Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché Greta Thunberg è contro la politica agricola dell'Unione europea, di Kevin Carboni

Perché Greta Thunberg è contro la politica agricola dell'Unione europea, di Kevin Carboni

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/05/2021 17:59
Per l'attivista svedese la Pac non tiene conto degli obiettivi di sostenibilità ambientale dell'Unione e rischia di comprometterli. Ma Bruxelles non vuole fare passi indietro…

L’attivista svedese Greta Thunberg e i membri della campagna #WithdrawTheCap, hanno avuto un colloquio online il commissario europeo per il clima e per il Green deal europeo, Frans Timmermans, per chiedergli di bloccare il rinnovo della Politica agricola comune (Pac, Cap in inglese). Secondo gli attivisti e altri gruppi ambientalisti, la Pac rischia di minare gli obiettivi ecologici del Green deal europeo. Tuttavia Timmersman ha detto di non avere il sostegno politico necessario per sospenderla.

La Pac è un enorme programma di sussidi, pari ad oltre un terzo dell’intero bilancio dell’Unione europea, che sovvenziona soprattutto l’agricoltura intensiva e l’allevamento industriale. Sebbene nell’accordo raggiunto per riformare la politica siano state introdotte alcune norme per incentivare pratiche più verdi e sanzioni per punire le infrazioni, le associazioni ecologiste hanno fortemente criticato l’accordo, giudicandolo un compromesso al ribasso. 

Anche il commissario europeo per l’agricoltura, Janusz Wojciechowski, ha ammesso che l’accordo raggiunto è incompatibile con gli obiettivi del Green deal, di cui la Pac doveva essere un pilastro. Secondo l’accordo infatti, solo il 6% dei fondi saranno destinati ai piccoli agricoltori, mentre darà l’80% dei sussidi alle aziende agricole europee di maggiori dimensioni, che rappresentano il 20% del totale delle aziende agricole.

Nell’incontro avuto con gli attivisti, Timmermans li ha esortati a lottare per una politica agricola rispettosa del clima, ammettendo che l’accordo della Cap è “lontano dalla perfezione”. Tuttavia, il commissario ha anche aggiunto di non avere il sostegno necessario per soddisfare le loro richieste e ritirare la proposta della Commissione europea. 

Per Thunberg, tuttavia, Timmermans sta sottovalutando la crisi climatica. Secondo l’attivista svedese “i cambiamenti non arriveranno dall’interno, dai negoziati dei politici che discutono di queste cose con i lobbisti. I cambiamenti arriveranno quando ci saranno abbastanza persone consapevoli in grado di spingere per il cambiamento”.

Anche Timmermans ha sottolineato l’importanza delle mobilitazione popolare per sostenere un’azione climatica ambiziosa e spingere le istituzioni a cambiare direzione, aggiungendo però che ancora non ci sono queste condizioni. 

Sommer Ackerman, ecologista britannica presente all’incontro con il commissario, ha criticato duramente questa affermazione: “Le persone sono pronte” ma, per l’attivista, la loro azione è bloccata dalle grandi multinazionali agroalimentari.

https://www.wired.it/attualita/ambiente/2021/05/18/greta-thunberg-politica-agricola-unione-europea/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.