Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Quando costano all'Italia le crisi geopolitiche. Report Sace, di Simona Sotgiu

Quando costano all'Italia le crisi geopolitiche. Report Sace, di Simona Sotgiu

creato da webmaster ultima modifica 14/09/2015 17:04
Una perdita di 36,6 miliardi di euro per l’Italia tra il 2011 e il 2013. E’ questo il costo dell’instabilità politica che ha inciso sull’export italiano. [...]

 

Una perdita di 36,6 miliardi di euro per l’Italia tra il 2011 e il 2013.
E’ questo il costo dell’instabilità politica che ha inciso sull’export italiano. Ma si aprono nuove possibilità se le imprese italiane sapranno riconoscere i mercati giusti in cui investire.

Ecco numeri e scenari del Country Risk Map SACE, lo studio che calcola i costi dell’instabilità geopolitica globale per l’economia italiana (2011-2013) e stima il potenziale di nuovo export italiano per il 2014-2016.

RISCHIO GLOBALE IN CRESCITA

Anche se il rischio di credito globale (ossia il rischio di mancato pagamento) è cresciuto solo di tre punti negli ultimi quattro anni, sono le differenze da Paese a Paese ad essere molto marcate. Una crescita del rischio di 10 punti nei paesi avanzati si accompagna a un +6 punti per Medio Oriente e Nord Africa a cui lo studio Sace suggerisce di far fronte con una “particolare selettività da parte delle imprese nell’approccio ai mercati, oltre all’adozione di strumenti adeguati per proteggersi dai rischi e massimizzare le opportunità”.

LA CLASSIFICA DEL RISCHIO

È possibile suddividere i paesi in gruppi di rischio, si legge nello studio SACE, in riferimento all’instabilità politica più o meno costante negli anni relativi allo studio. Così Argentina, Bielorussia, Iran, Iraq, Pakistan, Ucraina, Ungheria, Uzbekistan e Venezuela sono caratterizzati da “rischi persistentemente elevati”, mentre si parla di “rischi medio-alti ma in crescita negli ultimi quattro anni” per Egitto, Grecia, Libia, Russia, Siria e Tunisia. Da questo derivano i 36,6 miliardi di mancato export per l’Italia – continua il report della società – derivanti da crisi geopolitiche (17 miliardi), crisi economiche (11 miliardi) e 8 miliardi dalla crisi russa.

NUOVE POSSIBILITÀ

A migliorare i profili di rischio sono, invece, i così detti Paesi emergenti, come Brasile, Cina, India, Malaysia, Messico, Polonia, Sudafrica e Perù, che presentano meriti creditizi stabilmente positivi o medi, e paesi in progressivo miglioramento, come Algeria, Colombia, Filippine, Indonesia, Kenya, Marocco e Turchia. Sono questi i mercati su cui l’export italiano dovrebbe concentrarsi nei prossimi due anni – suggerisce SACE – stimando un business di 38,5 miliardi. Se le imprese italiane saranno in grado di difendere e rafforzare il proprio posizionamento da una parte, e approcciare in modo adeguato e informato nei nuovi scenari (come Colombia, Filippine e Kenya) dall’altro, le possibilità di crescita per l’economia italiana complessiva saranno concrete, grazie al traino dell’export.

Fonte: http://www.formiche.net/2014/09/27/quando-costano-allitalia-le-crisi-geopolitiche/

 

 

 

27 - 09 - 2014

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.