Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Questo è il Paese delle illusioni: andiamo via, di Andrea Stroppa

Questo è il Paese delle illusioni: andiamo via, di Andrea Stroppa

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 12:13
Il nostro entusiasmo finisce quando poi una volta usciti dal mondo virtuale ritorniamo nella realtà dell’Italia. Un Paese che non offre nulla, ma che neanche ti lascia inseguire i tuoi sogni...

Quando ho visto su Corriere.it la lettera dal titolo “L’Italia è morta, andatevene finché siete in tempo”, dentro di me sono passate emozioni su emozioni che si sono infine trasformate nelle righe qui di seguito. Ho 19 anni, provengo da una famiglia modesta e ho una grande passione per l’informatica. Tralasciando tutta la biografia noiosa, l’altro anno insieme a quattro amici ho lanciato un software con lo scopo di aiutare i cittadini nella loro comunicazione con le pubbliche amministrazioni. Mesi di lavoro, tante spese ed un solo sogno: migliorare questo Paese, senza chiedere neanche un centesimo in cambio. I media, compreso il Corriere, in più occasioni hanno dato spazio all’idea che mai fino ad ora era stata realizzata in modo così innovativo. Dopo aver ricevuto premi istituzionali ed elogi sulla stampa dovevamo passare ai fatti: prendere contatti con le pubbliche amministrazioni. Vi lascio immaginare com’è finita.

Dopo aver vinto l’ennesimo premio come idea innovativa, come miglior sito per i cittadini consegnatoci da Prodi, e dopo aver vinto competizioni tecniche a livello internazionale, veniamo contattati da Mozilla, direttamente dal presidente. Dopo alcune conferenze Roma-San Francisco entriamo in contatto con Code for America, una non-profit americana che fa progetti simili al nostro, ma con un modello organizzativo con un fondo milionario dove poter finanziare progetti e offrire strumenti e risorse. Rimangono sbalorditi dalla nostra piattaforma e ci chiedono come mai ancora nessuno in Italia abbia utilizzato la nostra tecnologia. Dopo un anno anche io mi faccio la stessa domanda. Non mi butto giù, ma ho un po’ di rabbia.

Due mesi fa insieme al mio collega, poco più grande di me, lanciamo una ricerca tecnica sui social network. Una ricerca lanciata da due italiani uno dei quali non ha neanche concluso la maturità (io). La ricerca fa il giro del mondo: New York Times(diventando l’articolo tecnologico più letto), ForbesRussia Today,BusinessInsider, il maggior sito di informazione cinese QQBloombergFoxNews,Time, i maggiori quotidani tedeschi, olandesi, spagnoli, francesi, indiani, greci, giapponesi. Negli Stati Uniti la ricerca viene mostrata in tv ben 3 volte su una delle emittenti più importanti: la Cnn. Ci arrivano i complimenti dalle maggiori aziende tecnologiche degli Stati Uniti e dai professori di Stanford, Harvard, MIT, Hong Kong University e Oxford. La ricerca viene presa come spunto nelle conferenze dei professionisti dell’informatica, in questi giorni è stata utilizzata a Miami davanti ad una platea di migliaia di persone del settore.

Il nostro entusiasmo finisce quando poi una volta usciti dal mondo virtuale ritorniamo nella realtà dell’Italia. Un Paese che non offre nulla, ma che neanche ti lascia inseguire i tuoi sogni. Ti spezza le ali prima di poterle avere. Il Paese delle illusioni.

Un Paese che ha perso i suoi cardini: la giustizia, l’istruzione, la sanità, il sociale. Un Paese dove veniamo allevati con l’idea che non serve essere bravi, ma avere conoscenze, una spintarella, un’amicizia. Dove rubare un po’ alla fine è giusto, tanto lo fanno tutti. L’Italia è un Paese dove poi non esiste mai un colpevole, dove la politica non ha mai responsabilità, dove tutti alla fine hanno sempre pronto il dito puntato verso qualcun altro. Sarebbe infinita la lista delle cose che non vanno in questo Paese. La colpa è principalmente degli italiani, di una buona parte degli italiani ai quali bisognerebbe strappare la cittadinanza. Dei giovani, della maggior parte, che non è pronta alla globalizzazione, che non guarda più lontano dalla finestra dell’aula di scuola. Sì, andiamo via.

Un amico pochi giorni fa ha ricevuto la conferma del suo contratto indeterminato in Polonia per una compagnia di antivirus. In Italia, spero non me ne vorrà, era uno degli “sfigati”, le persone lo consideravano “strano”. Strano perché leggeva un quotidiano inglese ogni mattina, strano perché aveva tante passioni, strano perché non sapeva rubare, non sapeva inchinarsi davanti a nessuno. Strano perchéquesta società trasforma il normale in strano e lo sbagliato in normale. Ho visto una scena di un film che diceva che l’Italia è un Paese da distruggere. Il peggiore perché non cade mai veramente, ma rimane immobile. Tutti si lamentano, tutti continuano a fare quello che facevano.

Io vorrei tanto non scappare, vorrei rimanere in questo Paese, in questo spazio di terra che ha una storia indescrivibile, ma che non riesce più a scrivere un futuro dignitoso. E proprio per la dignità non riesco più a sopportare che questo Paese venga stuprato ogni giorno. L’Italia non è un Paese morto, l’Italia è un Paese morto ammazzato.

 

fonte: solferino28.corriere.it, 04.07.2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 116.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 116
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: La coppia

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.