Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Portogallo - Il governo regolarizza tutti gli immigrati che hanno domande pendenti, di Joana Gorjão Henriques

Portogallo - Il governo regolarizza tutti gli immigrati che hanno domande pendenti, di Joana Gorjão Henriques

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 30/03/2020 17:41
In uno Stato di emergenza la priorità è la difesa della salute e della sicurezza collettiva. È in questi momenti che diventa ancora più importante garantire i diritti dei più fragili come i migranti…

Il decreto pubblicato venerdì sera stabilisce che il documento di domanda sarà un giustificativo idoneo, funzionando come permesso di soggiorno temporaneo. Darà accesso a tutti i servizi pubblici come il Servizio Sanitario Nazionale e i servizi sociali. Sono tutelati anche i richiedenti asilo. Questo provvedimento è un "dovere" della "società solidale in tempi di crisi", ha detto il ministro Eduardo Cabrita al quotidiano “Publico”.
Il Governo ha stabilito che tutti gli immigrati con domande di permesso di soggiorno in sospeso presso il Servizio degli stranieri e delle frontiere (SEF) si troveranno ora in una situazione regolare e avranno accesso agli stessi diritti di tutti gli altri cittadini, compreso i servizi sociali. La misura riguarda anche i richiedenti asilo.

La data da cui decorre è il 18 marzo, giorno della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale, e riguarda le domande presentate ai sensi della Legge sugli stranieri e della legge sull’asilo per chi vuole lavorare (ai sensi degli articoli 88 e 89) e per chi vuole esercitare attività didattica, altamente qualificata o culturale (articolo 90), o altre situazioni di domanda di concessione o di rinnovo del permesso di soggiorno in regime generale o in regime eccezionale.
Il decreto, pubblicato venerdì sera, prevede che faccia fede l’atto di appuntamento presso il SEF o la ricevuta con la domanda, nonché le cosiddette manifestazioni di interesse o richieste emesse dalle piattaforme del servizio. Questi documenti "sono considerati validi nei confronti di tutti i servizi pubblici, in particolar modo quelli per ottenere il numero dell’utente, l’accesso al Servizio Sanitario Nazionale o ad altri diritti di assistenza sanitaria, l’accesso ai servizi sociali, la firma di contratti di locazione, la firma di contratti di lavoro, l’apertura di conti bancari e per l’accesso ai servizi pubblici essenziali". Come successivamente chiarito dallo SEF, essi funzioneranno nel frattempo come autorizzazione temporanea.

Il documento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale mira a "garantire in modo inequivocabile i diritti di tutti i cittadini stranieri con procedimenti pendenti" presso il SEF.
In una dichiarazione al quotidiano “Publico”, Eduardo Cabrita, Ministro degli Interni, che è responsabile del SEF, ha dichiarato: "In uno Stato di emergenza la priorità è la difesa della salute e della sicurezza collettiva. È in questi momenti che diventa ancora più importante garantire i diritti dei più fragili come i migranti. Garantire l’accesso dei cittadini migranti alla salute, alla sicurezza sociale e alla stabilità del lavoro e dell’alloggio è un dovere di una società solidale in tempi di crisi".

Il SEF non ha ancora fornito il numero di immigrati con domande pendenti. Ma ha chiarito che gli sportelli chiudono e che gli appuntamenti previsti fino al 27 marzo riprenderanno dal 1° luglio in ordine cronologico. In altre parole, i documenti con le richieste fatte al SEF non si sostituiscono dal processo avviato in precedenza, che dovrà essere ripreso quando i servizi torneranno alla normalità. I richiedenti dovranno restare in contatto con il SEF, e chi ha già preso l’appuntamento non ha bisogno di farlo di nuovo, ha detto l’ufficio stampa.
Secondo una recente direttiva governativa, i visti per soggiornare in Portogallo che scadono dopo il 24 febbraio sono validi fino al 30 giugno.
Il SEF garantisce inoltre gli appuntamenti urgenti, sulla base di una decisione dei direttori regionali del SEF, a cittadini che abbiano necessità di viaggiare o che dimostrino "l’urgente e improrogabile necessità" di assentarsi dal territorio nazionale, e a "cittadini ai quali siano stati rubati o sottratti o abbiano smarrito i documenti giustificativi".

La preoccupazione delle associazioni

La settimana scorsa, una ventina di associazioni hanno manifestato la loro preoccupazione al governo su questi casi e hanno scritto una lettera chiedendo soluzioni concrete. In tale lettera, le associazioni firmatarie sottolineano che ai lavoratori in fase di regolarizzazione e che hanno già effettuato versamenti previdenziali debbono essere garantiti i diritti alle indennità nei casi in cui sono previsti per gli altri lavoratori - se devono rimanere in quarantena, se si ammalano, se devono rimanere a casa per occuparsi dei bambini al di sotto dei 12 anni, o se sono licenziati a causa della chiusura temporanea o permanente delle aziende in cui lavorano. Inoltre chiedono che venga garantito anche il diritto all’indennità di disoccupazione in caso di licenziamento.
Al quotidiano “Publico”, Flora Silva dell’Associazione Olho Vivo, riportava alcuni giorni fa che "ci sono molte persone in attesa del permesso di soggiorno non per colpa loro, ma per colpa dei ritardi del SEF. Da un momento all’altro si trovano senza lavoro e non sono coperti da nulla. Così loro e le loro famiglie. Sarà una calamità".

Allo stesso modo questa settimana decine di brasiliani, la più grande comunità di stranieri in Portogallo con 151.000 cittadini, hanno chiesto aiuto all’ambasciata per risolvere la situazione. L’elenco comprende giuristi, assistenti sociali, artisti, sommelier, pubblicisti, cineasti, psicologi, archeologi, insegnanti, addetti alle pulizie, studenti, scrittori, aiutanti di cucina: decine di firme e decine di professioni. Sono preoccupati per l’impatto della crisi da covid-19.
Uno dei modi più comuni per un immigrato di richiedere un permesso di soggiorno per lavoro ai sensi degli articoli 88 e 89 è quello di avere un contratto di lavoro e di pagare la previdenza sociale. Molti attendono addirittura da mesi una risposta dal SEF.

La legge prevede anche che possa essere regolarizzato chiunque abbia un accordo circa la stipula di un contratto di lavoro o "la sussistenza di rapporto di lavoro provato da un sindacato, da un rappresentante delle comunità di migranti che siedono nel Consiglio per le Migrazioni o dall’Autorità per le Condizioni di Lavoro", sia entrato legalmente nel paese e sia registrato alla previdenza sociale (fatta eccezione del caso di solo accordo circa la stipula del contratto di lavoro). Dall’anno scorso, gli immigrati che lavorano e versano i contributi alla previdenza sociale per almeno 12 mesi possono avere un permesso di soggiorno anche se non sono entrati legalmente nel Paese.
Gli ultimi dati mostrano un saldo positivo di 651 milioni di euro tra i contributi degli immigrati alle casse dello Stato (746,9 milioni di euro) e i benefici di cui gli immigrati hanno usufruito (95,6 milioni di euro).

 

https://www.meltingpot.org/Portogallo-Il-governo-regolarizza-tutti-gli-immigrati-che.html#.XoGmK9Mzahw

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.