Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché il gruppo Stato islamico è chiamato anche Isis o Daesh?

Perché il gruppo Stato islamico è chiamato anche Isis o Daesh?

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 02/12/2015 15:45
Isi, Isis o altro: la traduzione offre agli acronimi la possibilità di moltiplicarsi. Scopriamo perché...


Poche ore dopo che la Francia e gli Stati Uniti avevano promesso d’intensificare la guerra contro il gruppo Stato islamico, in risposta agli attentati che hanno provocato 129 morti e più di 350 feriti a Parigi, i caccia francesi hanno cominciato a colpire la roccaforte del gruppo, Raqqa, nel nordest della Siria.

L’operazione è stata condotta in coordinamento con le forze statunitensi, ed entrambe le parti sembrano concordare anche sul nome che usano per indicare questo gruppo terroristico. Annunciando gli attacchi, il ministro della difesa francese si è riferito all’obiettivo “usato da Daesh come posto di comando”.

La traduzione offre agli acronimi la possibilità di moltiplicarsi

Barack Obama ha usato lo stesso nome quando ha parlato, al verticedei leader del G20 in Turchia, di sforzi raddoppiati “per ottenere unatransizione pacifica in Siria ed eliminare Daesh, una forza in grado diinfliggere un dolore così grande agli abitanti di Parigi, Ankara e del restodel mondo”. Anche John Kerry, il segretario di stato americano, hachiamato Daesh il gruppo Stato islamico nel corso di un incontro aVienna.

Il nome del gruppo è stato indicato, a seconda dei casi, con le sigle Isis,Isil, Is e anche Sic. Perché questa confusione?

Uno dei motivi è che il gruppo si è evoluto nel corso del tempo,cambiando il suo stesso nome. All’inizio era una piccola ma brutalmenteefficace fazione della resistenza sunnita all’invasione statunitensedell’Iraq nel 2003 che si faceva chiamare Al Qaeda in Iraq, o Aqi. Nel2007, in seguito alla morte del suo fondatore (e alle accuse di esseretroppo sanguinario, che gli sono state rivolte da Al Qaeda), Aqi hacambiato nome in Stato islamico in Iraq, o Isi. In seguito ha subìtoalcune battute d’arresto sul suo territorio ma, osservando la Siriasprofondare nella guerra civile nel 2011, ha intravisto un’opportunità.

Nel 2013 si era installato nella parte orientale della Siria, assumendo ilnuovo e più aderente nome di Stato islamico in Iraq e Siria (Isis).Rendendo le cose ancora più complicate, l’Isis ha cambiato nuovamentenome nel giugno 2014 , proclamandosi Stato del califfato islamico (Sic),un titolo che riflette le sue ambizioni d’autorità su tutti i musulmani delmondo.

La traduzione offre agli acronimi nuove possibilità di moltiplicarsi. Nellesue prime incarnazioni come Isis, il gruppo voleva mettere indiscussione i confini “colonialisti” usando un vecchio nome geograficoarabo, al Sham, che comprende sia la capitale sirianaDamasco sia la più ampia regione del Levante, il che spiega lapredilezione ufficiale statunitense per l’espressione Stato islamicodell’Iraq e del Levante (o Isil) invece che per Isis. L’equivalente arabo, Al dawla al islamiya fi al Iraq wal Sham, può essere abbreviato inDaesh, così come il nome di Hamas (che significa zelo in arabo) per ilgruppo palestinese è un acronimo di Harakat al muqawama al islamiya,ovvero Movimento di resistenza islamica.

Daesh è il nome che più si è diffuso nei paesi arabi, anche se i membridel gruppo lo chiamano semplicemente al dawla, lo stato, eminacciano di frustare quanti usano il termine Daesh.

Attribuire nomi sgradevoli a persone sgradevoli è una vecchia tradizione.Un po’come per il termine Nazi, che si è impresso in inglese anche acausa della sua somiglianza con parole come nasty (cattivo,disgustoso), Daesh ha un suono, per gli arabi, simile a quello di paroleche significano calpestare, distruggere, sbattere contro qualcosa, ecausare tensione.

Cogliendo questo aspetto, la Francia ha ufficialmente adottato il termineper gli usi governativi. Il suo ministro degli esteri, Laurent Fabius, haspiegato che Daesh ha l’ulteriore vantaggio di non dare al gruppo ladignità di stato. Ban Ki-moon, il segretario generale dell’Onu, ha assuntoun’analoga posizione di critica, denunciando il gruppo come un “Non-stato non-islamico”. Invece di adottare diligentemente l’acronimo Nins,l’Economist ha deciso, per ora, di continuare a chiamare il grupposemplicemente Stato islamico (Is).

(Traduzione di Federico Ferrone)

in www.internazionale.it
Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.