Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quegli attacchi sui social a Mattarella e le nostre fragili democrazie, di Alberto Laggia

Quegli attacchi sui social a Mattarella e le nostre fragili democrazie, di Alberto Laggia

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 14/05/2021 10:16
Secondo il filosofo Giuseppe Goisis, le offese e le minacce al presidente della repubblica, per le quali sono indagati undici haters, sono un "caso serio" che conferma come ideali e valori democratici siano fragili. «Tocca alla politica occuparsene, pena la disaffezione dei cittadini al bene comune. Le derive autoritarie sono dietro l'angolo»…

"Bastardo", “Va a quel paese”, "Devi morire". E a seguire: "Il popolo prima o poi si ribellerà. Questo è quello che vi meritate". Sono solo alcuni degli insulti che giravano sui social rivolti al presidente Sergio Mattarella. Su queste frasi c'è un'indagine condotta dai carabinieri del Ros dall'aprile del 2020 che ha portato lo scorso martedì alle perquisizioni in undici abitazioni di altrettanti haters, autori di questi messaggi d’odio, indagati in tutta Italia dalla procura di Roma per i reati di offesa all'onore e al prestigio del presidente della Repubblica e istigazione a delinquere.  Non è la prima volta che il presidente Mattarella, come altre altissime cariche istituzionali, sono stati fatti oggetto di campagne d’odio sui social. Ma perché proprio il presidente della repubblica?

“Mattarella, in tutte le crisi, con la pacatezza e la fermezza che lo contraddistinguono, si è sempre sforzato di tenere la barra diritta ed è stato il garante e il punto di riferimento imprescindibile rispetto a due valori fondamentali del nostro vivere civile e strettamente collegati tra loro che sono la democrazia e l’Europa”.

Ne è convinto il professor Giuseppe Goisis, docente emerito di Filosofia politica all’università di Ca’ Foscari a Venezia, che ritiene il fatto di “grande gravità”. L’inchiesta in atto da parte della Procura di Roma vede tra gli indagati, tutti tra i 46 e i 65 anni, un professore universitario di Roma che insegna all’ateneo del Molise, collegato a gruppi e militanti di ispirazione suprematista e antisemita, tramite la piattaforma social russa VKontakte (una specie di Facebook), giornalisti bolognesi e piemontesi, pensionati, un cantautore e un impiegato amministrativo.

“Non siamo in questo caso soltanto in presenza di sprovveduti giovanotti o  delle ormai frequenti  esternazioni irresponsabili di chi, approfittando dell’anonimato della rete, riversa emozioni negative e distruttive, come rabbia, rancore o gelosia, e con un linguaggio dell’odio, colpisce nell’ombra e non risparmia nessuno: esponenti politici, scienziati, persone con disabilità. Una vera  e propria ondata di distruzione della ragione che sta invadendo l’Italia, l’Europa e il mondo intero, che ha risvolti politici seri, basti pensare a quello che è accaduto negli Stati Uniti, a Capitol Hill il 6 gennaio scorso”.

Già, qui siamo in presenza di persone adulte, acculturate, che hanno addirittura  responsabilità formative. E si parla di collegamenti con gruppi eversivi… 

Sovranismo, populismo estremista, nazionalismo frenetico e convulso sono mondi che vanno assieme e il riferimento a qualche aggancio russo è grave perché in quel Paese esistono teorici di una certa destra guerriera e bellicosa, che mescolano peraltro anche elementi religiosi, lontanissimi dal Vangelo. Se, come pare, sono implicati anche  intellettuali, il fatto è ancor più serio perché tutto questo non  fa che confermare l’inanità, la fragilità della nostra democrazia.  E qui sì, urge  che la politica si muova prima che il cittadino perda del tutto la fiducia nelle istituzioni, non partecipi più alla vita democratica,  e pensi che il lato oscuro della politica sia tutta la politica, come certe vicende, vedi Loggia Ungheria, possono portare a pensare.  Al più presto si devono aprire porte e finestre, fugando i dubbi di complotti sempre presenti. Questo non per negare i tentativi di cospirazione che ci sono stati in passato anche in Italia, ma per rendere la casa “trasparente”. Altrimenti la democrazia diventa un “fantasma”. 

Corriamo, secondo lei,  il rischio di derive autoritarie?

“Diciamo che la democrazia deve difendersi. E noi tutti dobbiamo essere consapevoli dei valori che sono in gioco, che si danno troppo spesso per scontati, e che invece non lo sono. Proprio Mattarella ci mette in guardia da questo rischio: andiamo a rileggere le parole del messaggio rivolto all’ultimo congresso della Fuci, o quelle pronunciate all’anniversario della morte di Aldo Moro. Dobbiamo chiederci: e se le garanzie  civili che la democrazie autentiche custodiscono sparissero di colpo?  Avremmo l’avvento delle “democrature”, per usare un neologismo dello scrittore sudamericano Eduardo Galeano, che definisce  quelle democrazie ‘sulla carta’ che in realtà celano una dittatura di un uomo forte che sale al potere grazie a elezioni che lo insediano con maggioranze bulgare”. 

Come in Cina, in Turchia o in Russia?

“Questi sono i primi esempi che vengono in mente, ma si tende a commettere l’errore di pensare che siano casi non troppo diffusi e che invece le democrazie autentiche siano largamente diffuse. Invece, al contrario, nel mondo sono al di sotto del dieci per cento. E il problema si pone anche per l’Europa. Gli stessi Usa non sono vaccinati a queste derive, come abbiamo potuto vedere: è impressionante analizzare le teorie complottiste e i miti di estrema destra diffusi Oltreoceano”.

C’è un serio problema di democrazia anche in Europa?

“E’ così: Europa e democrazia oggi sono due grandi malate. E c’è uno stretto legame tra queste due crisi. Per usare uno slogan direi che l’Europa del futuro o sarà autenticamente democratica o non sarà affatto, perché i nazionalismi l’avranno vuotata dal di dentro. L’errore di prospettiva quando si parlava  di “più Europa” è stato quello di  intenderlo solo dal punto di vista dell’allargamento dei confini dell’Unione e dell’inclusione di nuove nazioni, e non, invece, in una maggiore convergenza di tutti nei valori e negli ideali democratici fondanti la Ue. 

Concludendo: non pensiamo che la democrazia decada per spallate esterne; che siano le divisioni corazzate di Putin ad abbattere i nostri sistemi democratici. Il nemico è interno e si chiama disaffezione, appassimento dell'idea di bene comune. E il pericolo è che nessuno se ne accorga. Senza passione e sacrificio per i diritti, tutto può essere perduto”. 

https://www.famigliacristiana.it/articolo/quegli-attacchi-sui-social-a-mattarella-e-le-nostre-fragili-democrazie.aspx

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.