Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Robot al posto dei pensionati, di Fabio Savelli

Robot al posto dei pensionati, di Fabio Savelli

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 18:31
Il direttore delle risorse umane Horst Neumann al “Suddeutsche Zeitung”: «Così tagliamo il costo del lavoro»

 

Esplora il significato del termine: «Non bisogna rimpiangerli, se ci sono alternative migliori». La sentenza (senza appello) è arrivata qualche giorno fa dal direttore delle risorse umane di Volkswagen Horst Neumann. Il capo del personale della casa automobilistica ha espresso la sua opinione sul quotidiano «Suddeutsche Zeitung» sostenendo senza mezzi termini che il turn-over (e il passaggio generazionale tra anziani e giovani) nel campo dell’automazione industriale è di fatto finito. Perché al posto di coloro che stanno andando in pensione «prenderemo i robot». La ratio è ovviamente ispirata alla necessità di contenere le spese: «Non potremo rimpiazzare tutti i lavoratori con altri assunti perché il costo del lavoro in Germania è superiore ai 40 euro all’ora, nell’Europa dell’est è a undici, in Cina siamo persino sotto i 10», ha scritto Neumann. Mentre il costo relativo a un sostituto meccanico per lavori di routine in fabbrica sarebbe pari a cinque euro, soglia che potrebbe scendere ulteriormente con la nuova generazione dei robot che promette un tasso di produttività da far impallidire anche il migliore operaio specializzato.

Lo scritto di Ricardo
La fabbrica senza operai (e le macchine a sostituirne il lavoro) è realtà tema atavico, se si ricorda persino uno scritto risalente a 1813 in cui David Ricardo profetizzava la cancellazione di posti di lavoro a seguito dell’automazione dei processi. Ecco perché non occorre forse abbandonarsi al pessimismo. La scelta dei vertici di Volskwagen sarebbe in realtà soltanto orientata all’innovazione di processo (alla base di quella di prodotto) e l’uso di bracci meccanici etero-diretti (o auto-diretti) significa soltanto che per attutire la concorrenza asiatica (e impedire una delocalizzazione strisciante) è necessario salire di livello nella catena di montaggio. Converrebbe però fare un conto di quanti siano gli operai del gruppo tedesco attualmente impegnati in produzione. Secondo Neumann sarebbero circa la metà dell’intera forza lavoro del gruppo tedesco. Ergo: la metà degli addetti è sostituibile già da ora con robot altamente ingegnerizzati in grado persino di “cucire” una serie di attività all’interno della vettura finora esclusivo appannaggio dell’uomo. L’ipotesi ventilata da Neumann (e indirizzata ai babyboomers) significa in filigrana l’esclusione dei giovani millennials dai processi di automazione industriale, non soltanto circoscrivibili all’automotive ma anche nell’industria degli elettrodomestici. Secondo l’economista Patrizio Bianchi tuttavia non bisogna farsi prendere dallo scoramento, anzi semmai le affermazioni di Neumann suggeriscono che «anche la Germania sta prendendo in considerazione l’idea di far crescere ulteriormente l’automazione industriale, tendenzialmente più bassa rispetto a quella nostra, anche per un maggiore potere ostativo dei sindacati teutonici attenti alla conservazione dell’umanizzazione dei processi». Piuttosto la sortita di Neumann - secondo Bianchi - può leggersi come l’effetto anticipatario della recessione che sta cominciando a diventare un incubo anche per i tedeschi: «Il ricorso maggiore ai robot -dice - può significare che anche «Volvswagen veda dietro l’angolo una maggiore pressione competitiva sui prezzi, nonostante la straordinaria varietà di marchi e modelli del gruppo, come Audi, Skoda, Seat, Porsche, Lamborghini».

I lavori tech e la copertina dell’Economist
A ben vedere si può sovrapporre a questo anche il tema contiguo - ripreso recentemente dall’Economist - della (presunta) incapacità dell’economia digitale di creare posti di lavori tali da compensare la riduzione di taglia del old economy basata sul manifatturiero. Altro che distruzione creatrice di schumpeteriana memoria.

fonte: http://www.corriere.it/economia/14_ottobre_10/soluzione-choc-volkswagen-robot-posto-pensionati-b9ae03b8-5087-11e4-a586-66de2501a091.shtml, 10.10.2014


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.