Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Salario minimo: la direttiva per una transizione sostenibile ed inclusiva, di Sara Occhipinti

Salario minimo: la direttiva per una transizione sostenibile ed inclusiva, di Sara Occhipinti

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 16/12/2021 10:02
È la proposta del Parlamento Europeo per mitigare le disuguaglianze lavorative inevitabili nel prossimo futuro…

È questa la proposta del Parlamento Europeo che il 25 novembre scorso ha aperto i negoziati con il Consiglio europeo. L’obiettivo è quello di stabilire un livello base di protezione salariale in tutti gli Stati membri, per garantire standard di vita dignitosi ai lavoratori e alle loro famiglie e contrastare la povertà lavorativa.

Con il termine “salario legale” si intende la previsione per legge del costo minimo consentito per la prestazione di attività lavorativa. A gennaio 2021 sono 21 su 27 gli Stati UE che hanno previsto un salario minimo nazionale. Secondo i dati Eurostat del 2021, il Paese con il minimo salariale più basso è la Bulgaria (con 332 Euro) mentre quello più alto è il Lussemburgo (con 2202 Euro). Italia, Danimarca, Cipro, Finlandia, Austria e Svezia non hanno ancora introdotto il salario legale. Si è osservato che i Paesi che non dispongono di un meccanismo di salario minimo legale sono anche i Paesi dove è più larga la percentuale di rapporti di lavoro subordinato disciplinati attraverso la contrattazione collettiva.

Transizione e impatto sul mondo del lavoro

Ma quali sono le ragioni che hanno spinto l’Unione Europa ad occuparsi della questione del salario, affidata finora all’autonomia degli Stati?

La manovra in atto è finalizzata a correggere l’impatto sul mondo del lavoro che la transizione digitale produrrà nei prossimi dieci anni, all’esito di un lungo periodo di recessione, e della crisi generata dalla pandemia. Nellarco temporale che va dal 2008 al 2013, in piena recessione e contrazione delloccupazione, la domanda di lavoro è stata sempre più debole nella fascia centrale della distribuzione salariale. Le prestazioni lavorative sono transitate dai settori della costruzione e della produzione a quello dei servizi, e questa tendenza  sarà ulteriormente rinforzata dalla risposta alla pandemia. 

Sono sempre più elevate le quote di lavoro precario, comprendenti part time, stagionali, interinali: lavoratori per i quali è già difficile organizzarsi e lottare per i contratti collettivi. Il 60% dei lavoratori è “involontariamente prigioniero di un lavoro a tempo determinato”. Le percentuali di transizione sono basse nei paesi con alti livelli di occupazione a tempo determinato. Le amministrazioni pubbliche fanno affidamento sui lavoratori temporanei per sostituire piano piano i dipendenti, imponendo condizioni di lavoro precari.

Nascono poi nuovi lavori, che si discostano dai modelli tradizionali e sono coperti in misura minore dalla protezione sociale e dalla contrattazione collettiva, e tendono ad essere impiegati più diffusamente in tempo di crisi. La diffusione del lavoro atipico, come quello di stagisti, tirocinanti, apprendisti, riders, lavoratori di piattaforma, lavoratori in occupazione protetta, a richiesta, intermittenti, a voucher… ha portato ad un indebolimento del ruolo dei sindacati e ad uno svuotamento dei contratti collettivi.

Per una ripresa sostenibile ed inclusiva è necessario fronteggiare le disuguaglianze nel lavoro: giovani e donne, lavoratori anziani, migranti, genitori single, disabili, lavoratori a bassa qualifica , lavoratori agricoli e stagionali, rappresentano gruppi di lavoratori vulnerabili che in genere percepiscono una retribuzione non conforme al minimo necessario per vivere dignitosamente. Nei paesi in cui la protezione del salario minimo deriva solo alla contrattazione collettiva, è stato stimato che la quota di lavoratori non coperti da adeguate tutele vari dal 2% al 55% di tutti i lavoratori.

Il Parlamento Europeo, nella risoluzione di dicembre 2020, prospetta un futuro in cui la polarizzazione del lavoro e le forme di occupazione atipiche aumenteranno grandemente nella fascia più alta e in quella più bassa dello spettro delle competenze. Non vanno dimenticati i lavori poco qualificati che sono e saranno sempre essenziali per le società e meritano una paga e condizioni di lavoro dignitose.

Il quadro attuale fa emergere il divario reddituale tra lavoratori e lavoratrici, dove le donne rappresentano il 60% dei lavoratori a tempo parziale e sono state più colpite degli uomini dalle conseguenze economiche della pandemia. In questo scenario, la proposta di direttiva sul salario minimo risponde all’urgenza di apportare correttivi per una transizione giusta e sostenibile.

La direttiva sul salario minimo

Il diritto al salario minimo trova fondamento normativo nel Principio n. 6 del Pilastro europeo dei diritti sociali secondo cui “i lavoratori hanno diritto a una retribuzione equa che offra un tenore di vita dignitoso. Sono garantite retribuzioni minime adeguate, che soddisfino i bisogni del lavoratore e della sua famiglia in funzione delle condizioni economiche e sociali nazionali, salvaguardando nel contempo l'accesso al lavoro e gli incentivi alla ricerca di lavoro. La povertà lavorativa va prevenuta”.

Cercando la base giuridica per la direttiva sul salario minimo è stato necessario superare l’ostacolo posto dall’art. 153 par. 5, del Trattato sul Funzionamento dellUnione Europea (TFUE) che esclude la possibilità di emanare Direttive dellUnione aventi ad oggetto le retribuzioni. La ragione a fondamento di questa preclusione prevista dal Trattato si trova nel fatto che  la determinazione dei salari appartiene allautonomia contrattuale delle parti sociali a livello nazionale e rientra nella competenza degli Stati membri in materia. Non è possibile dunque fissare con una direttiva un salario minimo uniforme. Il contenuto della proposta di direttiva attualmente in esame intende quindi istituire un quadro per la determinazione di salari minimi adeguati, senza tuttavia voler armonizzare il livello dei salari minimi né istituire un meccanismo uniforme per fissare i salari minimi. 

Oltre ai lavoratori che hanno un contratto di lavoro definito dalla legge, dovranno rientrare nella direttiva anche tutti gli atipici, e i lavoratori autonomi fittizi, che hanno un contratto autonomo sul piano nominale ma in realtà finalizzato ad eludere obblighi legali o fiscali. Scopo della direttiva sarà anche quello di incrementare e valorizzare il ruolo della contrattazione collettiva portandola almeno all’80% dei lavoratori ed incentivando il livello di affiliazione ai sindacati. 

La convinzione espressa dal Parlamento è che la protezione del salario minimo attraverso i contratti collettivi sia vantaggiosa per lavoratori, datori di lavoro e imprese. Una particolare attenzione andrà posta per evitare il rischio che nell’attuare la direttiva, gli Stati pongano inutili vincoli amministrativi, finanziari e giuridici a svantaggio delle micro, piccole e medie imprese già in forte sofferenza. Sarebbe opportuno, come previsto in alcuni emendamenti alla proposta di direttiva, monitorare l’impatto della direttiva sulla piccola/media impresa e in caso di effetti sproporzionati, imporre agli Stati membri di prendere adeguate misure di sostegno.

https://www.altalex.com/documents/news/2021/12/01/salario-minimo-direttiva-per-transizione-sostenibile-inclusiva

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.