Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti, scelti da noi / Per sostenere lo sviluppo serve una tassa universale per le multinazionali, di Thomas Piketty

Per sostenere lo sviluppo serve una tassa universale per le multinazionali, di Thomas Piketty

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 29/04/2021 10:09
L’unico modo di evitare il disastro è invitare i paesi poveri al tavolo delle trattative e ridistribuire i profitti in base alla popolazione…

La pandemia di covid-19, la più grave crisi sanitaria mondiale da un secolo a questa parte, ci obbliga a ripensare l’idea di solidarietà internazionale. Oltre al diritto a produrre vaccini e materiale sanitario, bisogna interrogarsi sul diritto dei paesi poveri a svilupparsi e a percepire una parte del gettito fiscale generato dalle multinazionali e dai miliardari del pianeta. Occorre uscire dall’idea neocoloniale degli aiuti internazionali affidati alla buona volontà dei paesi ricchi e passare a una logica fondata sui diritti collettivi. Partiamo dai vaccini.

Alcuni sostengono (sbagliando) che non servirebbe a niente annullare i brevetti sui farmaci, perché i paesi poveri non riuscirebbero a produrre da soli le dosi di vaccino. È falso. India e Sudafrica hanno capacità importanti di produzione, che potrebbero essere rafforzate, e il materiale sanitario può essere fabbricato quasi ovunque. India e Sudafrica non a caso hanno preso le redini di una coalizione di un centinaio di paesi per chiedere all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) di annullare i brevetti. Opponendosi a questa iniziativa, i paesi ricchi hanno lasciato campo libero alla Cina e alla Russia e hanno perso anche l’occasione d’innescare un cambiamento epocale e di mostrare che la loro concezione del multilateralismo non va solo in una direzione. Speriamo che facciano marcia indietro.

In realtà tutto il sistema economico mondiale dev’essere ripensato. In particolare, il dibattito sulla riforma della fiscalità non può riguardare solo i paesi ricchi, che vogliono spartirsi i profitti trasferiti nei paradisi fiscali. Il problema dei progetti discussi all’interno dell’Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico (Ocse) è proprio questo; l’Ocse vorrebbe che le multinazionali facessero un’unica dichiarazione dei loro profitti a livello mondiale, il che in sé è una cosa eccellente. Ma per dividere questa base imponibile tra i paesi, si prevede di usare un misto di criteri che in pratica porterà ad attribuire ai paesi ricchi più del 95 per cento dei profitti ridistribuiti, lasciando solo le briciole a quelli poveri. L’unico modo di evitare questo disastro è invitare i paesi poveri al tavolo delle trattative e ridistribuire i profitti (almeno in parte) in base alla popolazione.

Bisogna inoltre inserire questo dibattito nella più ampia prospettiva di una tassa progressiva sui redditi e i patrimoni più elevati, e non solo di una tassa minima sui profitti delle multinazionali. La tassa minima del 21 per cento proposta dall’amministrazione Biden è un passo avanti notevole, tanto più che negli Stati Uniti si prevede di applicarla subito. Detto in altri termini, le succursali delle multinazionali statunitensi con sede in Irlanda (dove l’aliquota è del 12 per cento) pagheranno una tassa supplementare del 9 per cento al fisco di Washington. La Francia e l’Europa, che continuano a difendere l’idea di una tassa minima del 12 per cento, appaiono completamente travolte dagli eventi.

Questo sistema d’imposizione minima sulle multinazionali resta comunque insufficiente, se non s’inserisce in una prospettiva più ambiziosa per ristabilire la progressività delle tassazioni a livello individuale. L’Ocse fa delle proposte che frutterebbero meno di cento miliardi di euro, ovvero meno dello 0,1 per cento del pil mondiale (circa centomila miliardi di euro). Per fare un confronto, un’imposta mondiale del 2 per cento sui patrimoni superiori ai dieci milioni di euro genererebbe dieci volte tanto: mille miliardi di euro all’anno, ovvero l’1 per cento del pil mondiale, che potrebbe essere ridistribuito a ogni paese in base alla sua popolazione. Anche l’opzione meno ambiziosa basterebbe a sostituire tutti gli attuali aiuti pubblici internazionali, che rappresentano meno dello 0,2 per cento del pil mondiale.

Ma perché ogni paese avrebbe diritto a una parte del denaro prelevato dalle multinazionali e dai miliardari del pianeta? Innanzitutto perché ogni essere umano dovrebbe avere un uguale diritto alla sanità, all’istruzione e allo sviluppo. E poi perché la prosperità dei paesi ricchi non esisterebbe senza i paesi poveri: l’arricchimento dell’occidente si fonda sulla divisione internazionale del lavoro e sullo sfruttamento sfrenato delle risorse naturali e umane del pianeta.

Per evitare che i soldi vengano usati male, bisognerebbe estendere la caccia alle fortune accumulate illegalmente, provenienti dall’Africa, dal Libano o da qualsiasi altro paese. Il sistema della circolazione incontrollata dei capitali e dell’opacità finanziaria imposto dal nord del mondo a partire dagli anni ottanta ha contribuito a minare il fragile processo di costruzione dello stato nei paesi del sud, ed è tempo che finisca.

Ultimo punto: niente impedisce a ogni paese ricco di riservare a quelli poveri una parte delle imposte prelevate sulle multinazionali. È tempo di sfruttare il vento nuovo che viene dagli Stati Uniti e di indirizzarlo verso un sovranismo universalista.

https://www.internazionale.it/opinione/thomas-piketty/2021/04/24/sviluppo-tasse-multinazionali

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , , ,
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Prossimi eventi
Il voto politico tra astensione e progetti 03/09/2022 16:00 - 20:00 — Sala Bice Leddomade, via Sanges 11/A, Cassano delle Murge (BA)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). In preparazione.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 30 giugno 2022.

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 agosto 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.