Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salvini, non citi a sproposito don Milani, di Elisa Chiari

Salvini, non citi a sproposito don Milani, di Elisa Chiari

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 15/09/2015 09:31
Se fosse vivo, il prete di Barbiana, dove le porte erano aperte, sarebbe esattamente tra chi il leader della Lega vuole cacciare: tra gli immigrati, nei campi rom, in mezzo ai rifugiati. Il suo motto, "I care", era l'esatto opposto del "me ne frego"...

 

Caro Salvini,  per favore, giù le mani da don Milani. Non tanto perché don Milani  non era uomo di nessuno se non del Vangelo da vivo, e non ci pare opportuno che venga ascritto alla ditta di alcuno da morto (vale anche per altri che l'hanno tirato per la tonaca in questi anni). Men che meno a una ditta che si sente più affine - a giudicare dalle dichiarate sintonie lepeniane - al "me ne frego", che all' I Care, che c'è ancora sulla porta della stanzetta ch'era stata di don Lorenzo, lassù a Barbiana. Non tanto perché probabilmente, se fosse vivo, don Milani troverebbe le Barbiana di oggi ai margini attuali. E sarebbe fin troppo facile dirsi che il margine del margine, qui e ora, sono i bambini che sbarcano soli a Lampedusa o che sfuggono alla scuola perdendosi sulla strada che porta ai campi rom. 

Sarebbe facile come sparare sulla croce rossa, ma il gioco di tirarlo per la tonaca non piace farlo neanche a noi. Sarebbe anche fin troppo facile smontare l'appropriazione indebita a forza di citazioni, saccheggiando quello che don Milani ha detto e lasciato scritto, ma sarebbe riduttivo, perché l'incompatibilità tra Salvini e don Milani è, ancor prima che nel merito, nel metodo. Tutto il lavoro che don Milani nella sua vita ha fatto, al di là delle parole dette, ha mirato a una sola cosa: dare ai poveri, ai fragili, ai marginali parole e cultura sufficienti per difendersi da chi avrebbe potuto prevaricarli e tirarli dalla propria parte a suon di slogan a buon mercato. Voleva che imparassero a difendersi, con la forza della ragione, dalla politica che parla alla pancia, indipendentemente dal suo colore. La sua era, prima di tutto, una scuola di senso critico. Non solo, nella sua scuola si studiavano lingua e lingue: i suoi ragazzi imparavano a vivere aperti all'Europa e al mondo, andavano a imparare, lavorando in fabbrica o nei campi, il tedesco in Germania, l'Inglese in Inghilterra, l'arabo in Algeria. 

Basterebbe questo a segnare la distanza con Salvini. Ma v'è di più. Nella scuola di don Milani le porte erano aperte, non solo in uscita per andare nel mondo a imparare, ma anche in entrata: capitava che politici con la parlantina sciolta e la promessa facile venissero invitati a parlare, dove parlare voleva dire essere sottoposti a un fuoco di fila di domande scomode, da un plotoncino di ragazzini impertinenti e preparati a smontare gli slogan pezzo a pezzo. Gli slogan di tutti, a maggior ragione di quelli che suonavano sirene che avrebbero potuto incantare i poveri facilmente. Ai comunisti don Milani diceva: "Voi tradite i poveri due volte perché a differenza d’altri dite di stare dalla loro parte", ma non risparmiava nessuno. E se, davanti al suo criticare nel merito tutti: preti, comunisti, democristiani, un ragazzo chiedeva spiazzato: "Ma allora chi ha ragione?". Rispondeva: "bischeri, la verità non ha parte". E intanto insegnava loro a cercarla, smascherando senza pietà, le menzogne della politica, specie di quella che da sempre fa del "parla come mangi" la sua ragion d'essere. Non sappiamo, anche se possiamo immaginarlo come sarebbe stato un pomeriggio di Salvini a Barbiana, ma siamo abbastanza convinti che se ci fossero in giro tanti don Milani, i Salvini di turno avrebbero minor seguito.

fonte: Famiglia Cristiana

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE - su come stiamo vivendo il periodo di crisi sanitaria - è stato già inviato.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? - Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? - è in preparazione.

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 gennaio 2021.

 listing Il n. 124 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 30 aprile 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.