Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Putin obbliga a ripensare la globalizzazione, di Sergio Fabbrini

Putin obbliga a ripensare la globalizzazione, di Sergio Fabbrini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/03/2022 10:19
L’Europa dovrà rafforzare l’autonomia (a livello industriale e tecnologico) del suo mercato interno e ridurre le diseguaglianze sociali prodotte dalla precedente globalizzazione non-selettiva. Senza coesione sociale sarà difficile riformare…

In due giorni, giovedì e venerdì scorsi, si sono succedute a Bruxelles le riunioni di alcuni dei principali organismi del sistema occidentale, la Nato, il G7 e l’Unione europea. In quelle riunioni sono stati discussi temi diversi (dalle sanzioni alla Russia all’autonomia energetica dell'Europa), temi che fanno parte di un unico (grande) problema, la crisi dell’ordine globale liberale. L’aggressione russa dell’Ucraina ha infatti scosso i pilastri di quell’ordine, come l’apertura dei mercati e l’interdipendenza tra i Paesi. È possibile ricostruirli?

Con la fine della Guerra Fredda (1991), una visione liberale delle relazioni internazionali si è affermata, ispirando le scelte dei leader occidentali. Tale visione si è basata su una teoria (elaborata da autori americani come Stephen D. Krasner e John Ikenberry ma divenuta una vera e propria filosofia pubblica in Europa) secondo la quale il sistema internazionale è caratterizzato sempre di meno dalla lotta per il potere politico-militare tra gli stati e sempre di più dalle interdipendenze economiche tra di essi.

Una trasformazione dovuta al consolidamento di regimi internazionali istituzionalizzati, le cui norme e disincentivi tendono ad addomesticare le pulsioni aggressive degli stati. Per di più, una pluralità di attori internazionali non-statali (imprese multinazionali, istituzioni finanziarie, organizzazioni non governative) partecipano al processo che conduce a decisioni globali, così riducendo la possibilità della rivalità diretta tra gli stati. Attraverso quei regimi internazionali, le dispute tra stati e tra attori privati sono state risolte attraverso negoziati basati sul reciproco riconoscimento dei loro interessi legittimi, oppure ricorrendo alle decisioni di magistrature internazionali (quando necessario). Sabino Cassese ha spiegato come negli ultimi trent’anni si sia venuto a consolidare un vero e proprio ordine legale globale, ispirato dai principi del liberalismo internazionale che proteggono i diritti degli individui e non solo gli interessi degli stati. Tale ordine legale globale ha contribuito a delegittimare la guerra come strumento per la soluzione delle contese, anche se non poteva cancellarla. Tant’è che per Daron Acemoğlu e James A. Robinson, le guerre degli ultimi trent’anni sono risultate dal fallimento di uno stato (si pensi all’ex Jugoslavia degli anni Novanta del secolo scorso) piuttosto che da uno scontro tra stati. Perché fare la guerra quando l’interdipendenza produce vantaggi (anche se non egualmente distribuiti) per tutti?

L’aggressione all’Ucraina contraddice tale visione. Non vi è dubbio che l’interdipendenza economica fosse giunta anche a Mosca. Negli ultimi trent’anni, infatti, l’economia russa si è venuta ad intrecciare con le esigenze economiche dei Paesi europei, traendone non pochi vantaggi; il Pil russo è stato sostenuto dalle esportazioni di gas e materie prime nei Paesi dell’Europa (tra cui il nostro); la nuova classe media russa è stata attratta dai consumi occidentali; i ricchi russi hanno trovato estese e convenienti occasioni di investimento finanziario, immobiliare e industriale in Paesi come il Regno Unito. 

Nonostante le sanzioni successive al 2014 (in risposta all’annessione della Crimea da parte della Russia), la dipendenza di Italia e Germania dal gas russo è addirittura cresciuta. Eppure, ciò non ha fermato Putin. Forse perché Putin ragiona politicamente, prima ancora che economicamente. Ha ritenuto l’America debole ed ha cercato di profittarne per promuovere la sua visione nazional-imperiale. Dopo tutto, ha ricordato Charles A. Kupchan, è stata l’egemonia dell’America (nonostante i tanti errori) a rendere possibile l’interdipendenza dell’ordine liberale internazionale del dopo-Guerra Fredda. Una volta indebolitasi quell’egemonia, come si è visto con la fuga da Kabul nell’agosto 2021, si sono aperti spazi all’azione unilaterale di tiranni con le armi nucleari (come Putin). Se è stato il declino (relativo) dell’America ad aver condotto al “mondo di nessuno” (No One’S World), in cui non vi è più un Paese in grado di proteggere le istituzioni liberali dell’ordine internazionale, allora l’interdipendenza basata sugli scambi economici e le norme giuridiche, seppure necessaria, non è sufficiente per pacificare il mondo. Il soft power dell’economia va accompagnato dall’hard power della politica.

Ciò avrà conseguenze strutturali per l’Europa. Sul piano internazionale, dovrà ripensare la globalizzazione (su questo giornale, Gianmarco Ottaviano ha parlato di “ri-globalizzazione selettiva”), riducendo le catene di valore e introducendo considerazioni di sicurezza nella cooperazione tecnologica e industriale. Non è più giustificabile la dipendenza energetica dalla Russia o quella dei semiconduttori dalla Cina, ancora di meno lo è la nostra dipendenza militare dall’America. 

È ora di farci carico della nostra sicurezza. Sul piano interno, come ha scritto Nicholas Mulder, la ri-globalizzazione selettiva richiederà un impegno pubblico senza precedenti, così da neutralizzare i costi sociali della transizione verso una globalizzazione selettiva. L’Europa dovrà rafforzare l’autonomia (a livello industriale e tecnologico) del suo mercato interno e ridurre le diseguaglianze sociali prodotte dalla precedente globalizzazione non-selettiva. Senza coesione sociale sarà difficile riformare.

Insomma, dietro gli incontri e le riunioni di Bruxelles ha aleggiato un problema molto più grande di Putin. Come ricostruire un nuovo ordine globale liberale. I tiranni non sanno che la forza del liberalismo risiede nella sua capacità di rigenerarsi.

https://www.ilsole24ore.com/art/putin-obbliga-ripensare-globalizzazione-AESJM5MB

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.