Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Rapporto Te-Sat 2019: prospettive attuali e future, di Barbara Lucini e Marco Maiolino

Rapporto Te-Sat 2019: prospettive attuali e future, di Barbara Lucini e Marco Maiolino

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 16/07/2019 10:03
Sintesi di un documento importante e utile per tutti coloro che addetti ai lavori o meno vogliano avere una fotografia di respiro internazionale, circa la minaccia terroristica e altre forme di estremismo violento...

Due settimane fa è stato pubblicato il nuovo Terrorism Situation & Trend Report di Europol. Come ogni anno rappresenta un documento importante e utile per tutti coloro che addetti ai lavori o meno vogliano avere una fotografia di respiro internazionale, circa la minaccia terroristica e altre forme di estremismo violento.

Dalla sua lettura emergono alcuni punti interessanti, che è opportuno sottolineare in quanto si stima possano avere un impatto importante, per la generale comprensione di fenomeni complessi, quali quelli del terrorismo e crimini affini.

In particolare:

  • le analisi degli attacchi terroristici di estrema sinistra e anarchici ripercorrono una linea di spiegazione e presentazione essenzialmente criminologica, permanendo all’interno di una definizione “classica” di attività terroristica. Qui la prima nota: sempre più nel corso degli anni, il presente report si è caratterizzato per un focus specifico sugli attacchi occorsi o sventati, promossi da organizzazioni terroristiche. E’ una prospettiva importante da percorrere, perché pone in risalto solo una parte del fenomeno ovvero quella emersa, non approfondendo le attività informali e sommerse che invece sono cifra costitutiva della natura stessa di tali organizzazioni;
  • correlata al precedente, un’altra considerazione è degna di nota: gli attacchi effettuati e quelli sventati sono sempre preceduti da weak signals presenti nel milieu socio- culturale che trovano però poca riflessione, non solo in questo report, ma anche nelle linee guida per il counter – extremism e le più ampie attività di governance di questi fenomeni nel medio – lungo periodo;
  • prendendo in esame i fenomeni legati a gruppi di estrema destra emerge la frammentarierà e la complessità di tali organizzazioni sia sul piano della variabilità culturale e geografica, sia da quello di organizzazione effettiva di azioni estremiste;
  • l’aspetto più importante però che emerge dal documento è l’aleatorietà di tali fenomeni. Infatti come scritto: “While the vast majority of rightwing extremist groups across the EU have not resorted to violence, they nevertheless help entrench a climate of fear and animosity against minority groups. Such a climate, built on xenophobia, anti-Semitic, Islamophobic and anti-immigration sentiments, may lower the threshold for some radicalised individuals to use violence against persons and property of minority groups.”, la maggioranza dei contributi e delle riflessioni occorse in questi ultimi anni e riguardanti l’estremismo di destra si basano sui sentimenti, sulle percezioni delle persone, sulle interpretazioni più o meno esperienziali di tali questioni nonché su un media coverages bilanciato e poco analitico. E’ essenziale comprendere la portata di tale impostazione sia metodologica sia teorica, perché guida direttamente alla discrepanza fra le percezioni quotidiane di molte persone in vari Stati Europei e non, supportata ampiamente dai mass media tradizionali e dai social media, e la portata reale del fenomeno. I sentimenti come driver interpretativi dell’estremismo di destra sono una costante anche di altri lavori di ricerca e pubblicazioni sia accademiche sia extra accademiche. Un limite di tale approccio è che il fenomeno sembra rimanere relegato ad uno stato del “sentire” e non del “valutato”: una maggiore attenzione alle peculiarità locali, ma anche alle reti internazionali di tali organizzazioni dovrebbe essere posta, al fine di meglio comprendere e gestire la complessità interpretativa di tali fenomeni.

Ancora, il Te-Sat 2019 presenta un quadro puntuale dei gruppi gravitanti nell’orbita dell’estrema destra europea registrati in attività nel corso del 2018, menzionando un totale di 16 organizzazioni in 8 diversi paesi. Già nel marzo 2017, in relazione all’estrema destra, il commissario per la sicurezza dell’UE aveva allertato che “it tended to receive less media coverage. This may contribute to underreporting on the subject”[1].

È curioso notare che comparando il rapporto corrente con quello del 2018 (15 gruppi registrati attivi in 10 paesi), nel primo il focus sarebbe centrato sugli identitari, tendenza non confermata nel secondo, e solo 4 delle 31 organizzazioni complessivamente citate apparirebbero in entrambi i documenti. Dettaglio che potrebbe evidenziare la necessità di una copertura maggiormente sistematica del fenomeno nonostante la sua sottolineata eterogeneità.

Un altro elemento degno di nota riguarda la lettura di questo fenomeno come “localizzato”, il quale però troverebbe sempre meno posto all’interno della contemporanea realtà globalizzata, dove le relazioni di interdipendenza sarebbero in grado di generare il cosiddetto rischio sistemico globale per il quale: sebbene un evento accada all’interno di un contesto definito, gli effetti che produce si ripercuotono ben al di là dei meri confini di quel contesto.

A tale proposito, è interessante notare che all’interno del rapporto oltre ad un terrorismo di matrice jihadista dal comprovato carattere globale, vengono riportati i tentativi di internazionalizzazione sia degli anarchici e dell’estrema sinistra, come l’utilizzo della Hambacher Forst tedesca “as a setting for international networking”[2], sia dell’estrema destra con vari esempi menzionati fra i quali Pegida, Identitarian Movement, Blood and Honor e Nova Ordem Social

Infine, la sezione dedicata al Single-issue terrorism risulta di particolare interesse. Sebbene all’interno del Te-Sat 2019 venga menzionato unicamente un attacco incendiario contro un macellaio ad Atene rivendicato dal gruppo animalista (estremista) Mavroprasini Midenistes, tematiche trasversali in termini politici, sociali e culturali come le migrazioni o i citati diritti degli animali e l’ambiente hanno recentemente conseguito risultati straordinari in termini di seguito e mobilitazione.

Tali eventi costituirebbero segnali significativi della crescente rilevanza di numerose problematiche contemporanee, nonché di tendenze sociali, potenzialmente capaci di determinare un impatto rivoluzionario sulla società e che sarebbe imperativo comprendere e gestire al meglio.

Nel quadro quindi delineato dal rapporto in oggetto, diventa essenziale un’analisi e un focus specifici al fine di meglio identificare tutti quei weak signals – tanti e già in essere – delle società attuali, in modo da poter supportare le più adeguate politiche di governance e attività efficaci di prevenzione. Il fine ultimo di tali azioni congiuntepolitiche e operative – dovrebbe di fatto essere la promozione di una comprensione olistica di fenomeni che invece, per loro natura già frammentati, non trovano una ricomposizione equilibrata in fase di analisi, comprensione e identificazione.

[1] https://www.europol.europa.eu/activities-services/main-reports/european-union-terrorism-situation-and-trend-report-2018-tesat-2018 , p. 51

[2] https://www.europol.europa.eu/activities-services/main-reports/terrorism-situation-and-trend-report-2019-te-sat , p. 59

http://www.itstime.it/w/rapporto-te-sat-2019-prospettive-attuali-e-future-by-barbara-lucini-e-marco-maiolino/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.