Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Priebke e il funerale cattolico, di Nina Fabrizio

Priebke e il funerale cattolico, di Nina Fabrizio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 15/09/2015 09:57
Il problema dell'esequie di Priebke è occasione per riflettere su come la comunità cristiana testimonia la sua fede nel rispetto di tutti...

Esequie private non si negano, specie a peccatore induriti.

(ANSA) ROMA

"Il canone 1184 al punto 3 dice che devono essere negate le esequie ai peccatori manifesti per i quali le esequie sarebbero di pubblico scandalo. Ma la preghiera per i peccatori, vivi o defunti che siano, non si nega, anzi, è maggiormente necessaria quanto più si tratta di peccatori induriti. Le regole sono importanti, ma la vita è più complessa: non spetta certo a noi condannare, e il giudizio lo dà Dio solo". E' quanto spiega all'ANSA, padre Ottavio de Bertolis, docente di diritto canonico alla pontificia università Gregoriana a proposito della questione dei funerali di Erich Priebke, il criminale nazista tra i pianificatori e gli esecutori della strage delle Fosse Ardeatine, morto ieri a Roma.
Funerali su cui è già comunque intervenuto il Vicariato che ha giurisdizione sulle chiese della Capitale, spiegando che non sono "previste celebrazioni esequiali in una chiesa di Roma". De Bertolis, da parte sua, chiarisce come vada interpretato il diritto canonico in cui è compresa la materia delle esequie ecclesiastiche: "Il diritto - afferma De Bertolis - non spiega tutte le cose, e le regole vanno applicate in modo umano, quell'umanità che Priebke stesso ha rinnegato; questo è ciò che si chiama tecnicamente "equità canonica", che è poi uno dei criteri interpretativi del diritto canonico stesso. Naturalmente questo non vuol dire che a un funerale si debbano attribuire altri significati che quello di un gesto religioso - precisa -, e per questo le modalità esterna della celebrazione (luoghi, tempi, persone ammesse) devono essere consone. Il silenzio e il nascondimento mi paiono molto opportuni: spetta all'Autorità ecclesiastica poi decidere nel caso concreto".
"La Chiesa - spiega comunque il canonista - intercede per tutti e in questo modo ripropone le parole stesse di Cristo: "Padre, perdona perché non sanno quello che fanno". Nella vicenda di Priebke si rivela il mistero dell'iniquità e del male, non solo nel ventesimo secolo, ma di quello stesso che si può annidare in noi, la sua "banalità", come è stato detto.
Proprio la necessità di non dimenticare deve fare riflettere su questa realtà in modo maturo. Enzo Biagi - ricorda De Bertolis - in un suo libro, dice di un altro gerarca nazista, Erwin Rommel: "Attende, sotto una croce di legno, l'ultimo giudizio: il solo che conta".

(ANSA).

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.