludente, nella logica dell'amico/nemico. 

In entrambi i casi c'è una negazione della Caritas, dell’Humanitas, della pietas e dell'universalismo cattolico

Oggi più che mai, i cattolici devono avere 'fede retta e speranza certa' come diceva san Francesco, senza mettersi in fila dietro i pifferai magici di turno. I falsi profeti ci sono sempre stati e sempre ci saranno. Questa è la condizione e la sfida del cristiano di ogni tempo. I simboli religiosi valgono solo nel contesto di una fede vissuta, altrimenti sono una sterile ostentazione”.

La risposta non si è fatta attendere. Arrogante e sfrontata. Con buona pace dei cristiani che sopportano e non si ribellano come dovrebbero.

 

https://www.globalist.it/politics/2019/08/06/salvini-ringrazia-la-madonna-non-e-folklore-ma-un-attacco-a-papa-francesco-2044897.html

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.