Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salvare l’Amazzonia per salvare il mondo, di Celam

Salvare l’Amazzonia per salvare il mondo, di Celam

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 24/08/2019 11:35
Appello del Consiglio episcopale latinoamericano…

Nel messaggio, intitolato «Alziamo la voce per l’Amazzonia», viene citato uno stralcio dell’introduzione dell’Instrumentum laboris per il sinodo sull’Amazzonia in cui si sottolinea come «nella foresta amazzonica, di vitale importanza per il pianeta, si è scatenata una profonda crisi causata da una prolungata ingerenza umana, in cui predomina una “cultura dello scarto” (Laudato si’, 16) e una mentalità estrattivista».

“Davanti ai terribili incendi che consumano vaste regioni in Alaska, Groenlandia, Siberia, Isole Canarie e in particolare l’Amazzonia, noi vescovi dell’America Latina e dei Caraibi vogliamo esprimere la nostra preoccupazione per questa gravissima tragedia, la quale non è soltanto di portata locale, e neppure regionale, ma anche planetaria.

La speranza per l’avvenimento del Sinodo per la Amazzonia, convocato da Papa Francesco, è adesso segnata dal dolore per questa tragedia ambientale. Ai fratelli dei popoli indigeni che abitano questa cara foresta, esprimiamo la nostra vicinanza e uniamo la nostra voce alla sua per gridare al mondo, chiedendo solidarietà e una pronta risposta per fermare questa devastazione”.

Lo scrive in una nota la Presidenza del Consiglio episcopale dell’America Latina e Caribe (Celam). Il messaggio, firmato tra gli altri dal presidente del Celam, mons. Miguel Cabrejos Vidarte, arcivescovo di Trujillo (Perù), cita l’Instrumentum Laboris in vista del Sinodo per l’Amazzonia, laddove si legge: “Nella foresta amazzonica, di vitale importanza per il pianeta, si è scatenata una profonda crisi causata da uno lungo intervento umano, dove prevale una ‘cultura dello scarto’ (LS 16) e una mentalità estrattivista”.

Prosegue la nota del Celam: “ Esortiamo i governi dei Paesi amazzonici, in particolare Brasile e Bolivia, le Nazioni Unite e la comunità internazionale a prendere serie misure per salvare i polmoni del mondo. Quello che succede all’Amazzonia non è solo un problema locale, ma di portata globale. Se l’Amazzonia soffre, il mondo soffre”. Ricordando le parole di Papa Francesco, “vorremmo chiedere, per favore, a tutti coloro che occupano posizioni di responsabilità nella sfera economica, politica, sociale, tutti gli uomini e le donne di buona volontà”, di essere “custodi della creazione, del disegno di Dio inscritto nella natura, guardiani dell’altro, dell’ambiente; non lasciamo che i segni della distruzione e della morte accompagnino il cammino di questo nostro mondo” .

http://www.sinodoamazonico.va/content/sinodoamazonico/it/attualita/il-celam-alza-la-voce-per-l-amazzonia.html

 

Comunicato

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.