Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quello che la politica non capisce dei diritti umani, di Marina Castellaneta e Oreste Pollicino

Quello che la politica non capisce dei diritti umani, di Marina Castellaneta e Oreste Pollicino

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/02/2022 09:42
La Commissione Europea, nel rapporto 2021 sull’attuazione della rule of law in Italia, ha osservato che «non si è registrato alcun passo avanti quanto alla creazione di un’istituzione indipendente per i diritti umani»…

Nonostante sia teoricamente in discussione un progetto di legge in parlamento, l’Italia rimane ferma e non fa passi avanti verso la creazione di una Commissione nazionale indipendente per i diritti umani. Con effetti negativi non solo per il ruolo del Paese nello scenario internazionale ed europeo, ma anche per la realizzazione effettiva degli obiettivi dello sviluppo sostenibile e di un business rivolto al rispetto dei diritti umani.

All’indomani della risoluzione 76/170 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite con la quale l’Onu ha sottolineato l’importanza della rete delle istituzioni nazionali indipendenti e del monito della Commissione europea che, nel rapporto 2021 sull’attuazione della rule of law in Italia, ha osservato che «non si è registrato alcun passo avanti quanto alla creazione di un’istituzione indipendente per i diritti umani», è indispensabile un’accelerazione affinché l’Italia adotti questa commissione. 

La stessa Agenzia europea per i diritti fondamentali, nel rapporto annuale dello scorso anno, ha evidenziato come la mancanza di una commissione nazionale indipendente non consenta quel dialogo costruttivo tra istituzioni nazionali ed europee alla base della tutela dei diritti fondamentali. Specialmente con riguardo al campo di azione della Commissione per i diritti umani, che dovrebbe promuovere una cultura in grado di anticipare e quindi prevenire conflitti che sfocino nella tutela giurisdizionale.

Vi è anche un’ulteriore ragione, più di carattere sistemico, che concorre a fare emergere l’esigenza di un’accelerazione parlamentare immediata.

Sembra essere finito il tempo di una linea di demarcazione netta tra diritti umani ed economia: proprio l’adozione del Next Generation Eu e della condizionalità sulla rule of law fissata nel regolamento Ue 2020/2092 sulla protezione del bilancio dell’Unione, porta alla necessità di allinearsi con quanto accade in altri Paesi Ue, che già hanno quest’istituzione indipendente. 

E questo a maggior ragione per attuare effettivamente gli obiettivi di sviluppo sostenibile e per realizzare l’obiettivo 16, target 16.1.1, nel quale è richiesta l’adozione di istituzioni nazionali indipendenti sui diritti umani, anche e soprattutto per il buon funzionamento della giustizia. Inoltre, il progetto di Protocollo addizionale al futuro trattato Business and human rights richiede l’adozione di questa istituzione secondo i Principi di Parigi, così come fanno i Principi guida Onu su business and human rights del 2011.

Sin dalla Dichiarazione di Parigi del 4 marzo 1994 (risoluzione 48/134), le Nazioni Unite hanno adottato i principi relativi a queste istituzioni nazionali sulla tutela dei diritti umani per spingere gli Stati a prevedere una Commissione indipendente chiamata a vigilare sui diritti umani e a intervenire per evitare il contenzioso a livello internazionale. 

È stata poi istituita la Global alliance of national human rights institutions, della quale fanno parte 118 Stati, che oggi siede in tavoli importanti, insieme ai network regionali, così come lo European network of national human rights institutions in cui l’Italia continua a essere assente. E questo malgrado, proprio questa rete, abbia attivato un monitoraggio su pandemia e diritti umani al quale partecipano gli Stati – tra gli altri Francia, Germania, Spagna, Grecia – che fanno parte del network.

I ritardi italiani non si spiegano tanto più che nel Secondo piano d’azione nazionale su impresa e diritti umani 2021-2026, il Comitato interministeriale per i diritti umani del ministero degli Esteri ha segnalato che, tra le principali sfide, vi è la creazione proprio dell’istituzione nazionale indipendente sui diritti umani. Con una precisa prospettiva: sensibilizzare sempre di più le aziende verso l’inclusione dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori, della lotta alla corruzione e della tutela dell’ambiente. Imprese che, d’altra parte, in numero sempre maggiore aderiscono e partecipano attivamente ai programmi internazionali sulla responsabilità sociale.

Alla luce di quanto si diceva in precedenza, oggi questa esigenza è ancora più fortemente sentita perché la condizionabilità dell’accesso ai fondi previsti dal Pnrr al rispetto della rule of law e dei diritti fondamentali, inclusi quelli del Pilastro europeo dei diritti sociali, richiederebbe mai come adesso la presenza di una commissione nazionale competente per materia che possa concorrere a operare tali valutazioni, ovviamente in cooperazione con le altre sedi istituzionali competenti.

Se venisse percepito dalla classe politica che l’attività di promozione e di tutela dei diritti diventa sempre più parte integrante di valutazioni di carattere economico, forse l’accelerazione tanto richiesta potrebbe compiersi alla luce di considerazioni, diciamo, più pragmatiche e meno di principio. Andrebbe benissimo lo stesso. L’importante è fare un passo avanti nella direzione auspicata di istituzione, quanto prima, di una commissione nazionale indipendente per la protezione dei diritti umani.

https://www.ilsole24ore.com/art/quello-che-politica-non-capisce-diritti-umani-AE9yYyDB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.