Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Proposte cristiane per la crisi in Europa, di Riccardo Burigana

Proposte cristiane per la crisi in Europa, di Riccardo Burigana

creato da webmaster ultima modifica 21/07/2016 17:32
Un incontro ecumenico a Bruxelles incentrato in particolare sul tema del lavoro

 

«In questo tempo nel quale viviamo una crisi così profonda e dura in Europa, i cristiani vogliono offrire delle risposte alla luce dell’eredità culturale e spirituale della quale sono portatori»: con queste  parole  Frank-Dieter Fischbach, segretario esecutivo della Commissione chiesa e società della Conferenza delle Chiese europee (Kek), ha presentato l’incontro dal titolo «European Social Market Economy», che si svolgerà il 14 dicembre, a Bruxelles, in Belgio. I cristiani, ha spiegato, sentono la responsabilità di dover riaffermare il loro impegno ecumenico per aiutare l’Europa a uscire dalla crisi, che non è solamente economica.  L’incontro è promosso, oltre che dalla Kek, dalla Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece) e dalla Commissione europea, allo scopo di promuovere una comune riflessione sulla dimensione sociale del lavoro in rapporto alla crisi che sta vivendo l’Europa.

La dimensione sociale del lavoro è un aspetto  sul quale si è sviluppato, soprattutto negli ultimi anni, un dibattito al quale partecipano anche Chiese, comunità e organizzazioni religiose nel tentativo di definire dei percorsi in grado di ripensare alle regole del mercato del lavoro senza pregiudicare i pilastri dello stato sociale.

L’incontro fa parte di una consolidata tradizione di regolari consultazioni tra le Chiese e le comunità in Europa che spesso hanno assunto la forma di seminari di studio. Queste iniziative rappresentano, è stato sottolineato, «un importante elemento del dialogo aperto, trasparente e regolare» che ha segnato i rapporti tra la Commissione chiesa e società della Kek e le altre confessioni nel tentativo di giungere a delle proposte condivise, con le quali offrire soluzioni riguardo alcuni questioni che hanno coinvolto l’Europa e il suo ruolo nel mondo. In questi ultimi anni poi, di fronte alla crisi che ha investito l’Europa, le consultazioni sono divenute più frequenti. A tanti è infatti apparso chiaro che dalla crisi si esce non solo con provvedimenti economici o con il rafforzamento delle istituzioni comunitarie, ma con un profondo ripensamento della struttura della società, nella quale i cristiani sono chiamati a giocare un ruolo sempre più attivo nella definizione di una cultura dell’accoglienza e del rispetto dei valori umani.

Fonte: "L'Osservatore Romano", 14 dicembre 2012

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.