Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Proteste ed estremismi: le minacce sottovalutate, di Barbara Lucini

Proteste ed estremismi: le minacce sottovalutate, di Barbara Lucini

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 13/10/2021 09:21
L’estrema destra italiana è una minaccia reale alla sicurezza nazionale, nel momento in cui però la valutazione del rischio possa essere contestualizzata rispetto alle caratteristiche sociali, politiche, culturali del Paese…

Il Gruppo di Lavoro che coordino nell’ambito di un progetto internazionale più ampio, si intitola Covid-19 e Viral Violence: violenza virale, proprio quella alla quale siamo assistendo da inizio pandemia, con le prime manifestazioni no lockdown.

Il mondo dei NO si è poi diffuso in conseguenza, e grazie all’opportunità, che per certi ambienti è la pandemia e, soprattutto, la sua gestione.

A differenza di altri, chi scrive non si stupisce di tale situazione. Per esempio, nello specifico delle proteste No Green Pass di Sabato 9 Ottobre, nelle chat e sui social di certi gruppi già si leggevano settimane prima i segnali di sentimenti e propositi che non sarebbero rimasti tali, ma che erano pronti ad esplodere negli eventi che poi si sono visti: l’assalto alla sede delle Cgil e ai blindati della Polizia.

Ci sono alcuni elementi, fuori da ideologie anacronistiche e miopi di una situazione già sul limite dell’estremo prima della pandemia, che sono passati inosservati, tra questi il ruolo dell’estrema destra in Italia: considerata in maggior parte come un fenomeno virtuale (e perciò forse pensato “relegato e controllabile”) e sottovalutata nella sua portata di minaccia interna. Alcune analisi sottolineano la dimensione europea e internazionale di tale fenomeno, dimenticando la peculiarità italiana, che dovrebbe essere analizzata nel periodo storico-sociale vigente, senza preconcetti ideologici decontestualizzati.

Conosci il tuo nemico è la prima massima per poter valutare il rischio che potenziali entità eversive si radicalizzino concretamente: in questo momento si può dire che si conosceva il proprio nemico, che però non possiede più le caratteristiche stereotipate alle quali si era abituati.

Per chiarire: l’estrema destra italiana è una minaccia reale alla sicurezza nazionale, nel momento in cui però la valutazione del rischio possa essere contestualizzata rispetto alle caratteristiche sociali, politiche, culturali del Paese, come per esempio le connessioni di movimenti eversivi neri con alcuni gangli di altro tipo di criminalità, che rappresenta drammaticamente un elemento distintivo della realtà italiana.

E’ certo che alcune azioni sarebbero state utili per il contenimento di questa minaccia: un monitoraggio attento del fenomeno sociale, oltre che della sua componente quantitativa legata soprattutto all’analisi del mondo digitale; la previsione di scenari opportunistici legati alla gestione della pandemia, che potevano essere considerati attrattivi da parte di certi gruppi; un’inversione di tendenza nelle analisi che per quanto concerne l’estrema destra, portano a considerarla come una minaccia che può espletarsi solo in relazione ad un contesto internazionale; la comprensione che certe teorie del complotto che animano la retorica di alcuni gruppi di estrema destra, ma non solo, si fondano in realtà sul fallimento di alcune pratiche di gestione della pandemia. Eco sottolineava un’importante riflessione generale a questo proposito: Perché le bufale hanno successo? Perché promettono un sapere negato agli altri e recentemente su “Le Monde DiplomatiqueFrédéric Lordon ha avanzato l’ipotesi che la sindrome del complotto sia la reazione di una popolazione che vorrebbe capire quello che sta succedendo, ma avverte che spesso le viene rifiutato l’acceso a una informazione completa. 

Il vuoto cognitivo e comunicativo, che ha accompagnato le prime fasi della diffusione dell’epidemia nel febbraio 2020 hanno ripercussioni su lungo periodo, una delle quali è quella che stiamo vivendo in questi ultimi mesi.

Le domande impegnative ma oneste da fare sono molteplici: quanto spazio è stato creato dalla gestione improvvisata, senza tempi e con continui dibattiti contradditori e spesso violenti fra esperti e politici, affinché estremisti di varia natura potessero approfittarsi della crisi in corso e delle vulnerabilità pregresse del Paese? Quanto l’estremismo di varie matrici si è alimentato e sta usando le paure, le ansie, i vuoti multidimensionali pre e post pandemici, l’inadeguatezza della risposta pandemica? Quanto ancora si procederà senza riflessione sulla crisi di fiducia fra cittadini, politica e istituzioni, che pur ben è emersa dalle ultime elezioni apparse sempre più come un rituale da preservare e non come strumento di partecipazione democratica?  

Infine, è opportuno ricordare che non tutti i presenti alle manifestazioni dell’ultimo anno e mezzo sono violenti e di estrema destra o di estrema sinistra o anarchici: per questo diventa sempre più necessario che le analisi si fondino sulla più ampia comprensione di fenomeni sociali di una natura ibrida e variegata che possono produrre qualche cosa di nuovo e diverso dalle aspettative ricorrenti degli ultimi anni: soprattutto al di là da aspetti storicistici o identitari.

Ora si è in ritardo e con una situazione, che se non dovesse esplodere durante gli appuntamenti dei prossimi giorni tra le nuove manifestazioni proclamate da varie parti e il G20 a fine mese, certamente avrà lasciti per quanto concerne il clima di tensione sociale e conflittualità diffusa: quanta rabbia e violenza ancora dovrà essere strumentalizzata e agita prima che la prospettiva di comprensione e analisi della minaccia si alimenti di nuove visioni, che provengono congiuntamente dal settore di intelligence e da quello del crisis management? Si spera poca di entrambe per la sicurezza di tutti.

https://www.itstime.it/w/proteste-ed-estremismi-le-minacce-sottovalutate-by-barbara-lucini/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"Il bene più prezioso"

Vignetta di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo è in distribuzione.

 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.