Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quell’arte dell’incontro che è la sostanza della vita, di Giuseppe Fiorentino

Quell’arte dell’incontro che è la sostanza della vita, di Giuseppe Fiorentino

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/10/2020 10:07
Ritratto di Vinicius de Moraes, citato da Papa Francesco nella «Fratelli tutti». Era capace di avvicinarsi con affetto alle più disparate esperienze per poi sintetizzarle in qualcosa di nuovo…

Se la vita è l’arte dell’incontro, come ci ricorda il Papa nella Fratelli tutti, colui che ha teorizzato e messo in pratica l’incontro come strumento di ricerca e produzione artistica è stato Vinicius de Moraes al quale si deve proprio la frase citata da Papa Francesco al numero 215 della sua recente enciclica. Diplomatico, drammaturgo, poeta, musicista Marcus Vinicius da Cruz de Mello Moraes nacque il 19 ottobre 1913 a Rio de Janeiro, città dove morì il 9 luglio 1980.

La sua storia personale e artistica racchiude in sé la capacità di avvicinarsi con curiosità ed affetto alle più disparate esperienze per poi sintetizzarle in qualcosa di nuovo e prezioso. E in fondo cosa è la bossa nova, il genere musicale di cui Vinicius de Moraes è considerato uno dei padri, se non la sintesi di tante suggestioni che in quel periodo, a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, attraversavano il Brasile? La bossa nova ha saputo accogliere e fondere con il samba le sonorità jazz che arrivavano dagli Stati Uniti e, con una sensibilità tutta latina, è stata capace di generare una «nuova tendenza» (bossa nova, appunto) che, in una sorta di contro-colonizzazione culturale, ha conquistato i migliori musicisti statunitensi e i mercati discografici di tutto il mondo.

E anche questa è stata una gloriosa storia di incontri. Perché Vinicius de Moraes univa il suo genio a quello di musicisti del calibro di Tom Jobim (a loro si deve la celeberrima Garota de Ipanema e altri piccoli capolavori come Água de Beber) di João Gilberto e di Baden Powell. Quest’ultimo scrisse la musica di Samba da Benção da cui è tratta la frase citata dal Papa nella Fratelli tutti. 

Il brano venne pubblicato nel 1969 anche in italiano (de Moraes trascorse parecchio tempo  nella penisola negli anni del regime militare brasiliano, raccogliendo  grande successo grazie alle collaborazioni con molti cantanti quali Ornella Vanoni, Patty Pravo e Bruno Lauzi) in un album intitolato non a caso La vita, amico, è l’arte dell’incontro. Sulla copertina del disco, oltre a quello del musicista carioca, compaiono i nomi di Sergio Endrigo e di Giuseppe Ungaretti, al quale è affidata la declamazione di alcune poesie di de Moraes tradotte in italiano. 

Altri tempi davvero, quelli in cui un disco di successo, invece della voce di un rapper, diffondeva la voce di un anziano poeta. E insieme a quella di Ungaretti, la voce dall’inconfondibile accento brasiliano di Vinicius de Moraes. Non una grande voce, certo, ma capace di raccontare (una dote davvero riservata a pochi) e di suggerire, con molta discrezione, una chiave di lettura dell’esistenza umana. Come nel verso in cui appunto ci avverte che «la vita, amico, è l’arte dell'incontro, malgrado ci siano tanti disaccordi nella vita» o come quando ci ricorda che la bellezza del samba non può prescindere da un briciolo di tristezza.

Un altro grande incontro, quello tra allegria e tristezza. Un incontro tutto brasiliano, di una cultura, a sua volta frutto di un incontro-scontro, che non ha paura di riconoscere e dare diritto di cittadinanza al dolore e alla morte. Una cultura agganciata alla terra e al cielo — dove il trascendente fa parte della quotidianità —  capace di comprendere e trasmettere che senza il dolore non può esistere la gioia e che senza la morte non può esistere la vita. È questo, in fondo, il messaggio che viaggia sulle note del samba, note allegre ma sempre velate — come nella sua saggezza raccomanda  de Moraes — di una nota di tristezza. O meglio  di una nota di saudade , un termine e un concetto che esiste solo in Brasile e che non può essere tradotto, come invece molti pensano, con «nostalgia». La saudade , ha infatti spiegato durante un suo concerto romano Marisa Monte, altra grandissima interprete della tradizione musicale brasiliana, non è la sensazione della mancanza di chi è andato via. È invece la certezza della presenza di chi rimane. Anche se non c’è più.

https://www.osservatoreromano.va/it/news/2020-10/quell-arte-dell-incontro-che-e-la-sostanza-della-vita.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.