Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché i ricchi vogliono l’austerità? Lo spiega Krugman, di Elisa Maiucci

Perché i ricchi vogliono l’austerità? Lo spiega Krugman, di Elisa Maiucci

creato da Denj — ultima modifica 14/09/2015 18:18
Il grande dibattito economico degli ultimi anni tra keynesiani, che sostengono la necessità che il governo aumenti la spesa pubblica in una fase di recessione, e i sostenitori dell’austerità, che chiedono un immediato taglio della spesa pubblica, è vicino alla fine, almeno nel mondo delle idee...

Il grande dibattito economico degli ultimi anni tra keynesiani, che sostengono la necessità che il governo aumenti la spesa pubblica in una fase di recessione, e i sostenitori dell’austerità, che chiedono un immediato taglio della spesa pubblica, è vicino alla fine, almeno nel mondo delle idee.

Ne è convinto il premio Nobel all’Economia Paul Krugman, secondo cui, a questo punto, la teoria dell’austerità è implosa. “Non solo sono fallite le previsioni sull’economia reale, ma addirittura la ricerca accademica che ne è alla base si è rivelata piena di errori, omissioni e statistiche dubbie”, spiega l’americano nel suo editoriale sul New York Times.

Le teorie sull’austerity

“I due studi che fungono da pilastro alla teoria del rigore, quello di Alberto Alesina e Silvia Ardagna sull’austerità ‘dell’espansione’ e quello di Reinhart e Rogoff sui rischi derivanti da un debito superiore alla soglia del 90% del Pil, hanno dato vita a critiche feroci. Ma l’austerità ha mantenuto, o anzi, ha rafforzato, la sua presa sull’élite. Perché?”, si domanda l’economista e premio Nobel.

La redenzione del peccato attraverso la sofferenza

“Parte della risposta sicuramente dipende dalla diffuso desiderio di vedere l’economia come uno spettacolo morale, di farne una storia sull’eccesso e sulle sue conseguenze. Abbiamo vissuto oltre le nostre possibilità, e adesso ne stiamo pagando il prezzo. Gli economisti possono spiegare fino alla nausea che questo è sbagliato, che la ragione della disoccupazione di massa non è la vecchia troppa spesa ma il fatto che stiamo spendendo troppo poco ora, e che questo problema può e deve essere risolto. Poche storie, molte persone hanno un senso viscerale del peccato e della redenzione attraverso la sofferenza”, sottolinea Krugman.

L’1% della popolazione

“Ma non si tratta solo di una guerra tra emozioni e logica. Non si può capire l’influenza della dottrina dell’austerità senza parlare di classi e ineguaglianza. L’agenda del rigore non è solo l’espressione delle preferenze della classe sociale più ricca. Ciò che l’1% della popolazione vuole diventa quello che secondo la teoria economica dobbiamo fare”, osserva.

Niente crisi per i ricchi

“Una depressione economica continua serve per gli interessi dei ricchi? C’è qualche dubbio, dato che il boom economico è generalmente positivo per tutti. Quello che è vero, però, è che gli ultimi anni, da quando siamo passati all’austerità, sono stati drammatici per i lavoratori, ma non per i ricchi che hanno approfittato di guadagni crescenti. Quell’1% in realtà non vuole un’economia debole, ma i loro pregiudizi sono duri a morire”, conclude Krugman nel suo editoriale.

fonte: http://www.formiche.net, 26.04.2013

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.