Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Renzi a Riad, il rovescio di La Pira, di Franco Monaco

Renzi a Riad, il rovescio di La Pira, di Franco Monaco

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 02/02/2021 09:52
L’omaggio reso alla monarchia saudita e ai petrodollari custoditi nei suoi forzieri, il credito offerto al “rinascimento” patrocinato da quel regime, le parole “dal sen sfuggite” circa il loro invidiabile costo del lavoro farebbero trasecolare La Pira…

Pur in un paese che sembra abbia smarrito l’attitudine all’indignazione, ha destato scalpore la performance riccamente remunerata di Renzi a Riad al soglio del principe M. Bin Salman, uomo forte del regime saudita, che recluta opinion leader allo scopo di darsi un’improbabile rispettabilità.

Taluni hanno sollevato interrogativi circa la liceità dell’impresa in punto di diritto, circa un più che sospetto conflitto di interessi di un senatore della Repubblica e capo partito, e comunque circa la palese inopportunità di quella prestazione nel pieno della crisi di governo da lui stesso provocata.

Non suoni eccentrico (poi spiegherò), ma luogo e temi hanno evocato in me il ricordo di Giorgio La Pira: il Mediterraneo, Firenze, le città, il Rinascimento, i diritti dell’uomo, il lavoro. Più chiaramente: il rovesciamento della lezione di una figura che Renzi conosce, avendogli dedicato la sua tesi di laurea ed essendo stato, La Pira, a sua volta, sindaco di Firenze.

La cronaca, supportata da immagini francamente imbarazzanti, dà conto di un Renzi nella parte del compiacente intervistatore del controverso principe saudita, uomo forte di un regime oscurantista e sanguinario, che viola i diritti di libertà e i diritti sociali, perseguita minoranze e omosessuali, discrimina oltre ogni limite le donne, fa a pezzi i dissidenti.

Abbiamo altresì appreso che Renzi ha fatto cenno al ruolo di Firenze nel Rinascimento italiano cui dovrebbe ispirarsi l’Arabia Saudita con un suo nuovo, ambizioso piano di investimenti. In un infelice passaggio, il Nostro ha altresì confidato di invidiare il costo del lavoro di quella regione. Ove sono largamente praticati salari da fame, sfruttamento, schiavizzazione dei lavoratori immigrati e sono conculcati i diritti e le garanzie sindacali.

Quanto lontano da La Pira!

Tutte questioni che – ripeto – videro impegnato Giorgio La Pira in un senso esattamente opposto. Penso ai Colloqui Mediterranei e dei sindaci delle grandi città del mondo da lui convocati a Firenze, nei quali, con accenti profetici, evocava il “sentiero di Isaia” («forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci»), prospettava un disarmo generale, assimilava il Mediterraneo al lago di Tiberiade, culla delle civiltà monoteiste e cioè – parole sue – della triplice “famiglia di Abramo” (ebraismo, cristianesimo, islam). Una profezia di fratellanza e di pace. Decisamente lontana dai tratti della potenza armata fino ai denti dell’attuale Arabia Saudita impegnata in guerre sanguinarie, che hanno indotto finalmente il nostro parlamento a revocare, proprio nelle stesse ore, la vendita di armi ad essa destinate.

Penso alle ispirate riflessioni lapiriane sulla vocazione universalistica di Firenze quale città della scienza, dell’arte e della bellezza, grazie ai suoi grandi del Risorgimento. Penso alla sua singolarissima sensibilità per i diritti sociali e del lavoro e per “le attese della povera gente” (titolo di un suo celebre saggio ispirato al Keynesismo pubblicato sulla rivista dossettiana Cronache sociali).

Penso alla concreta sollecitudine per i poveri cui dava del suo, in una sorta di appuntamento domenicale, alla porta delle chiese di San Procolo e di Badia da lui frequentate.

Ancora: penso al La Pira che, relatore, in apertura dell’Assemblea costituente, tracciò le linee portanti della nostra architettura costituzionale e, segnatamente, i principi e i diritti fondamentali scolpiti nella prima parte della nostra Carta. A cominciare dai principi di dignità e uguaglianza delle persone, senza distinzione di sesso, di censo, di lingua, di razza, di religione. Diritti di libertà, diritti politici, diritti sociali che figurano nelle Costituzioni democratiche postbelliche e nelle grandi Carte internazionali dei diritti e che disegnano ordinamenti, Stati e società agli antipodi di quelli della teocrazia di Riad.

L’omaggio reso alla monarchia saudita e ai petrodollari custoditi nei suoi forzieri, il credito offerto al “rinascimento” patrocinato da quel regime, le parole “dal sen sfuggite” circa il loro invidiabile costo del lavoro farebbero trasecolare La Pira. Ma soprattutto gettano una luce retrospettiva sul tempo, neppure così lontano, nel quale Renzi si propose – e molti gli dettero credito – come campione della “nuova politica” e leader della sinistra italiana alla testa di un partito che si definiva democratico.

http://www.settimananews.it/politica/renzi-riad-rovescio-la-pira/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.