Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché l’Europa è in debito con Antonio Megalizzi, di Davide Giacalone

Perché l’Europa è in debito con Antonio Megalizzi, di Davide Giacalone

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 20/12/2018 09:46
Possono ucciderci, i terroristi islamici, ma non ci cambieranno. Siamo più forti, se solo non dimentichiamo quanto vale quel che viviamo…

Lui lo aveva visto, noi non abbiamo visto lui. Lui si era accorto che l’Europa nella quale viviamo è la migliore che sia mai esistita, noi non ci siamo accorti dei giovani come lui, finendo con il parlare solo di brutti sentimenti, latrati di rabbia, persone che sputano nel piatto in cui mangiano. Abbiamo un debito, con Antonio.

I nostri genitori hanno visto l’Europa peggiore. La guerra, l’odio razziale, la fame. Noi siamo nati in un’Europa divisa, un posto dove Jan Palach poteva morire inascoltato, dove si portavano all’est le calze di nylon per accedere a ragazze che non le avevano, dove il delirio ideologico ancora seminava morte e miseria. Tutto questo è finito, nel 1989. L’Unione europea realizzata successivamente non è la migliore Europa possibile e pensabile, ma è certamente la migliore mai esistita. Per migliorarla ancora occorre difenderla, non offenderla per alimentare propagande nazionaliste dementi e demolenti.

Antonio Megalizzi lo aveva visto, anche costruendo Europhonica, web radio, assieme ad altri come lui. Noi non abbiamo visto lui, continuando ad occuparci della piagnucolosa rivendicazione di adulti rimasti minori. Tanta attenzione per chiunque abbia qualche cosa da pretendere, nessuna per questi giovani europei, che hanno vite da costruire. Grande afflato per chi vuole ritirarsi, trascuratezza per chi vuole avanzare. E non si dica che così funzionano le democrazie, ove conta il mercato del consenso, perché così avvizziscono società senza classe dirigente, perché senza collettivo senso di responsabilità.

Abbiamo un debito, enorme, con Antonio e i suoi amici e colleghi. Con i giovani europei che vogliono essere tali. Ad Antonio e, purtroppo, a tanti altri, quasi sempre bersagli giovani, dobbiamo anche un’altra cosa: questa strategia stracciona di investire o sparare a chi non pensa neppure di doversi difendere miete vite, ma non otterrà nulla. Possono ucciderci, i terroristi islamici, ma non ci cambieranno. Siamo più forti, se solo non dimentichiamo quanto vale quel che viviamo.

https://formiche.net/2018/12/antonio-megalizzi-debito-europa/

 

La lezione di Antonio Megalizzi e la fiammella dell’ideale unitario europeo, di Fulvio Giuliani

Da un microfono, Antonio e i suoi colleghi hanno fatto molto di più, di tanti e inascoltati soloni e lo ha fatto e lo fanno nella sostanziale indifferenza dell’informazione mainstream…

Non conoscevo Antonio Megalizzi. Essere seguito in Twitter o Instagram non equivale a una conoscenza, neppure superficiale. Però, io e Antonio siamo uniti dalla stessa passione: la Radio.

C’è una foto che continua a tornarmi in mente: lui sorridente, dietro un microfono esattamente uguale a quello a cui parlo ogni giorno. Una similitudine, una vicinanza che mi ha colpito, perché in anni diversi, seguendo strade diverse, tanti di noi si sono lasciati attrarre dal fascino di questo incredibile mezzo di comunicazione. Potente e senza tempo.

Antonio Megalizzi, però, lo ha fatto unendo questa passione ad una ancora più alta: l’ideale dell’unione fra i popoli europei. Un ideale innanzitutto da vivere, nel suo quotidiano. Poi, da provare a illustrare a un Paese sempre più distratto da parole d’ordine e luoghi comuni lontani anni luce da quella prospettiva comune. Da un microfono, Antonio e i suoi colleghi hanno fatto molto di più, di tanti e inascoltati soloni, per mantenere viva la fiammella dell’ideale unitario europeo. Lo ha fatto e lo fanno nella sostanziale indifferenza dell’informazione mainstream, tutta presa dall’ultimo, inutile dibattito sullo “zero virgola”, dall’ultima previsione catastrofista, dall’ultimo pianto di coccodrillo, sui ragazzi senza futuro.

Antonio il futuro se l’era andato a cercare, senza lamentarsi, senza pretendere nulla, senza aspettare nulla. Puntando tutto su quell’Europa, che un esercito di retori senza passato, presente e futuro ha scelto irresponsabilmente come facile capro espiatorio di ogni problema e ogni difficoltà. Antonio e il suo sogno inseguito con determinazione e fiducia nell’ideale europeo, hanno dato a tutti noi un’enorme lezione.

Se non sapremo coglierla, se continueremo ad andar dietro all’ultima polemica acchiappa-click o buona per l’ennesimo, stanco talkshow televisivo, saremo indegni dell’eredità di questo giovane e appassionato europeo. Finiremmo anche per dovercene vergognare.

https://formiche.net/2018/12/antonio-megalizzi-fiammella-europa/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.