Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Rapina delle terre: Oxfam promuove una petizione, di Dario Dongo

Rapina delle terre: Oxfam promuove una petizione, di Dario Dongo

creato da antonella.70@libero.it — ultima modifica 14/09/2015 10:56
L'articolo affronta temi quali diritto alla terra, sicurezza alimentare, corsa alla terra dei grandi investitori. Interessante!

 

La terra che negli ultimi 10 anni è stata sottratta ai suoi abitanti per essere venduta a investitori stranieri basterebbe a coltivare cibo per quel miliardo di esseri umani attualmente afflitto dalla fame. Lo dimostra Oxfam nel rapporto sul land-grabbing, la rapina delle terre, pubblicato oggi assieme al lancio di una petizione pubblica, affinché la Banca Mondiale sospenda gli investimenti sui fondi agricoli in attesa di fare chiarezza sull'impatto umano di ciascuno di essi.

Il rapportoChi ci prende la terra, ci prende la vita” mostra come oltre il 60% degli investimenti internazionali in agricoltura, tra il 2000 e il 2010, ha avuto luogo in paesi in via di sviluppo gravemente colpiti da fame e malnutrizione cronica. A livello globale, si sta parlando di 203 milioni di ettari di terreno. Eppure i due terzi degli investimenti mirano non a soddisfare le esigenze di consumo locale bensì a esportare le merci. Oltre il danno agli agricoltori espropriati dei loro mezzi di sussistenza, la beffa: quasi il 60% delle terre in questione sono destinate a colture per i biocarburanti.

Ogni 4 giorni un’area più grande della città di Roma, nei Paesi più disperati, viene venduta a investitori stranieri. In Liberia, per dirne una, in soli cinque anni il 30% del territorio nazionale è stato ceduto ad altri. Le compravendite di terreni sono triplicate durante la crisi dei prezzi alimentari 2008-2009, perché l'agricoltura intensiva si è rivelata un investimento sempre più redditizio, e continueranno a crescere grazie all'aumento ormai strutturale dei listini.

Nella campagna “COLTIVA – Il cibo, la vita, il pianeta”, Oxfam porta avanti la sua lotta contro il land grabbing. La corsa alla terra dei grandi investitori, tra i quali anche i fondi-pensione europei e americani, è selvaggia e senza precedenti. I più poveri continuano a venire sfrattati dalle loro terre, sfollati spesso con la violenza, senza neppure venire consultati. Un abominio che non si può tacere.

Soprattutto, Oxfam lancia un appello urgente per chiedere alla Banca Mondiale di sospendere subito i suoi investimenti sui terreni agricoli, per il tempo necessario a introdurre politiche più efficaci per fermare il land grabbing. Gli investimenti della Banca Mondiale in terreni agricoli sono aumentati del 200% negli ultimi 10 anni, mentre l'International Finance Corporation - il settore della Banca che eroga prestiti al settore privato - definisce gli standard seguiti da molti investitori. Dal 2008 in poi sono stati presentati 21 reclami per violazione dei diritti sulla terra da parte delle comunità interessate dai progetti della Banca Mondiale.

«La Banca mondiale, che è un investitore diretto e un consulente per i paesi in via di sviluppo in merito alle acquisizioni di terre, ha la responsabilità di evitare che l’accaparramento di terra diventi uno dei grandi scandali del XXI secolo», dichiara Elisa Bacciotti, responsabile della campagna COLTIVA di Oxfam Italia. «Sospendendo temporaneamente i propri investimenti nel settore e rivedendo le proprie pratiche, la Banca Mondiale può diventare un esempio per tutti gli investitori e i governi e incoraggiarli a favorire realmente lo sviluppo delle comunità più povere».

Oxfam chiede che l’incontro annuale della Banca Mondiale in programma a Tokyo dal 12 al 14 ottobre – il primo a tenersi dalla nomina di Jim Kim come presidente – segni un primo passo verso la sospensione degli investimenti sulla terra da parte della Banca Mondiale. Questo passo è necessario per inviare un segnale forte agli investitori internazionali, migliorare gli standard in materia di trasparenza, consultazione e consenso, diritto alla terra, sicurezza alimentare, e, in ultima analisi, fermare il land grabbing.

fonte: www.ilfattoalimentare.it

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Cosa cambia nella partecipazione dei cittadini? 3. E' democratico questo processo? 4. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.