Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salvini in Vaticano ricordi: la realtà è superiore all’idea, di Riccardo Cristiano

Salvini in Vaticano ricordi: la realtà è superiore all’idea, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 11/09/2021 08:44
Matteo Salvini, stando a quanto si dice e che non risulta smentito, non ha incontrato il papa. Non ha incontrato il Segretario di Stato vaticano. Ha incontrato il Segretario per il rapporti con gli Stati della Santa Sede, monsignor Richard Gallagher. L’incontro ha una grammatica, e quindi un senso…

Come sarà andato il colloquio di Matteo Salvini con il Segretario per il rapporti con gli Stati della Santa Sede, monsignor Richard Gallagher? La risposta a questa domanda più che da comunicati o da indiscrezioni di giornali amici di questo o di quello ce la daranno i fatti. Tra le regole più note del mondo non ideologico di Francesco una è nota a tutti: “la realtà è superiore all’idea”. E indubbiamente se si continuassero a vedere rosari agitati durante comizi politici vorrebbe dire che i colloqui potrebbero non aver avuto il miglior avvio. Non è più tempo di partiti confessionali né di battaglie di Lepanto. Ma l’Italia, e l’Europa, possono sperare che sia cominciato un nuovo corso. Nella reciproca comprensione di cosa agita il mondo che per prassi chiamiamo conservatore, ma anche nella comprensione di cosa infastidirebbe un qualsiasi interlocutore trattato alla stregua di un impostore.

Dunque l’incontro è importante. Matteo Salvini, stando a quanto si dice e che non risulta smentito, non ha incontrato il papa. Non ha incontrato il Segretario di Stato vaticano. Ha incontrato il Segretario per i rapporti con gli Stati. Dunque l’incontro avrebbe, ha una grammatica, e quindi un senso. Se il senso fosse avviare un chiarimento tra quel conservatorismo che oggi partecipa a guidare l’Italia fuori dalle secche della pandemia nella prospettiva della comune responsabilità e quell’autorità morale che questo ha sempre auspicato, ferma restando la differenza dei ruoli e dei compiti -come nel caso di tutti gli altri soggetti politici- sarebbe un bene.

Una casa cattolico-conservatrice non illiberale, come quella orbaniana, serve a tutti. Serve all’Italia, serve all’Europa, serve alla sinistra, serve ai conservatori. Per farlo è chiaro che l’autorità morale va riconosciuta come tale, ma questo non tutti lo fanno. L’autorità morale non impone un programma politico, ma indica una prospettiva che si può interpretare. Se la si vuole accettare come tale, lo si può fare da “cattolici adulti”, come disse in un senso anni fa Romano Prodi e come altri possono dire altro senso oggi. Ma non definire non legittima. In questa prospettiva, per me auspicabile, credo che il senatore Salvini farebbe bene a intraprendere questa lunga marcia senza libretti, magari rosso porpora.

Indicare un cardinale o un altro che in passato hanno riconosciuto i suoi meriti cattolici, come fanno alcuni giornali, non credo aiuti. Anche articoli che dipingono il Vaticano come un’entità non capace di intendere cosa significasse il ddl Zan, non appare corroborare l’impresa. Perché l’impresa è importante: si tratta di costruire quel referente non ratzingeriano o bergogliano, ma attento ai valori cattolici nel mondo di un conservatorismo europeo che oggi appare pervaso da molto altro. I valori cattolici in questi ambiti si evincono prioritariamente dalla dottrina sociale, non da quella dei teocon. E quei valori richiedono di riflettere sul passato, sul presente, sul futuro e soprattutto sul bene comune.

Il senatore Salvini, prima di andare al colloquio che avrebbe, ha avuto in Vaticano, ha detto secondo un importante sito di informazione: “Papa? Non la vediamo così diversamente”. È un’espressione strana, ma prendendo il buono delle intenzioni, è un passo avanti rispetto ai tempi andati, quelli dei comizi. Ma non credo che sia questo il punto. Il punto è capire cosa serve all’Italia e all’Europa, e capire se si conviene, anche con idee diverse, che la priorità oggi si chiama responsabilità. Fatti in questo senso aprirebbero scenari da esito positivo. Il cattolicesimo praticato e quindi anche in politica ha bisogno di riscoprire e far riscoprire il Vangelo.

Non si tratta di aspettarsi e tanto meno di augurarsi nuove cinghie di trasmissione, non servono. Si tratta di confrontarsi insieme sulle urgenze e i rischi che tutti gli estremismi creano, sempre ma soprattutto oggi. La famiglia certamente è un punto, ma va capita a mio avviso come famiglia privata, nazionale e umana. Poi le ricette per curarle tutte non le dà l’autorità morale, ieri come oggi. Lavorare da conservatori per il bene comune è un bene anche per sperare che altri lavorino per il bene comune da progressisti. Le autorità morali servono a questo.

https://formiche.net/2021/09/salvini-vaticano-gallagher-papa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.