Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Politica & valori. Spiegare la democrazia ai giovani per fermare le derive autoritarie, di Diego Motta

Politica & valori. Spiegare la democrazia ai giovani per fermare le derive autoritarie, di Diego Motta

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/05/2022 09:56
La necessità di offrire opportunità formative a tutela delle libertà conquistate…

Quale volto di democrazia uscirà da questi mesi di guerra in Europa? Sarà una democrazia rafforzata dal confronto con le autocrazie e i populismi o il conflitto porterà a sistemi di rappresentanza e di governo sempre più deboli? Sarà una democrazia ammaccata, sfibrata e sempre più debole, una «democrazia sfigurata » come l’ha definita Nadia Urbinati? La risposta è semplice soltanto all’apparenza: dipenderà dall’esito del conflitto, o meglio da come l’Occidente sarà capace di aprire un corridoio di pace con la Russia, dopo l’aggressione di Mosca all’Ucraina. In realtà, quanto sta accadendo dentro lo scenario bellico è metafora di uno scontro in atto da tempo. Correva l’anno 2003 quando l’amministrazione Bush negli Stati Uniti spiegava l’operazione militare in Iraq con l’infelice formula dell’«esportazione della democrazia». A tanti parve evidente già allora quanto fosse difficile se non impossibile ragionare di modelli di governo calandoli semplicemente dall’alto. Il corso della storia si è incaricato poi di dimostrare quanto si stesse procedendo in direzione contraria, col sorgere degli egoismi nazionali, con l’avanzata dei populismi, con l’avvento delle autocrazie. Al potere dell’uomo solo che controlla le masse, da un decennio anche grazie alla propaganda veicolata dai social network, l’Occidente non ha saputo opporre altro che una visione indebolita della democrazia e questo si sta rivelando un fattore perdente (basti pensare al fascino ancora concreto esercitato in America da un leader come Donald Trump). Bisogna dunque ricominciare a ricostruire da luoghi nuovi e con parole nuove. In quale direzione? 

Un mondo polarizzato 

«La polarizzazione sulla guerra ci aiuta ad accendere un faro sui processi democratici da potenziare, in Italia come in Europa » osserva Cristopher Cepernich, che insegna sociologia della comunicazione all’Università di Torino. Gran parte dell’opinione pubblica si è trovata impreparata di fronte al conflitto e solo una minoranza ha reagito informandosi e formandosi rispetto a quel che stava accadendo. «Si continua a ragionare con categorie occidentali nostre, che non contemplano il rapporto con la storia. Prendiamo quello che è accaduto nei Balcani durante gli anni Novanta. Allora c’erano le coordinate culturali per capire come fosse disposto il mondo, il Muro era appena caduto. Invece non capimmo la ragione culturale delle faglie nei Balcani e nello stesso modo non comprendiamo oggi le fratture culturali tra Kiev e Mosca. Non abbiamo capito i serbi allora, non capiamo i russi oggi », continua il sociologo torinese. «La verità è che il neocolonialismo della Russia è soltanto prevaricazione, mentre deve essere la comunità internazionale a farsi portatrice di sviluppo. La democrazia non si può esportare sic et simpliciter. Da Baghdad alle primavere arabe, tanti fallimenti sono lì a dimostrarlo». A parlare è Alfonso Barbarisi, presidente dell’Aidu, l’Associazione italiana dei docenti universitari, che venerdì scorso ha promosso a Roma un incontro con gli esponenti dell’associazionismo cattolico, dall’Ac alle Acli, dalla Fuci a Retinopera, passando dalle Comunità di vita cristiana al Meic: le aggregazioni del laicato cattolico hanno messo a tema la promozione del dialogo multilaterale per la pace. «Tutto nasce dall’intuizione di papa Francesco ad Abu Dhabi sul ruolo fondamentale per lo sviluppo del pianeta che hanno in questa fase storica le tre religioni monoiteiste ». È questo fermento culturale che va alimentato, dentro e fuori la Chiesa, per dare continuità e concretezza alla mobilitazione nonviolenta. Dopo le piazze, sarà il momento delle scuole di democrazia: luoghi in cui andare a imparare e conoscere, per evitare di restare intrappolati nella logica sterile della contrapposizione da social (o da talk show televisivo). 

Cosa chiedono i giovani

«Nessuno si fa carico di 'socializzare' il valore della democrazia, di condividerne l’importanza – spiega Cepernich –. Mancano innanzitutto i luoghi, intesi come spazi dove discutere dei fatti, per maturare una visione del proprio tempo. Decenni fa, il luogo poteva essere il partito oppure il sindacato, un’associazione di riferimento, cattolica o laica, dove si ragionasse intorno a un mondo. Quei luoghi non ci sono più. Quando arrivano gli studenti all’università, spesso ci si ritrova a parlare di democrazia e poi loro ti chiedono: sì, ma come si fa in concreto? ». Che l’università sia uno di quegli spazi privilegiati, nonostante tutto e proprio perché resta laboratorio di futuro per i più giovani, lo dimostra il progetto lanciato dall’associazione dei docenti universitari. «Sogniamo da tempo un 'Erasmus del Mediterraneo', che metta insieme le nuove generazioni per immaginare un domani di pace – spiega Barbarisi –. Solo uno scambio virtuoso tra gli studenti può alzare il livello di attenzione e di mobilitazione sui grandi temi e garantire il cambiamento che chiediamo. Per questo, abbiamo proposto di creare una rete tra atenei da allargare agli ultimi anni delle superiori». La sfida è sui linguaggi e sulle regole, in un momento in cui i temi della pace, della libertà, del valore della persona finiscono per essere strumentalizzati nella logica bellicista e si rischia di non distinguere più la vittima dal carnefice, l’oppressore dall’oppresso. «Non si può costruire la pace, preparando la guerra – osserva Barbarisi –. Serve un dialogo fertile, che punti a uno sviluppo economico e civile». 

Istituzioni e politica estera 

Anche la comunicazione della politica, nel nostro Paese e altrove, finisce così per riposizionarsi sul tifo pro o contro, sull’interesse immediato di consenso, sulla posizione di comodo che consente di lucrare voti. «Quale leader o partito della Prima repubblica avrebbe fatto le acrobazie verbali e le giravolte che tanti politici di oggi stanno facendo sull’Ucraina?» si chiede provocatoriamente Cepernich. «Proviamo a rileggere gli interventi dei segretari di partito di allora sulla crisi degli euromissili: altro spessore, altro livello, altra cultura...». 

Non si tratta evidentemente di rimpiangere la stagione andata, ma di farne tesoro per farla uscire dagli scaffali della storia e assorbirne il valore per l’oggi. «Per tornare a parlare di democrazia, dovremmo prima tornare a una cultura delle istituzioni che non c’è più. La politica estera di un Paese, in questo senso, non può causare divisioni così nette nella classe dirigente. Va tenuta al riparo dalle contese, va salvaguardata. Lo dico perché anche noi abbiamo scherzato un po’ troppo in materia in tempi recenti, vittime a seconda delle volte della propaganda russa o cinese». La democrazia si salvaguarda innanzitutto con la cultura delle istituzioni, patrimonio diventato improvvisamente un lusso anche alle nostre latitudini. 

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/spiegare-la-democrazia-ai-giovani-per-fermare-le-derive-autoritarie

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.