Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Razzismo e frasi di Mussolini: perché le citazioni pericolose danno un alibi all’odio, di Antonio Polito

Razzismo e frasi di Mussolini: perché le citazioni pericolose danno un alibi all’odio, di Antonio Polito

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/07/2018 11:48
La favola di «italiani brava gente» non regge: non c’è un vaccino che ci metta al riparo dai problemi di razzismo che ancora affrontano Paesi di più antica...

Il pericolo del razzismo in Italia esiste, e non è una «invenzione della sinistra», come dice il ministro Salvini. Se lo fosse, viste le condizioni attuali della sinistra, sarebbe facilmente scongiurato. E invece anche nel nostro Paese c’è il rischio concreto che i «nativi» sviluppino sentimenti di discriminazione o addirittura di odio nei confronti di chi è arrivato dopo. La favola di «italiani brava gente» non regge: non c’è un vaccino che ci metta al riparo dai problemi che ancora affrontano Paesi di più antica immigrazione, come la Germania, la Francia e la Gran Bretagna. Salvini invita a considerare le frequenti aggressioni agli immigrati come un reato e basta. Ma quando un gruppo di ragazzi ne pesta un altro al grido di «sporco negro», come è successo a Partinico, è la stessa norma penale a prevedere l’aggravante dell’«odio razziale». Non è un reato e basta. Perché dovremmo chiudere gli occhi? A chi gioverebbe non vedere il clima di violenza in cui nascono episodi come l’inseguimento di Aprilia, finito con la morte di un marocchino sospettato di essere un ladro?

 

Se il ministro dell’Interno vuole solo rassicurarci sul fatto che non c’è un’emergenza sul piano dell’ordine pubblico, fa il suo mestiere. Ma sbaglierebbe a sottovalutare il rischio emulativo. E soprattutto non può far finta di non capire che oggi spetta proprio a lui tenere alta la guardia contro il rischio che qualcuno fraintenda la sua campagna come una legittimazione al «fai-da-te», una specie di «legittima difesa» preventiva contro tutti gli immigrati. Proprio perché il leader leghista è impegnato in un’azione severa e per molti versi giusta per controllare i fenomeni migratori, deve saperla accompagnare con una pedagogia di rispetto e accoglienza verso chi non è nato nel nostro Paese ma ha diritto a viverci. Per un ministro dell’Interno non può valere il detto mussoliniano, ieri fatto suo da Salvini, «tanti nemici, tanto onore». La coesione nazionale e il senso di comunità contano di più: se la sua azione diventasse un alibi per l’odio, a pagarne il prezzo sarebbero innanzitutto legge e ordine.

 

https://www.corriere.it/opinioni/18_luglio_30/rischio-dare-alibi-all-odio-9ab20d00-935f-11e8-8c02-559dd2886235.shtml

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.