Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Perché è fallita l’esportazione della democrazia in Afghanistan, di Nadia Urbinati

Perché è fallita l’esportazione della democrazia in Afghanistan, di Nadia Urbinati

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 18/08/2021 08:23
Non si crea democrazia senza popolo, non si scrive una costituzione democratica senza un sovrano collettivo riconosciuto…

Le celebrazioni del ventesimo anniversario dell'attentato dell'11 settembre 2001, con il crollo delle torri gemelle a New York e l'attacco al Pentagono, coincidono con la caduta di Kabul in mano ai Talebani. In mano cioè a coloro che l'amministrazione guidata vent'anni fa da G.W. Bush ritenne responsabili, insieme agli iracheni di Saddam Hussein, di aver finanziato e preparato i terroristi di Osama bin Laden.

Le forze della Nato risposero all'unisono all'appello, senza discutere. Quella guerra assurda e sbagliata, motivata con menzogne, costata fiumi di denaro e molta corruzione, ha fatto la felicità dei contractor statunitensi immanicati con il Partito repubblicano, allora dominato dal vicepresidente Dick Cheney.

Non si crea democrazia senza popolo, non si scrive una costituzione democratica senza un sovrano collettivo riconosciuto. 

Alcuni teorici democratici si impegnarono a fare di necessità virtù: l'occupazione, si legge in diversi articoli accademici usciti a partire dal 2003, potrebbe e dovrebbe diventare un'occasione per traghettare gradualmente l'Afghanistan e l'Iraq verso la democrazia, riparando a un torto (una guerra ingiusta) con un lascito positivo.

La comparazione con il successo democratico della seconda guerra convinse alcuni studiosi che fosse possibile un simile esito anche in medio oriente. Come avvenne in Giappone e in Germania, dove la costituzione democratica arrivò dopo bombardamenti devastanti e un'arresa senza condizioni da parte delle forze dell'Asse.

Nessuna sensata comparazione era possibile con la Germania, un paese che aveva avuto una notevole tradizione politica, che aveva anzi conosciuto un'importante stagione di costituzionalismo democratico contro il quale si era scagliato il nazismo.

Circa il Giappone, i suoi leader sconfitti accondiscesero senza resistenza al comando del Generale Douglas MacArthur, che si impose come combattente di una causa giusta. Era in effetti il modello MacArthur di occupazione a motivare chi sperava in una transizione democratica in Afghanistan. 

Ma a differenza del Giappone, l'Afghanistan non aveva né un società civile consolidata né una cultura religiosa disposta a facilitare un compromesso con il liberalismo e la modernità.

La precarietà della situazione afghana fu immediatamente evidente, già nel 2003, per la difficoltà a unificare la frammentata amministrazione delle sue regioni e, soprattutto, per l'ostilità mai mitigata nei confronti degli invasori occidentali.

Nonostante la pregevole produzione di ricerche e l'impegno a dar corso pratico alle strategie di transizione, la guerra delle forze Nato non aveva alcuna giustificazione e non poteva vantare alcuna pretesa di giustizia. Si trattava semplicemente di un'occupazione militare, giustificata con menzogne. Nessuna buona volontà poteva rimediare a quel torto originario.

 

https://www.editorialedomani.it/idee/commenti/perche-e-fallita-lesportazione-della-democrazia-in-afghanistan-guerra-torri-gemelle-kdjtx38b

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.