Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Rusconi: «L’Italia è prigioniera dei talk show, la Germania dell’insicurezza»

Rusconi: «L’Italia è prigioniera dei talk show, la Germania dell’insicurezza»

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 23/05/2020 09:52
Mentre le istituzioni europee si battono per tamponare la peggior crisi dal dopoguerra e porre basi comuni per la ricostruzione, tanto in Italia quanto in Germania sembra rafforzarsi – da prospettive diverse – un senso di sfiducia “strutturale” verso i partner europei. Quasi d’insofferenza...

Mentre le istituzioni europee si battono per tamponare la peggior crisi dal dopoguerra e porre basi comuni per la ricostruzione, tanto in Italia quanto in Germania sembra rafforzarsi – da prospettive diverse – un senso di sfiducia “strutturale” verso i partner europei. Quasi d’insofferenza. È l’allarme fotografato da una ridda di sondaggi, e che preoccupa anche Gian Enrico Rusconi, politologo emerito dell’Università di Torino, già direttore dell’Istituto storico italo-germanico di Trento e tra i più fini conoscitori della cultura tedesca. Che vede l’Italia persa in un dibattito pubblico ormai degenerato, dunque incapace di progettualità. Ma anche la Germania, alla vigilia di un semestre cruciale alla guida dell’Ue, preda di istintisovranisti” – come dimostra l’ultima sentenza della sua Corte costituzionale – e del dilemma più inquietante: l’incertezza.

Professor Rusconi, le indagini d’opinione restituiscono l’immagine di un’Italia sempre più sfiduciata, verso se stessa ma anche verso i suoi partner storici. A cominciare dalla Germania, in cui appena un quarto degli italiani riporrebbe una qualche fiducia (Demos) e che il 45% considererebbe ormai un “Paese nemico” (Swg).

Le confesso: questo dibattito mi pare un eterno ritorno. Già trent’anni fa si registravano pulsioni e inquietudini molto simili. Poi negli anni ’90 sembrava che tutto ciò fosse scomparso. Ma periodicamente il tema torna alla ribalta, perfino violentemente. Segno che il problema di una certa, reciproca Entfremdung estraneità – non è stato davvero risolto, ma rimosso, certo. Ma segno dal lato italiano anche di un discorso pubblico deteriorato, sprofondato: complice una classe politica imbarazzante e un sistema mediatico condannatosi a rincorrere umori e dinamiche dei social network. L’oggetto di qualsiasi dibattito diventa irrilevante: ciò che conta è il talk show. È automatico che così riemergano gli stereotipi più antichi.

Lo stesso ambasciatore tedesco ha notato con amarezza l’”ingratitudine” della nostra opinione pubblica, mentre quella di Berlino si concentra ormai da settimane su come organizzare la solidarietà all’Italia.   

Ha ragione, senz’altro il messaggio della solidarietà tedesca dall’inizio della pandemia è passato poco – al contrario di quella di altri Paesi. Ma non possiamo nasconderci che il gioco degli stereotipi è sempre stato reciproco: quello degli italiani spendaccioni è altrettanto radicato nell’opinione pubblica tedesca, anche in questo caso con lo zampino di molta stampa. Dimentichiamo forse di quando i giornali tedeschi bollavano Mario Draghi tout court come “l’italiano” per stigmatizzare le sue scelte di politica monetaria?

In questo contesto, a proposito di Bce, è arrivata la pronuncia della Corte costituzionale tedesca che mette nel mirino il suo programma d’acquisti straordinario per contenere la crisi continentale. Solo una disputa giuridica o qualcosa di più?

Qui la Corte si è mossa per riaffermare due princìpi cardine della sua dottrina. Primo, che sovrano nell’ordinamento tedesco è il Parlamento, non ve ne sono né possono essere altri. Secondo, che l’Unione europea è una associazione di Stati – non dunque un embrione di “sovra-Stato” o simili: prova ne sia che a detenere il pallino delle decisioni è e resta in primis il Consiglio, cioè gli Stati membri. Mi chiedo tuttavia se questa uscita pur cauta della Corte non potrebbe anche essere letta come un ballon d’essai, in vista di un possibile allentamento dei rapporti con l’Ue. In questo senso il vero nodo politico è che la Corte pur involontariamente apre uno spiraglio alla bestia nera dei partiti tradizionali, l’Alternative für Deutschland.

Nel pieno della crisi più travolgente dal dopoguerra, la Germania si appresta ad assumere la presidenza del Consiglio Ue, in un semestre che sarà cruciale per porre le basi dell’agognata “ricostruzione”, oltre che per condurre in porto il trauma della Brexit. Sarà l’appello definitivo per il Paese a fare i conti con la sua riluttanza ad esercitare una leadership europea?

È senz’altro così, ma non saprei dire in quale direzione. O meglio, ho l’impressione che il non so profondo stia proprio nell’establishment tedesco. Quella fortunata definizione di egemonia riluttante fu coniata subito dopo l’ultima crisi dall’Economist e s’impose perché in fondo accontentava tutti: tanto chi l’auspicava quanto chi no. Ma io, mi permetto di far notare, ho proposto una diversa categoria, quella dell’egemonia vulnerabile, proprio per mettere in luce un’altra caratteristica dei tedeschi contemporanei che spesso non si comprende: il timore. 

Non a caso in Germania espressioni del genere sono bandite nel linguaggio pubblico: la massima definizione cui si è spinta la cancelliera Angela Merkel è stata quella di nazione di orientamento. C’è un timore ad assumersi troppe responsabilità, e forse oggi anche qualcosa di più: un certo “raffreddamento” del senso di appartenenza europea. Non dimentichiamo che la Germania è stata quella che più ha sofferto l’allontanamento del Regno Unito, e che il rapporto franco-tedesco, motore storico dell’integrazione, è ai minimi storici. 

D’altro canto, a Bruxelles c’è una politica tedesca, Ursula Von der Leyen, che ha dimostrato una sua autonomia di giudizio e spinge per una visione più “unionista”. Ecco perché mi pare il sentimento dominante nella classe dirigente tedesca in questo momento sia una profonda incertezza sulla strada da seguire. Ma in quest’insicurezza neppure l’ipotesi estrema di un “ritiro” dal progetto europeo, se la situazione dovesse precipitare, è del tutto assente, anche se non lo si direbbe mai apertamente. Per questo il gioco degli stereotipi austeri / spendaccioni – o al colmo da bar mafiosi / nazisti – lascia il tempo che trova: perché quei pregiudizi che riaffiorano in superficie nascondono dei rimossi politici ben più seri e profondi.

 

https://www.reset.it/caffe-europa/rusconi-litalia-e-prigioniera-dei-talk-show-la-germania-dellinsicurezza

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.