Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Preghiera per due: soggiorno di coppia all inclusive, di Maria Marzolla

Preghiera per due: soggiorno di coppia all inclusive, di Maria Marzolla

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 10/05/2019 09:37
Non si tratta dell’ultima trovata pubblicitaria di un villaggio vacanze o di un pacchetto viaggi regalo, ma di una verità così semplice e quotidiana, tanto da non essere creduta: pregare in due è il vero viaggio!…

Ma se posso pregare da solo, perché devo ricercare anche un momento di preghiera di coppia? Per quale motivo la preghiera condivisa con il mio partner è una meta da raggiungere? Anche coloro che sono più assidui nella preghiera si sono sicuramente posti silenziosamente questo interrogativo per tanti motivi. Il primo, certamente di natura più pratica, riguarda sempre e comunque il tempo: trovare un tempo comune. Non è per niente semplice, perché se già la ricerca affannosa di tempo per sé è complicata, figurarsi quella che deve sintonizzare due frequenze differenti

È la stessa sensazione che si prova quando in auto, durante un viaggio, si cerca la frequenza giusta per ascoltare chiaramente un brano musicale e quando finalmente riusciamo nell’impresa proviamo una certa soddisfazione e di sicuro apprezziamo quel pezzo musicale molto più che se ci trovassimo in un luogo dove la musica è sempre chiara e ben decifrabile. 

Perché accade questo? Perché è proprio dalla conquista di qualcosa che cominciamo a desiderare che nasce la gioia, quella che non si traduce in qualcosa di materiale ma che rappresenta molto di più: la condivisione di momenti, di sensazioni che vanno oltre quello che si riesce a spiegare con le parole, come quando si assiste ad un evento insieme e non lo si apprende soltanto dal racconto dell’altro. Ecco, la preghiera insieme, non è narrazione ma azione, è simultaneità, è comunione dei cuori.

Ma andiamo al passo successivo. Pregare insieme è molto più intimo di quanto si possa immaginare, perché ci mette a nudo, ci spoglia di tutti i paradigmi che ci siamo cuciti addosso, ci riporta a quell’invidiabile semplicità del Paradiso terrestre, in quella terra di grazia dove uomo e donna, insieme, pregavano il Padre. Non è facile mettere a nudo il proprio cuore, è molto più semplice farlo con il proprio corpo. Da quel momento in poi si gioca a carte scoperte nella coppia, non esistono più parti del labirinto nel quale l’altro non può raggiungerci, si giunge insieme a quella sintonia che crea un collante di una forza ineguagliabile.

Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro.” (Mt 18,20)

La fonte di quella forza è proprio il Signore, proprio Lui che con il sacramento del Matrimonio ci ha consacrati come coppia e non più solo come singoli, per collaborare insieme ad edificare il regno di Dio. Con il matrimonio abbiamo deciso di seguire Gesù in coppia, proprio come i due discepoli di Emmaus e di imparare a riconoscerlo lungo la nostra strada. E di sicuro se lo chiamiamo insieme, riuscirà meglio ad ascoltare la nostra voce, ci guarderà dritti negli occhi mentre siamo mano nella mano.

Come pregare insieme? Veniamo alla parte pratica, quella che a volte risulta più complicata, soprattutto se uno dei due sposi deve farsi traino dell’altro, deve in qualche modo convincerlo a compiere un’azione. Qui è il primo grande errore: io posso coinvolgere o farmi coinvolgere, ma non posso convincere o essere convinto. La preghiera non è prepotenza ma tenerezza, è un dialogo che ha alla base l’amore di un Padre per i suoi figli e dei suoi figli per il Padre e pertanto non può essere imposto ma solo e soltanto desiderato

Ed allora, da dove iniziare? Come far nascere questo desiderio? Tutto ha inizio dal nostro “per sempre”, un tempo che razionalmente non è umano, un Padre che come dono di nozze ci ha donato l’eternità della nostra unione: personalmente, quando io e mio marito ci prendiamo per mano, nel silenzio prima della preghiera, in quel cerchio che si crea io avverto tutto quel senso di eternità. La certezza che il Signore è lì con noi non nasce dalla mente ma lo si avverte forte nel cuore.

Pregare insieme significa innanzitutto imparare a dialogare, a non parlarsi sopra, a non urlarsi contro. Imparare ad ascoltare in silenzio, a meditare una lettura, a rivelarsi all’altro. La preghiera crea sintonia e complicità, ma è un percorso graduale, che può iniziare semplicemente con la preghiera della sera prima di addormentarsi oppure appena svegli al mattino. O, sembrerà strano, quando per caso ci si incontra a casa in un orario inaspettato, e si è felici di quel momento, un abbraccio e un grazie sono la preghiera più bella e spontanea

Sempre più frequentemente le coppie vanno smarrendo la loro spontaneità e con essa la tenerezza, in favore di un’esasperazione del rispetto dell’etichetta o di una esagerata passione, più imitata che vissuta.

Andare a Messa insieme, fare una gita fuori porta ed entrare in una chiesetta, una semplice preghiera insieme ma con il cuore. Le vie e i modi sono tanti e alle volte impensabili, ma occorre sempre avere molta fiducia in noi, nell’altro e soprattutto nel Signore, affidarci insieme a Lui, senza riserve, senza vergogna, senza cose non dette, perché, naturalmente Lui le sa già!

La preghiera non cambia Dio, ma cambia colui che prega” (Kierkegaard)

 

https://www.theologhia.com/2019/05/preghiera-per-due-soggiorno-di-coppia.html

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.