Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Un summit globale sulle libertà religiose

Un summit globale sulle libertà religiose

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/08/2018 09:15
I ministri degli esteri di 80 Paesi e altri alti funzionari di organizzazioni internazionali, insieme a leader e attivisti religiosi e membri della società civile, si riuniscono per condividere meglio le pratiche e spingere con una visione unitaria la promozione della libertà religiosa...

Da Vatican Insider:
Concluso il Summit internazionale promosso da Mike Pompeo e organizzato dal Dipartimento di Stato americano: adottata la Dichiarazione di Potomac...

C’erano ebrei, cristiani, indù, buddisti, musulmani, sikh, yazidi e altri rappresentanti di minoranze religiose perseguitate, dal 24 al 26 luglio a Washington al primo summit internazionale sulla libertà religiosa organizzato dal Dipartimento di Stato americano sulla difesa della fede, della libertà di professione, sulla tutela delle minoranze religiose.

“Ministerial To Advance Religious Freedom” è stato il titolo dell’evento organizzato dal segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, che ha visto la partecipazione di 370 tra esponenti di governi e organizzazioni impegnate nella difesa della libertà di culto.

Filo conduttore della tre giorni sono state le testimonianze dei sopravvissuti alle persecuzioni religiose. Numerosi anche gli interventi, a cominciare da quello dell’ambasciatore degli Stati Uniti per la libertà religiosa, Sam Brownback, che - riferisce l’agenzia Sir - ha ricordato i luoghi dove vivere e testimoniare la propria fede è, ancora oggi, estremamente travagliato e pericoloso. Nigeria, Cina, Myanmar, Turchia, Iraq, Tibet sono alcuni dei Paesi citati per sollecitare l’impegno dei leader presenti a una collaborazione serrata in soccorso di tutti i perseguitati. «Abbiamo bisogno di spostare il mondo dalla tolleranza delle differenze – anche se è importante – alla cura e all’amore sincero delle persone, indipendentemente dalle differenze perché la libertà religiosa è un diritto dato da Dio per tutti e appartiene alla dignità della persona», ha detto Brownback.

Intervenendo in apertura del terzo giorno, il vicepresidente Usa Mike Pence ha annunciato una serie di misure economiche a sostegno della protezione della libertà religiosa. Saranno infatti stanziati ben 110 milioni di dollari per finanziare il “Genocide and Response Program” in soccorso delle vittime di persecuzioni in particolare in Medio Oriente, dove «le persone grazie a questi aiuti potranno tornare alle loro radici e far rifiorire le loro terre» come ha sottolineato Pence. A questo viene affiancato un fondo, il “New International freedom found”, cofinanziato dai governi che promuoverà eventi e iniziative volti a favorire la crescita della libertà religiosa.

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha condensato in cinque punti lo sforzo diplomatico del governo americano nella difesa della libertà religiosa che entra ufficialmente tra le priorità della politica estera del governo Trump poiché integra la strategia sulla sicurezza e sulla pace. Tra i progetti illustrati da Pompeo - informa ancora il Sir - ci sono vari programmi di formazione della leadership sul tema della difesa delle fedi, ospitati sia negli Usa che all’estero, le partnership su progetti finanziati dal governo statunitense e l’adozione della Dichiarazione di Potomac, dove la libertà religiosa viene considerata essenziale per «raggiungere la pace e la stabilità all’interno delle nazioni e tra le nazioni, poiché se questa libertà è protetta lo sono anche le altre libertà da quella di espressione, a quella di associazione e di riunione pacifica e i paesi prosperano, mentre dove è assente a prosperare sono conflitti, instabilità e terrorismo».

Un articolo di Emanuele Rossi:
A Washington presente anche Salvatore Martinez, presidente della Fondazione vaticana Centro internazionale Famiglia di Nazareth, e rappresentante all'Osce per la Lotta a razzismo, xenofobia, intolleranza e discriminazione dei cristiani e dei membri di altre religioni
Da oggi il dipartimento di Stato americano ospita a Washington la riunione internazionale “Ministerial to Advance Religious Freedom”. Sotto la guida del segretario di Stato, Mike Pompeo, e di Sam Brownback, l’ambasciatore per la Libertà religiosa internazionale, i ministri degli esteri di 80 Paesi e altri alti funzionari di organizzazioni internazionali, insieme a leader e attivisti religiosi e membri della società civile, si riuniranno per condividere meglio le pratiche e spingere con una visione unitaria la promozione della libertà religiosa.
È la prima volta che Washington ospita un’iniziativa volta a promuovere la libertà religiosa in tutto il mondo: un messaggio globalista che esce da un’amministrazione accusata di seguire soltanto la rotta America First, e che trova base sull’International Religious Freedom Actdel 1998.
Per l’Italia sarà presente, tra gli altri – oltre all’ambasciatore Armando Varricchio –, Salvatore Martinez, presidente della Fondazione vaticana Centro internazionale Famiglia di Nazareth, e rappresentante personale della presidenza italiana all’Osce  (in esercizio per quest’anno), incaricato da Roma con delega alla Lotta a razzismo, xenofobia, intolleranza e discriminazione dei cristiani e dei membri di altre religioni.
Ogni giorno sarà dedicato ad argomenti specifici, spiega Martinez: “Nella giornata del 24 luglio ci si occuperà del ruolo delle organizzazioni provenienti dalla società civile a difesa della libertà religiosa. Il 25 luglio si discuterà alla presenza di gruppi sopravvissuti alla persecuzione religiosa e di leader religiosi che si riuniranno per raccontare le loro storie. La giornata conclusiva del 26 luglio si concentrerà sul ruolo dei governi, con i rappresentanti governativi e delle organizzazioni internazionali che parteciperanno alle sessioni plenarie”. Temi centrali? “Identificare le sfide globali alla libertà religiosa; sviluppare risposte innovative alla persecuzione sulla base della religione; condividere nuovi impegni per proteggere la libertà religiosa”.
Martinez terrà incontri anche per conto della Fondazione Vaticana negli Stati Uniti, “che sarà guidata da un innovativo board composto da rappresentanti di diverse fedi”; previsto anche un incontro con monsignor Christophe Pierre, nunzio apostolico negli Usa, e con alcuni congressisti.
La mossa di Pompeo – anticipata dalla pubblicazione di un report sulle libertà religiose da parte del suo dipartimento – è innovativa e positiva, soprattutto se si considera che il tema dei diritti e delle libertà non è stato sempre centrale nelle mosse di politica estera del Presidente Donald Trump (un esempio recentissimo, la vicenda di Liu Xia, dissidente cinese e vedova del premio Nobel per la pace Liu Xiaobo: secondo il New York Times è stata la Cancelliere tedesca Angela Merkel ad aver svolto il ruolo di primo piano nell’incalzare la Cina a liberarla, segnando la prima volta negli ultimi decenni in cui gli Stati Uniti non hanno guidato la difesa diplomatica di una prigioniera politica cinese).
La situazione è stata fotografata anche da uno studio del Pew Research Center che mostra come nel 2016 (ultimo anno analizzato) le libertà religiose abbiano avuto una restrizione da parte dei governi che guidano almeno la metà dei paesi; il dato peggiore dal 2013.

Schermata 2018-07-24 alle 10.30.42

Se in Europa sono i musulmani l’obiettivo principale dei pregiudizi religiosi, altrove tocca agli ebrei o ai cristiani: “I cristiani sono stati molestati in più Paesi di qualsiasi altro gruppo religioso”, scriveva la Pew nel 2015. Su Foreign Policy, Ashlyn Webb Will Inboden, entrambi dell’Università di Austin, citano il libro “Under Caesar’s Sword” dove quindici studiosi hanno esaminato la situazione in 24 Paesi: Kent Hill, il direttore esecutivo del Religious Freedom Institute, si è occupato per esempio del capitolo su Iraq e Siria, Paesi stravolti dalla cavalcata dello Stato islamico e dalla guerra civile, “le cui barbarie hanno provocato una delle più grandi crisi di rifugiati del 21° secolo”, e dove si è “assistito alla completa decimazione delle rispettive popolazioni cristiane”.

Come in Pakistan le severe leggi sulla blasfemia continuano a reclamare la vita di cristiani innocenti (come quella del pastore Shahbaz Bhatti), così nella regione cinese dello Xinjiang, migliaia di musulmani uiguri sono attualmente detenuti in campi di rieducazione, in condizioni difficili e spesso separati dai membri della famiglia. Una questione che copre ampie aree geografiche e ampie realtà socio-politico-religiose, di cui il dipartimento di Stato ha provato a intestarsi la guida con una spinta per riportare l’America sulla vetta del mondo in tema di rispetto dei diritti e valori democratici.

Iniziative di questo genere sono anche il frutto dei contatti del mondo cristiano evangelico con l’amministrazione Trump e con il presidente stesso: promuovere la libertà religiosa è una questione di sicurezza nazionale, che riduce l’instabilità e la probabilità di azioni terroristiche, spiegava per esempio Travis Weber, direttore del Center for Religiuos Liberty sul sito del Family Research Council (istituzione diretta da Tony Perkins che una volta ha spiegato a Politico che gli evangelici sostengono Trump perché l’amministrazione Obama che lo ha preceduto, “e i suoi leftisms” li avevano lasciati indietro).

http://formiche.net/2018/07/perche-gli-usa-convocato-un-summit-globale-sulle-liberta-religiose/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Copertina114

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 114
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: L'Europa

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) testi già inviati; in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?)  testi da inviare entro il 30 agosto 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.