Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quel che resta di un pellegrinaggio

Quel che resta di un pellegrinaggio

creato da D. — ultima modifica 17/09/2015 17:57
È stato un viaggio di soli tre giorni quello del pontefice in Giordania, Palestina e Israele, ma denso di significati. Come al solito Francesco ha colpito in profondità osservatori e interlocutori con i propri gesti e le proprie parole.

Alle 23.50 di lunedì sera, l'aereo della El Al con a bordo Papa Francesco è atterrato a Ciampino. È stato un viaggio di soli tre giorni quello del pontefice in Giordania, Palestina e Israele, ma denso di significati. Come al solito Francesco ha colpito in profondità osservatori e interlocutori con i propri gesti e le proprie parole.
Abbiamo chiesto ad alcune persone che, a vario titolo, si occupano di Terrasanta o che comunque hanno seguito da vicino il viaggio papale di raccontarci in modo sintetico ciò che più li ha colpiti. Ecco le loro risposte.

Daniel Attinger Monaco di Bose, esperto di ecumenismo
«Non abbiate paura!»: questo il grande messaggio lanciato al Santo Sepolcro da Francesco e Bartholomeos I a cinquant’anni dallo storico abbraccio tra papa Paolo VI e il patriarca ecumenico di Costantinopoli Athenagoras I a Gerusalemme nel 1964. Mi fermo solo su questo incontro.
Sono stati riconosciuti i passi fatti grazie ai teologi e a coloro che, anche al prezzo del loro sangue, hanno cercato di vivere l’unità. Il cammino è ancora lungo, «ma le divergenze non devono spaventarci».
Papa Francesco ha osato riaprire la discussione, taciuta da anni, «per trovare una forma di esercizio del ministero proprio del Vescovo di Roma che, in conformità con la sua missione», corrisponda alle esigenze attuali.
La tomba vuota chiama a respingere il timore «più diffuso nella nostra era moderna, la paura dell’altro». Vorrei allora dire ai responsabili delle Chiese: «Non abbiate paura di voi stessi!». Se si aspetta l’accordo di tutti, la comunione non verrà mai. Ci sono voluti decenni, se non secoli, perché lo scisma fosse consumato, e non è avvenuto fra tutte le Chiese allo stesso momento. La divisione è stata prima locale. Non si abbia quindi timore di prendere sul serio il lavoro dei teologi e di sigillare la comunione con quelli che ci stanno, prima localmente; questo susciterà qualche tempesta, ma orienterà la riflessione non più su cosa fare per ritrovare l’unità, ma su perché non ci siamo arrivati prima.

Lia Beltrami Giovanazzi Ideatrice del progetto Dreams or Reality: Women of Faith for Peace
L'abbraccio al Muro del pianto con i rappresentanti delle tre religioni è un'immagine indimenticabile. Il mondo è cambiato, e chi fomenta il conflitto deve scontrarsi con questa fotografia. L'abbraccio avvolto dal vento dello Spirito è un'indicazione per la via da percorrere.
Fortissimo anche l'invito in Vaticano di Peres e Abu Mazen: un gesto che mette le basi per un'epoca nuova.

Isa Nicola Benassi Membro della delegazione del Coreis (Comunità religiosa islamica) che ha seguito la visita del Papa in Terra Santa
Come Coreis abbiamo deciso di seguire con una nostra delegazione il viaggio del Pontefice perché abbiamo pensato che fosse un'occasione per allacciare nuove relazioni intereligiose con realtà ebraiche e cristiane. Abbiamo infatti incontrato Muhammad Ahmad Husayn, il Gran muftì di Gerusalemme, e David Lau, il rabbino capo di Israele, e abbiamo partecipato al ricevimento organizzato dal presidente israeliano Shimon Peres in onore di Francesco. Questo viaggio ha messo in evidenza come si stia aprendo una nuova stagione di dialogo interreligioso caratterizzata da una nuova maturità che ci permette di migliorare le relazioni tra credenti, aldilà delle difficoltà politiche. Sia in Giordania sia in Israele, papa Francesco ha posto l'accento sul riconoscimento dell'unità del monoteismo abramitico e sulla libertà religiosa nei luoghi santi. Una libertà che è fondamentale e che non può prescindere dal rispetto reciproco tra le tre grandi religioni monoteistiche.

Paolo Bizzeti Gesuita, fondatore e presidente di Amici del Medio Oriente
Mi ha colpito in particolare il bacio al muro che separa Israele dalla Cisgiordania. Il Papa ha fatto poi lo stesso gesto al muro occidentale, quindi ha equiparato i due muri come luogo di pianto, di separazione ma anche di preghiera. Questo dovrebbe far molto riflettere soprattutto Israele, perché questo muro che è luogo di pianto e separazione l'ha costruito arbitrariamente e contro tutte le leggi internazionali (anche per quanto riguarda il tracciato).

Azezet Kidane Suora comboniana impegnata nell’aiuto agli immigrati in Israele
La visita del Papa ha lasciato un segno di speranza nonostante le difficoltà che la Terra Santa dovrà ancora affrontare. Spero che il messaggio di pace, unità e importanza della preghiera possa aiutare la popolazione del Medio Oriente a cercare di camminare insieme verso la pace e la riconciliazione. Nel viaggio del Papa ci sono stati alcuni momenti significativi: la sosta di Francesco al muro di Betlemme e la sua preghiera per la pace; l’incontro con il Patriarca di Costantinopoli nel Santo Sepolcro nel corso del quale hanno offerto un messaggio di comunione nella diversità delle Chiese cristiane; l’abbraccio del Papa al rabbino Abraham Skorka e all’esponente islamico Omar Abboud al Muro del Pianto; l’invito a sorpresa in Vaticano del presidente israeliano Shimon Peres e di quello palestinese Mahnoud Abbas per colloqui di pace.
Il tempo della visita del Pontefice è stato limitato e purtroppo non ha potuto conoscere altre realtà della Terra Santa. Credo che egli ci abbia comunque lasciato un segno di speranza e il suo invito alla preghiera per la pace deve coinvolgerci tutti.

Michael D. Linden SJ Gesuita statunitense, vive ad Amman ed è il superiore della missione in Giordania e Iraq
Come parte della sua missione di guidare il cattolicesimo verso una maggiore unità, il Santo Padre ha incluso la sua visita in Giordania, che è parte della Terra santa. In Giordania i cristiani sono una piccola minoranza, tuttavia, pur appartenendo a denominazioni diverse, vivono già buoni rapporti di collaborazione grazie agli sforzi dei nostri leader e del re. La nostra capacità di metterci in dialogo con le altre religioni aumenta e questo è significativo là dove i cristiani sono una minoranza. Così il Papa ha incontrato ufficialmente il re e la nazione di Giordania e poi ha compiuto una visita pastorale alla sua gente. Culmine di gioia, spirito di collaborazione e amore sono state la grande Eucaristia e la visita ai rifugiati e ai malati. Il Papa irradia letteralmente gioia e compassione alla presenza di coloro che sono membra sofferenti del corpo di Cristo. La sua compassione è contagiosa. Ho ascoltato diverse persone che hanno pregato con lui e hanno sentito le loro vite trasformarsi con una fede più profonda e una capacità di amore. La sua visita ha aiutato molti leader cristiani a rinnovare la loro amicizia nel duro lavoro di preparazione e nell’euforia della celebrazione. La sua testimonianza di unità ha ricordato a tutti noi il desiderio di Cristo che siamo realmente uniti. E il suo impegno per i poveri e le persone sofferenti si spinge ad assumere con gioia i nostri impegni di fronte alla violenza e all’odio che ci circondano.

Francesco Rossi de Gasperis Gesuita, biblista, già docente al Pontificio istituto biblico di Gerusalemme
Mi ha colpito la questione posta all'essere umano da papa Francesco a Yad waShem: «Dove sei Adamo?». Yad waShem è il luogo dove è risuonata per tanto tempo l'arrogante questione posta a Dio dagli uomini, tanto noiosi con le loro innumerevoli «questioni disputate»: «Dove era Dio ad Auschwitz?». Forse papa Francesco ha pronunciato la vera risposta di Dio a quella monotona ed empia sfida umana.

fonte: http://www.popoli.info/EasyNe2/Primo_piano/Quel_che_resta_di_un_pellegrinaggio.aspx, 28.05.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.