Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Recuperiamo la comunicazione umana, di Gennaro Capriati

Recuperiamo la comunicazione umana, di Gennaro Capriati

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 26/06/2021 07:44
A volte mi chiedo se non sia proprio l'incapacità di guardarsi negli occhi e sostenere una comunicazione a 360 gradi a farci ritenere importanti tante mediazioni elettroniche…

A cavallo tra gli anni '80 e '90 del secolo scorso frequentavo il Dottorato di ricerche in Scienze Chimiche dopo una laurea in Fisica. Mi occupavo della elaborazione di modelli matematici dei processi elementari che si verificano in un plasma freddo, studi utilizzati nell'industria dei semiconduttori, nel settore aerospaziale, eccetera. E i miei strumenti di lavoro erano elaboratori elettronici, con sistemi operativi che impiegavano già le "finestre" molto prima che queste avessero larga diffusione anche al di fuori degli ambienti scientifici, e la rete internet per inviare posta elettronica all'estremità opposta del pianeta. Gli eventi biografici mi condussero a partecipare ad un concorso per l'insegnamento della matematica e della fisica ed ora sono circa trent'anni che insegno tali discipline al liceo scientifico.

Mi capitò di entrare nel mondo della scuola agli inizi dell'ultimo decennio del secolo scorso, in un periodo in cui una "trinità" di "i" andava di moda ed una di queste era la rappresentante del termine "informatica"; l'immissione nei metodi didattici delle emergenti tecnologie elettroniche veniva presentata come la soluzione del problema costituito dal complesso processo di insegnamento-apprendimento. 

Sebbene usassi da tempo tali tecnologie, mi opposi energicamente a questa "modernizzazione"; non all'utilizzo di nuove tecnologie, ma all'idea che queste avrebbero risolto i problemi della scuola. E mi battevo affermando che i veri esseri multimediali siamo noi quando comunichiamo non solo con parole, ma con la modulazione del tono della voce, con sguardi ed espressioni facciali (con i volti, insomma), gesticolando; sostenevo - anche sulla base della pluriennale attività di catechista di preadolescenti e adolescenti in un contesto parrocchiale popolare - che è tutto ciò che accompagna la parola che rende viva la comunicazione, ed efficace la stessa nel caso dell'insegnamento.

Oggi continuo a nutrire forti dubbi sulla bontà dell'utilizzo spinto della tecnologia elettronica nei metodi didattici: l'insegnamento-apprendimento è un complesso processo relazionale che si verifica mediamente almeno tra 25 persone in carne ed ossa che si guardano negli occhi, un qualcosa che "segna dentro" non solo il cosiddetto "discente", ma anche il cosiddetto "docente", per cui entrambi risultano trasformati significativamente da un processo che non è affatto a senso unico. A volte mi chiedo se non sia proprio l'incapacità di guardarsi negli occhi e sostenere una comunicazione a 360 gradi a farci ritenere importanti tante mediazioni elettroniche.

Ho terrore invece che l'utilizzo esclusivo della tecnologia nelle istituzioni pubbliche fatto durante la pandemia (che ha assunto la forma di "Didattica A Distanza" nelle istituzioni scolastiche) mandi definitivamente in soffitta la "comunicazione umana" anche nel processo di insegnamento-apprendimento".

[docente di scuola superiore, Bari]

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.