Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché il cattolicesimo italiano è in forte affanno, di Rocco D'Ambrosio

Perché il cattolicesimo italiano è in forte affanno, di Rocco D'Ambrosio

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 08/02/2021 09:31
La crisi sanitaria ha messo in sordina il disagio della comunità cattolica. Le radici del problema e la strada da seguire…

Mi ha molto fatto pensare la domanda di Riccardo Cristiano, che su questo sito, da acuto osservatore esterno, si è posto la domanda: “Da cosa può ripartire l’Italia come comunità senza più partiti di massa, senza consapevolezza sindacale, senza più idea di cosa siano i corpi intermedi, se non dal cattolicesimo come tale, non come gerarchie?”. 

Questo interrogare la Chiesa cattolica italiana sul suo contributo allo sviluppo del Paese suscita diverse risposte e testimonianze, interne ed esterne al cattolicesimo nostrano. Spesso restano in circoli ristretti, raramente affiorano nel dibattito ecclesiale e sociale, comunque formano un’aria di disagio che si allarga sempre più. Il disagio, inoltre, è esasperato da atteggiamenti quali: pastori interessati a denaro e prestigio più che all’aver cura dei fedeli; scandali nascosti continuamente (non solo i casi di pedofilia); omelie e catechesi vuote e insignificanti; laici clericali e asserviti alla gerarchia; costanti richiami ad alcuni temi etici e teologici e voluto oblio per altri, debole lotta alla corruzione e scarsa tutela degli ultimi, specie migranti; connivenze politiche, per lo più con la destra più razzista e antidemocratica. 

Questo disagio è ancora tutto lì e la crisi sanitaria lo ha messo solo in sordina. E alla ripresa postpandemica – si pensi al prossimo anno – ritornerà con tutte le lacerazioni che produce. Non basterà ristabilire le normali attività nelle parrocchie per guarirlo e superarlo. Per due motivi, che espongo come pensiero strettamente personale.

1. Questo disagio ha radici lontani: esistono comunità che, per decenni, hanno sentito parlare della testimonianza cristiana legata solo ad alcuni temi. Il tutto è avvenuto (e avviene) in maniera dogmatica, con molta sicurezza: i principi morali di bioetica, morale sessuale e familiare, la messa in latino e gli sfarzi del passato, sono presentati come i più importanti, il cuore della fede cristiana; mentre gli altri temi, specie sociali, politici ed economici, sono stati trascurati o appositamente dimenticati. Questo tipo di annuncio è stato accompagnato da un’attenzione eccessiva alla loro diffusione mediatica (specie televisiva) e da una scarsa disponibilità al confronto e al dialogo con chi la pensa diversamente, dentro e fuori la Chiesa cattolica. Decenni vissuti con questo stile pastorale e dottrinale – specie nel periodo della presidenza Cei del cardinal Ruini – generano questo tipo di cattolici, per i quali l’adesione a Cristo coincide con la fedeltà ai soli principi di bioetica e morale sessuale, alla messa in latino e allo sfarzo e potere ecclesiali di medioevale memoria. Per loro, come per Schmitt, l’amore per il nemico riguarda solo la famiglia e ambiti privati. Fuori è possibile, è quasi etico fare guerra, esprimere posizioni razziste, rifiutare e condannare senza appello; dove il “fuori” è luoghi di lavoro, società, gruppi, comunità, istituzioni, organismi internazionali. L’esatto contrario di quanto raccomanda la “Fratelli tutti”.

2. Si amplia sempre più il divario tra il magistero di papa Francesco e la prassi di parecchia base cattolica del Belpaese (e non solo). In questi giorni è stato più volte sottolineato che il Papa ha chiesto più volte la convocazione di un sinodo italiano, a livello nazionale e locale – Firenze 10.11.2015, Roma 9 e 20.5.2019, 30.1.2021 per citare i più espliciti – in parallelo con la proposta di adottare l’Evangelii gaudium come testo guida per la riforma ecclesiale. Anche qui le responsabilità vanno individuate in linea gerarchica: chi tace e perché su questo invito pressante? Si è giunti all’assurdo che ci sono ambienti cattolici dove il citare il papa è visto con sospetto, porta ad essere tacciati con i soliti appellativi usati nel passato (eretico, comunista, modernista, pauperista ecc). In una situazione così bloccata, per evitare un corto circuito comunitario, abbiamo il dovere di ricercare delle soluzioni efficaci.

Potrebbero essere preti e laici cattolici che chiedono nelle loro diocesi la convocazione di un sinodo, diverso, per organizzazione e stile, da quelli avuti alcuni anni fa, incentrato su pochi e precisi temi scottanti e determinanti del modo di essere cattolici oggi: per esempio impegno sociale e politico, attività per tutti i poveri e ultimi, dialogo con gli altri cristiani e con i fedeli di altre religioni sul tema della fraternità, solo per citare i maggiori. Sono soprattutto questi temi a creare disagio e perciò è assolutamente importante parlarne con scienza e coscienza, moltiplicare i luoghi e i tempi dove farlo (oltre e unitamente al sinodo), ascoltare testimonianze di tutti, dialogare sul modello di Chiesa più evangelico per l’oggi. E se non sono i vescovi ad organizzare lo chiedano e lo facciano i laici e i preti più sensibili.

Ritorno alla domanda iniziale sull’Italia che può ripartire anche con l’aiuto prezioso della componente cattolica e mi viene in mente Primo Mazzolari. In una sana polemica, a fine anni ’50, sul ruolo della comunità cattolica in Italia, scriveva sull’Adesso che i cattolici non hanno il compito di “far divertire il mondo” ma quello di restituirlo – ieri come oggi – “alla serietà del vivere, del pensare, del sapere”.

https://formiche.net/2021/02/cattolicesimo-italiano-dambrosio/

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.