Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Psicologia delle fake news: ecco perché tutti cadiamo nella trappola, di Ivan Ferrero

Psicologia delle fake news: ecco perché tutti cadiamo nella trappola, di Ivan Ferrero

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/02/2021 18:11
La guerra contro le fake non avrà mai un vincitore e un vinto: si configura come giocare a guardie e ladri. Noi utenti possiamo fare la nostra parte: è dimostrato che la conoscenza dei fenomeni e dei processi sottostanti aiuta a acquisire una maggiore consapevolezza. E come sempre, quello che fa la differenza è l’educazione…

L’escalation della disinformazione – sempre esistita, ma ora “esplosa” grazie alla facilità di diffusione dei contenuti digitali –  ci sta portando verso un nuovo concetto di realtà in cui non è vero ciò che è vero, ma è vero ciò che io creda sia vero.

Le piattaforme di informazione online, preoccupate per la loro credibilità e reputazione, tentano costantemente di combattere questo fenomeno. Eppure noi esseri umani sembriamo essere geneticamente programmati per cadere nella trappola delle fake news, perché questi prodotti si inseriscono e intercettano delle caratteristiche della nostra mente.

Ecco perché possiamo parlare di psicologia delle fake news.

Il concetto di euristiche

Per spiegare come mai nessuno può dirsi “immune” dal contagio delle fake news, partiamo dalle euristiche: le possiamo paragonare a delle scorciatoie che la nostra mente utilizza per risparmiare il più possibile le proprie energie. Sono processi di pensiero e sistemi di credenze che le persone sviluppano presto nella vita, spesso con lo scopo istintivo di  proteggersi contro l’ansia e lo stress di un mondo incerto.

Tuttavia sono proprio queste euristiche che ci portano ai bias cognitivi, ossia processi che ci portano a vedere la realtà che ci circonda in modo parziale, oppure generalizzato o affrettato. La nostra attitudine a credere alle fake news quindi nasce e cresce con noi.

Possiamo suddividere questi bias cognitivi in personali, ossia derivanti dall’architettura stessa della nostra mente, e sociali, ossia derivanti dall’influenza dell’ambiente sociale e dall’interazione con esso.

I bias cognitivi personali

  • Framing effect: noi tendiamo a prendere decisioni basandoci su come le informazioni ci vengono presentate e discusse, anziché sull’effettivo contenuto di queste informazioni. Se noi preleviamo il contenuto e lo inseriamo all’interno di una nuova cornice di riferimento e di senso, allora si modifica la nostra percezione del contenuto stesso, e con essa il suo significato. Questa distorsione appare quando prendiamo informazioni e dati reali, ma poi li combiniamo e associamo per fornire al pubblico un quadro anche opposto a quello originario.
  • Authority bias: la tendenza ad attribuire una maggiore accuratezza alle opinioni di una figura che noi percepiamo come autorevole, e di conseguenza ne veniamo maggiormente influenzati. Costruiamo dei personaggi ad hoc, anche inventati, oppure effettuiamo delle operazioni di immagine su altri, e poi lasciamo che siano loro a riportare la nostra fake news. Avete presente quei messaggi vocali in cui chi parla sostiene di essere un medico qualificato, un primario di un ospedale oppure un ricercatore scientifico?
  • Implicit Bias: come esseri umani abbiamo la tendenza a raggruppare le persone in categorie. Inoltre abbiamo la tendenza a considerare più credibili e autorevoli le persone che sentiamo appartenere allo stesso gruppo. Questo spiega in parte quali meccanismi concorrono alla creazione della bolla sociale. Un creatore di fake news può sfruttare questo bias facendo comunicare la notizia da una persona particolarmente credibile per il gruppo di riferimento, anche se nella realtà quella persona non lo ha mai detto oppure la persona stessa non esiste. Questo porta anche al naive realism, ossia quando ci troviamo di fronte a qualcuno con un’idea differente dalla nostra, anziché limitarci a dissentire lo aggrediamo, anche solamente verbalmente.
  • Continued influence effect: una volta che ci facciamo un’idea su di un argomento diventa molto difficile modificarla, anche qualora la prima informazione si dovesse rivelare errata. Nell’ultimo caso solitamente accade il processo opposto: operiamo una serie di operazioni logiche per “giustificare” quell’informazione che si era rivelata non corretta. Il risultato è ciò che viene definito “hostile media effect”: finiamo per ritenere fortemente che la nostra posizione sia l’unica realmente corretta.
  • Fluency heuristic: consideriamo un’informazione di maggiore valore rispetto alle altre perché più facilmente ricordabile ed elaborabile. Questo spiega perché le persone preferiscono informazioni che, nella forma, siano più vicine al loro modo di pensare, al loro livello culturale, sociale, ecc.
  • Anchoring bias: tendiamo a ritenere il primo pezzo di informazione che incontriamo come il più probabile. Questo è un altro elemento che spiega l’importanza della vitalità di una fake news: deve essere la prima ad arrivare alle persone se vogliamo che la nostra campagna di notizie false abbia successo.
  • Information overload: non è un bias di per sé, ma una condizione tipica della nostra Società che ci impedisce un corretto ragionamento basato sui dati, e che potenzia tutti i bias che abbiamo visto fino ad ora e che vedremo tra poco. Il bombardamento delle informazioni a cui siamo sottoposti tutti i giorni causa un sovraccarico cognitivo che porta la nostra mente a difendersi rifugiandosi in strategie di risparmio energetico estremo. Ad esempio leggiamo solamente i titoli senza approfondire, pensando di ricavare abbastanza informazioni già da quelli. Porta anche a prendere delle persone come riferimento, e a fidarsi di quanto riferito da loro senza verificare, spingendoci verso i bias appena descritti. Tutto questo fino a quando la persona, stanca e affaticata, non getta la spugna e ricondivide news dubbie e non verificate portando come argomentazione il “non ho avuto tempo di verificare ma non si sa mai, male che vada non avrò fatto torto a nessuno”.

 

Un processo questo che innesca una catena per cui ad ogni ricondivisione di fake news su un determinato argomento si abbassa il livello di guardia, portando la persona sempre più incline a ricondividere senza verificare.

Le ricerche ci dicono che questo avviene anche con la semplice esposizione alle fake news, anche quando noi sappiamo che si tratta di falsi. Ecco perché la diffusione di fake news, anche da account creati ad hoc con il solo scopo di creare massa, nel tempo diventa deleteria anche per i più attenti.

I bias cognitivi sociali

Sono strettamente correlati ai bias cognitivi personali, ma riguardano l’influenza che l’ambiente sociale e l’interazione con esso esercitano su di noi.

  • Bandwagon effect: più persone intorno a noi ritengono un’informazione corretta, e più anche noi saremo inclini a ritenerla tale, anche nel caso dovessimo avere dei dubbi. E’ un bias che si intreccia fortemente con la riprova sociale, per cui se un nutrito numero di persone ritiene l’informazione corretta allora lo sarà sicuramente.
  • Availability cascade: una credenza collettiva guadagna sempre maggiore plausibilità attraverso la sua ripetizione in pubblico. Possiamo ritenere questo bias cognitivo la summa dei bias cognitivi sociali: tutto converge qui.

 

La guerra alle fake news è aperta

Le principali piattaforme di diffusione delle informazioni stanno combattendo le fake news da anni con successi e insuccessi vari.

Alcune si affidano alle segnalazioni degli utenti, altre filtrano queste segnalazioni attraverso un gruppo di esseri umani che le verifica.

Altre studiano e affinano costantemente algoritmi di machine learning nella speranza di individuare le informazioni scorrette nell’esatto momento dell’invio per la pubblicazione.

Altre ancora più semplicemente si affidano alla capacità degli esseri umani di distinguere il vero dal falso, lavandosene in questo modo le mani.

Tuttavia è una guerra che non avrà mai un vincitore e un vinto, ma che si configura piuttosto come giocare a guardie e ladri.

Eppure anche noi utenti possiamo fare la nostra parte: ad esempio alcune ricerche hanno dimostrato che la conoscenza di questi fenomeni e dei processi sottostanti aiutano le persone ad acquisire una maggiore consapevolezza e a tenere il livello di guardia costantemente alto.

Il risultato è una maggiore capacità di individuare e riconoscere in modo istintivo una fake news. Come sempre, trattandosi di esseri umani, la vera soluzione è l’educazione.

https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/psicologia-delle-fake-news-ecco-perche-tutti-cadiamo-nella-trappola/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.