Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quelle scelte tra figli e lavoro che frenano la crescita italiana, di Alessandro Rosina

Quelle scelte tra figli e lavoro che frenano la crescita italiana, di Alessandro Rosina

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 25/07/2019 10:06
Quello dovremmo comunque fare come Paese, ovvero mettere le persone nelle condizioni di poter realizzare assieme e con successo - indipendentemente dal loro genere e dalla loro origine sociale - le proprie scelte professionali e i propri progetti di vita...

Una delle sfide principali che l’Italia deve affrontare nei prossimi decenni è crescere - in termini di ricchezza economica e benessere sociale - in una fase di riduzione senza precedenti della popolazione in età lavorativa. Si potrà vincere tale sfida non solo attraverso l’estensione in verticale della vita lavorativa, ma anche migliorando in orizzontale le opportunità di effettiva partecipazione di tutti alla vita attiva del Paese.

Se questo è vero, una delle leve principali per aumentare la platea degli occupati è incentivare il lavoro femminile. Se da un lato, l’Italia sarà uno dei Paesi con maggior riduzione della forza lavoro potenziale da qui al 2050, dall’altro è anche una delle economie avanzate rivelatesi finora meno in grado di impiegare concretamente le capacità e le competenze delle donne nei propri processi di crescita.

Nel nostro Paese il tasso di occupazione femminile stenta ad arrivare al 50 per cento. Le stesse regioni del Nord Italia raggiungono a malapena il 60% e sono lontane dalle realtà più dinamiche in Europa. Tra i grandi Paesi europei, il valore più alto è quello della Germania, vicino al 72%, segue il Regno Unito, poco sopra al 70%, la Francia attorno al 62%, la Polonia poco sopra al 60%, la Spagna attorno al 57 per cento. Peggio di noi solo la Grecia (che però ha un divario di genere meno accentuato del nostro).

Gli squilibri demografici prodotti e la forte necessità di dare a essi una risposta, sono la dimostrazione più evidente che la riduzione del gender gap non è solo una questione di principio, ma una necessità per crescere in modo solido e strutturale.

Nell’Italia contemporanea non c’è nessun motivo per pensare che due fratelli di sesso diverso possano trovarsi con diverse possibilità di successo nel completare gli studi, nel trovare un lavoro adeguato, nell’ottenere una remunerazione adeguata, nel realizzarsi nella sfera affettiva e familiare. Se tale diversità non solo esiste, ma persiste, è perché vi sono ostacoli oggettivi, ingiustificati, che frenano la valorizzazione del capitale umano femminile.

Come evidenziano i dati dell’Osservatorio giovani dell’istituto Toniolo, in accordo con i risultati registrati in molti altri studi, le donne delle nuove generazioni non pensano di essere e poter fare di meno dei coetanei maschi, anzi in molti campi sono consapevoli di poter ottenere risultati migliori, ma tendono a trovare più ostacoli e sono indotte più facilmente ad accontentarsi o a rinunciare.

Se per millenni forza e aggressività sono stati requisiti cruciali per sopravvivere, ottenere spazio e raggiungere obiettivi ambiziosi, nelle società contemporanee sono sempre più altre le competenze che contano, molto più in sintonia anche con le doti e le sensibilità femminili. Vari studi mostrano come le donne tendano a essere spesso più competenti dei coetanei maschi in ambiti di crescente importanza come il problem solving, la capacità di conciliare impegni diversi, la gestione delle relazioni umane. Queste sensibilità e propensioni, se aiutate a mettersi in combinazione virtuosa con competenze tecniche e digitali avanzate, possono rappresentare un decisivo fattore di arricchimento per il sistema produttivo italiano.

Oltre alla necessità di orientare in modo più efficace le scelte formative e professionali nei percorsi femminili, l’altro annoso nodo da sciogliere è quello della conciliazione tra dimensione lavorativa e impegni familiari, sia rispetto ai figli che verso membri anziani non autosufficienti. Le carenze su questo fronte portano, maggiormente che nel resto d’Europa, da un lato, le donne con figli a dover rinunciare al lavoro, d’altro lato, alle donne che lavorano a rinunciare ad avere figli. Quello che ancora facciamo fatica a capire in Italia è che queste rinunce individuali non solo vincolano al ribasso le scelte femminili, ma alimentano squilibri che diventano un costo collettivo per le ricadute su: bassa natalità, diseguaglianze sociali, inefficiente utilizzo del capitale umano.

I dati del recente report IstatFamiglie e mercato del lavoro” evidenziano che tra le coppie con minori solo nel 27,5% dei casi entrambi i genitori lavorano a tempo pieno e nel 16% il padre è full-time e la madre part-time. Il contributo femminile all’economia formale e al reddito familiare in presenza di figli continua a essere fortemente minoritario nel nostro Paese, ancor più nelle fasce sociali più svantaggiate. Un potenziamento delle misure di conciliazione avrebbe quindi non solo un effetto positivo sull’occupazione femminile e sulla fecondità, ma anche in termini di riduzione del rischio di povertà materiale ed educativa. Molti studi mostrano in modo consistente come, in particolare, strumenti in grado di garantire il diritto a una istruzione di qualità fin dalla prima infanzia abbiano effetti positivi di lunga durata rilevanti soprattutto sullo sviluppo umano e sulle competenze dei bambini provenienti da famiglie con basse risorse economiche e culturali.

La cultura della conciliazione deve, inoltre, poter entrare in modo solido nelle aziende con particolare attenzione a quelle piccole e medie. Come mostrano le esperienze positive del Trentino Alto Adige, è possibile innescare circoli virtuosi di miglioramento del benessere dei dipendenti attraverso la sperimentazione di soluzioni organizzative ad hoc, che vanno incentivate in modo sistemico e strategico dalle politiche pubbliche perché producono benefici economici, demografici e sociali sul territorio.

La buona notizia è che per superare gli squilibri demografici crescenti dell’Italia non è necessaria qualche strana cura, ma semplicemente fare ancor più e meglio quello che dovremmo comunque fare come Paese, ovvero mettere le persone nelle condizioni di poter realizzare assieme e con successo - indipendentemente dal loro genere e dalla loro origine sociale - le proprie scelte professionali e i propri progetti di vita.

https://www.ilsole24ore.com/art/quelle-scelte-figli-e-lavoro-che-frenano-crescita-italiana-ACkcLMa

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.