Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Permette, Signora? di Mara Rechichi

Permette, Signora? di Mara Rechichi

creato da D. — ultima modifica 25/09/2015 11:13
E mi chiedo cosa serve per avere attaccato addosso un appellativo di cui fregiarsi. Forse una scritta su un foglio di carta? Oppure una condotta ed un comportamento “onorevoli”?

L’ultimo, a memoria, era stato il Prefetto di Napoli, Andrea De Martino, quando un anno fa circa, rimproverò fermamente il prete anticamorra, don Maurizio Patriciello, per essersi rivolto al Prefetto (dovrei dire Prefetta per le femministe vere…) di Caserta, Carmela Pagano, appellandola con il titolo di Signora.
E ieri è successo anche in Calabria. La Garante regionale per l’Infanzia, Marilina Intrieri, ha respinto un carteggio al Prefetto di Crotone perchè nel testo non era stata appellata con il titolo di Onorevole, che “le spetta perchè per due anni è stata Deputato della Repubblica Italiana” (così ha detto lei stessa).
La cosa, devo dire, indigna alquanto. Soprattutto in un momento storico come questo in cui i politici, in carica ed ex, dovrebbero vergognarsi di ricoprire o aver ricoperto tale carica, visto in che condizioni hanno ridotto la Repubblica che hanno o avevano il grande onore di rappresentare.
Mentre mettevo insieme due idee, mi è giunta la mail di una mia amica che mi ha inviato il testo della lettera che ha inviato a Marilina Intrieri in risposta al suo comportamento.
Mi trovo pienamente d’accordo con quanto scrive la mia amica Concetta Grasso e, dunque, vi invito a leggere quanto di seguito.




Onorevole Dottoressa Signora Marilina Intieri,
(spero di avere usato l’ordine giusto!)
immagino che la mia non sarà l’unica risposta al Suo rammarico sul titolo che ingiustamente  le è stato negato, e appunto perché spero non sia unica voglio aggiungere il “mio disappunto” su di un episodio che non voglio definire in quanto si qualifica da solo!

Mi sembra di immaginare un generale vestito di tutto punto alla guida di un esercito di sventurati straccioni che ha contribuito a portare allo sbaraglio. E mi chiedo cosa serve per avere attaccato addosso un appellativo di cui fregiarsi. Forse una scritta su un foglio di carta? Oppure una condotta ed un comportamento “onorevoli”?

Quanta azione è stata fatta su un territorio disgraziato come la terra che “governa” per ciò che riguarda le sue competenze? Quanto si è profusa per portare un cambiamento dove regna la miseria, la pusillanimità, l’inettitudine del “tanto chi ‘ndavimu u facimu?”.

Cosa è cambiato per merito suo nella scuola che dovrebbe accrescere il benessere di una regione, fondamento della cultura del fare e non del “fregio nobiliare”. Io non vedo azioni incisive che La ricordino per apporti migliorativi al territorio! E una per tutte penso al suo “sostegno” alla Preside di San Luca!

Quanto ha contribuito a creare i collegamenti fra i luoghi più distanti per facilitare la comunicazione ed il trasporto locale. Quanto ha sollecitato la cultura della legalità condannando con energia compromessi e connivenze?

Ebbene, se una persona così autorevole questa mattina si firma “Francesco”, lei quanto meno dovrebbe solo annichilirsi e nel silenzio riflettere sulla nullità di un gesto vergognoso!

Altro che aprire un’inchiesta per scoprire chi ha diffuso tale notizia, e spendere i nostri soldi per un futile capriccio!

Vada tra la gente per capire veramente cosa significa lavorare e meritarsi la qualifica di cui intende fregiarsi. Spenda i soldi con la coscienza che soprattutto una donna dovrebbe avere, per arricchire la sua comunità che langue da anni.

Altrimenti rimanga pure attaccata alla sua poltrona, a bearsi nel ricevere lettere dove l’intestazione sia adeguata alla sua caratura, e nella mia speranza che il contenuto sia quello che si merita.

Onorevoli saluti

Concetta Grasso”

L’unica cosa che mi sento di aggiungere è che aveva ragione il grande Totò: Signori, si nasce!

fonte: http://mararechichi.it/?p=3249, 11 settembre 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.