Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / "Pietà l’è morta…”, di Adelina Bartolomei

"Pietà l’è morta…”, di Adelina Bartolomei

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 17/05/2022 09:46
Dalle fosse comuni di Buča ai vagoni frigorifero pieni di sacchi bianchi...

Nessuno può reclamare questi morti per dar loro sepoltura, un gesto che fa parte della cultura degli umani fin dalle origini. Nessuno li reclamerà, perché in un caso sono irriconoscibili e nell'altro scomodi. E si spera che i caduti abbandonati al fresco non fossero specificamente i mercenari, gente che si può usare e gettare, che può essere abbandonata come le carcasse dei carri armati. E guardiamo anche il volto quasi imberbe del soldato russo, che ha freddato un civile (e ora ha la fortuna di essere civilmente processato ), ma ci spiega che è stato ingannato...che il loro compito doveva essere solo di spaventare gli Ucraini, ma comunque lui ha  ‘obbedito agli ordini': un'espressione che non avremmo voluto più sentire dopo Norimberga.

E i sepolti vivi dell'acciaieria Azovstal, destinati a scomparire senza combattere, senza  essere processati, solo oggetto di trattative diplomatiche  che al momento escludono di tirarli fuori vivi...perché bisogna anche vendicarsi, da una parte, e forse dall'altra dare un segno di distanza, dopo averli comunque utilizzati come combattenti. Ma senza di loro si diventa più presentabili.

L'odio assassina a lungo. Noi qui stiamo parlando di long-covid, ma ci sarà una lunghissima scia di odio, e quando la guerra sarà ufficialmente finita, continuerà   forse per generazioni.

Pure in molte guerre sono accaduti episodi che facevano sperare che non tutto fosse stato distrutto nell'animo umano. Ricordiamo i racconti di alcuni Natali al fronte nella Prima guerra mondiale quando si stabiliva una tregua e le due parti in alcuni casi fraternizzavano...Giusto per non dimenticarsi di essere uomini.

Ma qui non è accaduto, per ora. Davanti ai sacchi bianchi sono corse parole di indifferenza e un nome: erano nemici. E allora, dopo l'abbattimento delle statue, soprattutto quella che celebrava l'amicizia tra gli operai russi e ucraini ecco l'incomprensibile decisione di demolire il 'ponte dell'amicizia, (imbrattato con una Z di vernice bianca), dono degli Alpini italiani, che sulla targa avevano inciso parole, sentite e condivisibili, dedicate a tutti i caduti di quella tremenda battaglia della sacca di Nikolajewka (oggi Livenka), da cui gli italiani (che avrebbero avuto il compito di coprire l'alleato tedesco) dovettero poi ripiegare, camminando nella steppa gelata, semiassiderati, affamati, non sconfitti. Ne morirono circa 100 mila, ma tra feriti e dispersi ne possiamo contare altrettanti. È di pochi anni  fa  la scoperta di una grande fossa comune nei pressi di Kirov, sede di un vasto campo di prigionia, dove   senza  alcun dubbio sono state gettate molte centinaia di soldati italiani, in parte riconoscibili.

La 'ritirata di Russia' è ritenuta la più grave tragedia bellica che abbiamo vissuto. E a leggere i racconti scritti dai testimoni combattenti vengono i brividi. Eppure si verificarono anche inimmaginabili gesti di umanità.

Quello che ho sempre presente, e nel cuore, come il libro che lo racconta, è racchiuso  nel notissimo diario di guerra di Mario Rigoni Stern(Il sergente nella neve) e vorrei   che, come auspicava l'autore e testimone, potesse accadere ancora:

“Compresi gli uomini del tenente Danda saremo in tutto una ventina. Che facciamo qui da soli? Non abbiamo quasi più munizioni. Abbiamo perso il collegamento con il capitano. Non abbiamo ordini. Se avessimo almeno munizioni! Ma sento anche che ho fame, e il sole sta per tramontare. Attraverso lo steccato e una pallottola mi sibila vicino. I russi ci tengono d'occhio. Corro e busso alla porta di un'isba. Entro. Vi sono dei soldati russi, là. Dei prigionieri? No.

Sono armati. Con la stella rossa sul berretto! Io ho in mano il fucile. Li guardo impietrito. Essi stanno mangiando attorno alla tavola. Prendono il cibo con il cucchiaio di legno da una zuppiera comune. E mi guardano con i cucchiai sospesi a mezz'aria. Mniè khocetsia iestj, - dico. Vi sono anche delle donne. Una prende un piatto, lo riempie di latte e miglio, con un mestolo, dalla zuppiera di tutti, e me lo porge. Io faccio un passo avanti, mi metto il fucile in spalla e mangio. 

Il tempo non esiste più. I soldati russi mi guardano. Le donne mi guardano. I bambini mi guardano. Nessuno fiata. C'è solo il rumore del mio cucchiaio nel piatto. E d'ogni mia boccata. Spaziba, dico quando ho finito. E la donna prende dalle mie mani il piatto vuoto. Pasausta, mi risponde con semplicità. I soldati russi mi guardano uscire senza che si siano mossi. Nel vano dell'ingresso vi sono delle arnie. La donna che mi ha dato la minestra, è venuta con me come per aprirmi la porta e io le chiedo a gesti di darmi un favo di miele per i miei compagni. La donna mi dà il favo e io esco.

Cosi è successo questo fatto. Ora non lo trovo affatto strano, a pensarvi, ma naturale di quella naturalezza che una volta dev'esserci stata tra gli uomini. Dopo la prima sorpresa tutti i miei gesti furono naturali, non sentivo nessun timore, né alcun desiderio di difendermi o di offendere. Era una cosa molto semplice. Anche i russi erano come me, lo sentivo. In quell'isba si era creata tra me e i soldati russi, e le donne e i bambini un'armonia che non era un armistizio. Era qualcosa di molto più del rispetto che gli animali della foresta hanno l'uno per l'altro. Una volta tanto le circostanze avevano portato degli uomini a saper restare uomini. Chissà dove saranno ora quei soldati, quelle donne, quei bambini. Io spero che la guerra li abbia risparmiati tutti. Finché saremo vivi ci ricorderemo, tutti quanti eravamo, come ci siamo comportati. I bambini specialmente. Se questo è successo una volta potrà tornare a succedere. Potrà succedere, voglio dire, a innumerevoli altri uomini e diventare un costume, un modo di vivere”.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.