Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quando l'autonomia diventa abuso, di Gerhard Mumelter

Quando l'autonomia diventa abuso, di Gerhard Mumelter

creato da D. — ultima modifica 14/09/2015 13:35
Quando nel 2001 il governo Amato – con una maggioranza risicata – cambiò il Titolo V della costituzione, il decentramento di molte competenze alle regioni fu salutato come l’inizio promettente di un modello federalista. Tredici anni dopo ogni euforia è scomparsa e si preme per rimettere mano al Titolo V. Senza dubbio la materia decentrata con più efficacia in questi anni è stata la corruzione...

Quando nel 2001 il governo Amato – con una maggioranza risicata – cambiò il Titolo V della costituzione, il decentramento di molte competenze alle regioni fu salutato come l’inizio promettente di un modello federalista. Tredici anni dopo ogni euforia è scomparsa e si preme per rimettere mano al Titolo V.

Senza dubbio la materia decentrata con più efficacia in questi anni è stata la corruzione. Oggi le regioni traballano sotto una serie quasi infinita di scandali e una raffica di indagati. Nel corso degli anni e con competenze sempre maggiori si sono tramutate in una sorta di staterelli spesso megalomani: un quasi stato moltiplicato per venti. Hanno aperto decine di uffici di rappresentanza in tutto il mondo e accumulato debiti degni di quello dello stato centrale, complessivamente per 105 miliardi. Hanno aumentato il numero dei consiglieri e delle commissioni e praticato un fiume di assunzioni clientelari. Secondo un’indagine dell’economista Roberto Perotti solo i consigli regionali costano un miliardo di euro all’anno. Il record spetta alla regione autonoma della Sicilia con 156 milioni di euro: 1,7 milioni per ogni consigliere. In media, un consigliere in Italia costa duecentomila euro all’anno.

L’autonomia è diventata abuso con dimensioni mai viste: 520 consiglieri regionali sono coinvolti negli scandali di rimborsi illeciti o accusati di corruzione, peculato o truffa. L’ex presidente della regione Lazio Bruno Landi e l’ex vicepresidente della Liguria Nicolò Scialfa sono stati arrestati. Nel Lazio è venuto a galla un sistema di arricchimento metodico gestito da Franco Fiorito, Er Batman della Ciociaria, già condannato per aver intascato un milione di euro di fondi pubblici. Arrestato anche l’ex capogruppo dell’Italia dei valori Vincenzo Maruccio, che ha sottratto almeno un milione di euro al partito e ne ha persi centomila al videopoker. Ma non sembra cambiato nulla.

Poche settimane fa alla regione Lazio è bastato un solo emendamento per modificare il decreto Monti e reintrodurre i vitalizi per i consiglieri cinquantenni. Negli scandali sono coinvolti tutti i partiti, anche se quelli di destra fanno la parte del leone. In Lombardia sono sotto accusa 64 politici, alcuni arrestati per corruzione e collaborazione con la n’drangheta, mentre il plurindagato ex presidente Roberto Formigoni si è subito riciclato al senato. Indagato per false trasferte anche Roberto Cota, presidente uscente del Piemonte e leghista dalle promesse facili. Ultimo a sfracellarsi è stato il modello dolomitico della Südtiroler Volkspartei e degli autonomisti trentini, inciampati su uno scandalo di pensioni con anticipi milionari per i consiglieri regionali.

La lunga serie di processi imminenti farà ribollire la rabbia degli elettori disillusi, che ormai in massa disertano le urne. In Basilicata a novembre l’affluenza è stata del 47,6 per cento, calando per la prima volta sotto la soglia del 50 per cento. In Sardegna, a febbraio, Forza Italia ha ripresentato gran parte dei politici indagati, perdendo le elezioni. Non ha potuto ricandidarsi l’ex capogruppo Mario Diana, in carcere da novembre, definito dai magistrati “uomo dotato di notevole capacità a delinquere”. Ai domiciliari anche Carlo Sanjust. Secondo l’accusa ha pagato con i soldi del gruppo Pdl il lussuoso ricevimento delle sue nozze per 300 invitati. Che senza saperlo hanno assistito a un atto altamente simbolico: il costoso matrimonio tra autonomia e malversazione.

 

fonte: http://www.internazionale.it/opinioni/gerhard-mumelter/2014/03/12/quando-lautonomia-diventa-abuso/, 12.03.2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.