Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché i cristiani dovrebbero restare in Siria? di Paolo Dall'Oglio

Perché i cristiani dovrebbero restare in Siria? di Paolo Dall'Oglio

creato da D. — ultima modifica 29/09/2015 10:38
Questa è la traduzione di un breve testo in francese inviato da Paolo Dall'Oglio tra giugno e luglio, forse inedito anche in Francia. La redazione di Popoli.info ha pensato di pubblicarlo in questi giorni di tristezza e sgomento per la notizia del suo rapimento in Siria...

 

Mi si domanda: «Perché mai i cristiani dovrebbero restare in Siria?». A mio parere la domanda non è ben posta. Dovrebbe essere invece: «Ci saranno ancora cristiani in Siria?».
I cristiani sono autoctoni nel Paese, hanno partecipato alla creazione di una civiltà fertile e sorprendente, avendo saputo vivere, come altrove gli ebrei, all’interno di uno Stato musulmano, di cui sono stati collaboratori attivi ed entusiasti. Sullo sfondo abramitico di questa regione, il buon vicinato acquista una portata teologica: è impossibile immaginare il proprio vicino con cui si condividono pietà religiosa, lavoro, lingua, feste e sostegno reciproco, finire all’inferno con i propri figli… All’improvviso l’altro condivide con noi una dimensione spirituale!
Lentamente la cristianità siriana si è ristretta e impoverita. Ma la crisi attuale rischia di lasciarne solo poche tracce con un valore di reliquie. In generale i cristiani non hanno potuto lanciarsi in massa nella rivoluzione come i loro concittadini musulmani sunniti. Non hanno nemmeno voluto - grazie a Dio - allinearsi in modo compatto agli sventurati alauiti a fianco del regime e della sua orribile repressione. Avendo già parenti all’estero, la maggior parte di loro ha preso la via dell’esilio. I poveri, perlopiù, rimangono e affrontano gli stessi rischi degli altri siriani, costretti a sfollare all’interno del Paese a causa delle distruzioni. Inoltre, l’infiltrazione e la penetrazione dei gruppi radicali sunniti clandestini (gli stessi che il regime degli Assad aveva inviato in Iraq dopo il 2003) nei ranghi, o meglio, nello spazio della rivoluzione, ha provocato attentanti esplicitamente anticristiani, proprio come in Iraq, seminando un terrore che le buone dichiarazioni e i grandi principi della rivoluzione non posso contrastare efficacemente.
All’improvviso, la domanda sembra diventata: «In Siria i cristiani dove potranno restare?». Questo dipende direttamente dalla capacità che avrà la rivoluzione di garantire sicurezza in tempi brevi a tutti i cittadini. Forse i bombardamenti si possono sopportare, ma gli omicidi fanno paura. E così si parte.

Presso i curdi del Nord-Est, i pochi cristiani rimasti sono fuori pericolo e vanno a costituire un primo «reliquiario», come in Iraq. A Ovest, i cristiani della costa condivideranno lo stesso destino degli alauiti, in qualunque modo si mettano le cose, e si può pensare che ne resteranno. Ma se i massacri di sunniti continueranno in questo modo, i nostri cristiani rischiano di essere messi sullo stesso piano dei sostenitori del regime e, perciò, di essere vittime di vendette. Per quanto riguarda tutto il resto del Paese, si tratta di territori nella tormenta. Damasco e Aleppo attendono di cadere. L’angoscia si mischia alla speranza. Se gli Amici della Siria non tarderanno a intervenire e se i democratici - in maggioranza musulmani sunniti - riceveranno l’aiuto necessario, allora è possibile che qualche cristiano decida di restare per ricostruire la patria nella libertà condivisa. Al contrario, ogni ritardo e ogni mancanza di discernimento non può che condurre all’estinzione di una comunità cristiana fondata duemila anni fa dagli Apostoli di Gesù in persona.

fonte: http://www.popoli.info, 5 agosto 2013

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.